L’Espresso titola: De Luca sfida Caldoro contro tutto e tutti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa
de-luca-salerno-de lucaDecaduto. Condannato. A rischio sospensione. Con molti nemici. Al potere dal ’93. De Luca affronta con veemenza la battaglia elettorale campana che si concluderà il 31 maggio. E punta a essere nella sua regione quello che Renzi vuole essere per l’Italia. Comincia così un lungo articolo a firma di Marco Damilano e pubblicato su l’Espresso.

Ecco alcune parti dell’articolo: Staff all’americana, tutti under 40, piante, biciclette, computer, il candidato De Luca si muove con il piglio più congeniale, quello del caterpillar. Uno schiacciasassi che a Salerno ha spianato avversari e amici. Come le ruspe che gli piacciono tanto e che hanno trasformato la città. Il panorama che si vede scendendo dall’autostrada da Napoli verso il mare. Gru dappertutto. In periferia. Intorno al porto. Accanto al fiume Irno. Nel centro storico. La sua impronta più visibile. «La mia forza è il radicamento. Il rapporto di sangue con una comunità», scandisce De Luca. E di sangue e di altra nobile materia, come diceva il socialista Rino Formica, è impastata la politica in Campania, la seconda regione italiana per popolazione e anche la seconda più povera, superata solo dalla Calabria, con il tasso di disoccupazione al 21 per cento e quello giovanile che va oltre il cinquanta.

La sfida è fotocopia, la stessa di cinque anni fa, Caldoro contro De Luca, ma a parti invertite. Nei sondaggi il presidente uscente è ancora in testa, ma il vento spinge a favore dello sfidante salernitano.
Bisogna guardarlo da vicino il deluchismo per capire cosa succederà in Campania e forse in Italia. Con il paradosso del nuovo Pd renziano che alle primarie di tre settimane fa ha deciso di affidarsi a un politico di professione, eletto sindaco per la prima volta quando Matteo Renzi usciva dal liceo, per di più decaduto dalla carica, condannato in primo grado per abuso di ufficio e destinato a essere sospeso dalla carica in caso di elezione ai sensi della legge Severino. Un dinosauro della politica. Uno che ha già perso contro Caldoro cinque anni fa. Un impresentabile, si sarebbe detto in altri tempi.

E invece perfino i nemici dichiarati pronosticano una vittoria: «Il Pd ha sbagliato tutto», accusa il deputato salernitano Guglielmo Vaccaro, che contro l’ex sindaco due anni fa armato di un materassino preso in prestito dai figli occupò la sede provinciale del partito. «Primo errore: hanno pensato che De Luca si sarebbe fermato di fronte alle condanne, e invece si è ringalluzzito. Secondo errore: in regione i notabili avevano trovato l’accordo per far saltare le primarie e candidare l’ex ministro Luigi Nicolais, e invece a Roma quel grande stratega di Matteo Orfini ha convinto Renzi che nei gazebo avrebbe vinto Andrea Cozzolino, si è visto com’è andata. Ora aspettano che succeda qualcosa: una nuova condanna, una candidatura alternativa. Ma De Luca andrà avanti».

Sulla legge Severino il candidato ha già centrato il suo obiettivo: trasformare la sua vicenda personale in un caso nazionale. L’opportunità di modificare la legge nel punto che prevede la sospensione per gli amministratori condannati in primo grado è stata riconosciuta, con qualche incertezza, dal presidente dell’anti-corruzione Raffaele Cantone. De Luca incassa il risultato. Sembra un samurai che affila la katana, la spada: «La mia è una battaglia di civiltà democratica. Dobbiamo chiudere una stagione in cui un qualunque atto giudiziario e una qualunque campagna di opinione pubblica potevano ribaltare la volontà popolare. Sono stato condannato per un reato linguistico dopo otto anni di indagine per un esposto anonimo. L’Italia è morta se tra il groviglio amministrativo e il codice penale c’è la paura della firma, nessuno fa più nulla».

 

Il secondo elemento del deluchismo è il dogma del fare. Costruire, edificare. Ossessione incomprensibile ad altre latitudini, ma qui è un’altra storia e De Luca va fiero delle sue realizzazioni, come il porto turistico di Santiago Calatrava o la riapertura del teatro Verdi con la direzione del maestro Daniel Oren. Nonostante le molte incompiute. Il palazzetto dello sport che doveva nascere accanto allo stadio Arechi è un cimitero di cemento armato immerso in acqua putrida e invaso dai rovi. L’ex pastificio Amato che doveva diventare una residenza di lusso è uno scheletro disabitato in mezzo a una discarica di buste, scatole, copertoni, vasche da bagno e l’ex presidente del Monte dei Paschi di Siena Giuseppe Mussari è stato rinviato a giudizio per l’inchiesta sulla vendita dell’immobile.

Il tribunale nel cuore della città progettato da David Chipperfield, la prima pietra fu posata di fronte a D’Alema premier alla fine degli anni Novanta, è una cattedrale disabitata. Il simbolo dell’era De Luca, il Crescent, il gigantesco edificio residenziale a mezzaluna disegnato dall’architetto catalano Ricardo Bofill che circonderà la nuova piazza della Libertà, la Tienanmen del grande timoniere salernitano, è un enorme cantiere sul mare. «Completeremo tutto in un anno e mezzo», assicura De Luca. «Siamo stati bloccati dal comitatismo che è uno pseudo-ambientalismo. L’unico stop che riconosco è quello del palazzetto, i lavori si sono fermati perché l’impresa di costruzione è fallita». E rivendica i risultati del suo buon governo: il centro storico, la sicurezza, il 70 per cento di raccolta differenziata, primato nel Sud, la rete degli asili nido che lancia Salerno tra le prime cinque città italiane, il piano di energie rinnovabili, la gestione spartana dei costi della politica.

L’essenza del deluchismo è proprio la miscela di vecchio e di nuovo, il suo presentarsi come arcaico e modernizzatore. «Può non piacere il suo stile tribunizio», spiega il politologo Mauro Calise. «Ma la sua battaglia per la buona amministrazione non paralizzata dai veti è positiva. In questo la Campania rappresenta un laboratorio nazionale. Una prova per vedere se il messaggio può funzionare nel resto del Paese. Anche per Renzi».

Come Renzi, De Luca in Campania si muove nel vuoto della classe dirigente. Il nuovo Pd non esiste, doveva interpretarlo Gennaro Migliore e si è dileguato. A destra Caldoro deve far dimenticare cinque anni di immobilismo, la devastazione del sistema dei trasporti, fiore all’occhiello di Bassolino, la cattiva gestione dei fondi europei. Sul piano politico c’è la frana di Forza Italia. E c’è la galassia centrista in agitazione. L’uomo forte dell’Ncd in regione è il sottosegretario Gioacchino Alfano. La sfinge Ciriaco De Mita ancora non si è espresso, per invogliarlo, forse, la regione di Caldoro ha appena stanziato cinque milioni di euro per il comune di Nusco del vecchio leader. I collettori dei voti, tipo Pasquale Sommese traslocato da Bassolino a Caldoro, valutano il da farsi.

Il segretario dell’Udc salernitano Luigi Cobellis si è già spostato, entra e esce dal comitato De Luca dove si è presentato anche l’ex sfidante delle primarie Cozzolino con le sue truppe a disposizione. I gruppi di pressione cominciano a schierarsi. Il tam tam segnala De Luca in difficoltà nel mondo della sanità e tra gli imprenditori, in ripresa nel potentissimo mondo universitario, nonostante l’ex rettore della Federico II Guido Trombetti sia assessore di Caldoro. E c’è l’incognita Caserta, come si muoverà quel che resta del sistema Cosentino. Vicienz’ aspetta. Per la campagna ha scelto una parola a sorpresa. Desiderio di cambiare, di non vedere più la Campania ultima nelle classifiche. Ma per lui, il combattente all’ultima guerra, il desiderio è sempre lo stesso. Lo accomuna al sindaco d’Italia che governa da Roma. Vincere.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

17 COMMENTI

  1. Bellissimo pezzo giornalistico che fotografa perfettamente la situazione del PD e della Campania, nonchè la grave crisi della giustizia in Italia.

  2. Bene, De Luca, se anche l’Espresso parla di Deluchismo, come si parla di Renzismo e come si parlava di Berlusconismo, allora è vero che il carro armato sta avanzando.
    Come mai non si è mai parlato di Caldorismo? Si vede che l’attuale governatore della Campania ha inciso poco.
    Rita tranquilla tanto difficilmente si parlerà di Ritismo!!!

  3. Perchè non chiedete ai chiancarellari il motivo delle incompiute locali
    e ai vari governi per le opere ministeriali incompiute?
    E quale sarebbe quest’edificio tanto enorme ?
    Sempre grati a VDL che ha dato un pò di dignità a questa città.

  4. Una descrizione perfetta del despota, il Mussolini degli anni 2000!
    Noi salernitani ne usciamo malissimo, siamo senza spina dorsale.

  5. de luca si sta sbattendo, sulla scia di primarie un tantino falsate (a pastena si votava ogni 6 secondi x de luca?!), quindi perderà, tra l’altro è condannato, di sto passo metteremo i pedofili a dirigere gli asili: bah!!!

  6. C’è poco da stare allegri!!! Lunedì scorso 23 marzo il sole24ore ha pubblicato l’incidenza pro capite del costo di Imu e Stasi e noi salernitani, grazie a De Luca, abbiamo vinto un altro primato: anche nel 2014 siamo stati i più tartassati della Campania con ben 319,2 euro a testa; segue Benevento con 290,00 euro, Avellino con 268,6 euro, Caserta con 240,6 euro e Napoli con 236,1 euro. E` solo spremendo i salernitani che si finanziano le velleità di De luca. Succederà anche a tutti i campani? L’articolo non si avventura in questo terreno…

  7. condannato approfittando dell’ignoranza del popolino delle luci cinesi e della mancanza di lavoro,ha sistemato tanti suoi sgherri nelle municipalizzate fallite ,svendendo un gioiello come la centrale del latte ,ad altri condannati,per evitare il fallimento del comune, in totale dissesto finanziario.Questo cesso di città del nulla, con una qualità della vita pietosa,ecomostri ed opere megalomani incompiute,ma con le tasse più alte d’Italia ,prima o poi tirerà le somme e sarà commissariata.

  8. Fatevi un giro per le altre realtà italiane e poi parlate, comunque sappiate che la democrazia è fatta dalla maggioranza dei cittadini e non dalle varie Rite che popolano queste pagine a sparare balle intrise di odio! E ricordate a Rita che Mussolini non indiceva elezioni. Questo lei non lo sa!

  9. Cara Rita parla per te, io mi sento fiero di essere salernitano, con DE LUCA ALLA REGIONE CAMPANIA LO SAREMO ANCORA DI PIU’ SIA COME SALERNITANI E SIA COME CAMPANI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Avessimo tutti la spina dorsale come DE LUCA, CHE NON SI E’ PIEGATO DAVANTI AD UNA GROSSA INGIUSTIZIA QUAL E’ LA LEGGE SEVERINO, sicuramente L’Italia sarebbe un paese vincente così come potrebbe esserlo la CAMPANIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! FORZA DE LUCA FORZA SALERNO FORZA NAPOLI FORZA BENEVENTO FORZA AVELLINO FORZA CASERTA E FORZA CAMPANIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    SIGNORI DELLA SANITA’ CAMPANA VOTATE PER DE LUCA!!!!!!!!!!!!!!!

  10. su Panorama si sono dimenticati qualcosa…riaperto la villa comunale, realizzato il parco del mercatello, dislocato fuori città il cementificio, realizzata e avviata la metropolitana che qualcuno ha ostacolato fino a pochi mesi fa, ristrutturato i sagrati di molte chiese, coperta la piscina di Torrione, realizzate le piscine all’Arbostella e dietro via luigi guercio, pista ciclabile da pastena al centro, rifatto il lungomare non solo al centro ma anche fino a pastenza, e sicuramente sto dimenticando qualcos’altro…

  11. E’ senza dubbio un valore non avere tutti le stesse opinioni …ma proviamo ad essere lucidi ed obiettivi nel valutare il risultato del disegno complessivo tracciato negli anni da De Luca nella nostra città. Certo, questo comporta uno sforzo in più per acquisire una visione più ampia ed aperta, ma lo dobbiamo al futuro di Salerno.

    …da un salernitano trapiantato a Roma, fiero della sua città di origine e della quale sempre più spesso parlano nella capitale e in maniera assolutamente positiva!

  12. efficienza e potere decisionale
    Le opere come Piazza della liberta,il nuovo porto Marina D’Arechi,la lungoirno,sono i primi tasselli di una città che non ha opere d’arte e monumenti,bisogna inventare sempre nuove cose a Salerno Forza De Luca forever

  13. MA LE LEGGI ESISTONO O NO? SE ESISTONO NON C’E’ SCUSA CHE TENGA DEVONO ESSERE APPLICATE. PUNTO E BASTA!
    POI QUANDO E SE VERRANNO CAMBIATE – SENZA LEGGI AD PERSONAM DI BERLUSCONIANA MEMORIA – ALLORA SI POTRA’ PARLARE. PER ORA TUTTI RIPETO TUTTI SIAMO TENUTI AL RISPETTO DI ESSE. SENZA ESSERE TIFOSI DI NESSUNO DICO CHE COLORO I QUALI DICONO IL CONTRARIO IN QUESTA RUBRICA SONO IN CATTIVA FEDE.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.