Salerno: al Museo diocesano San Matteo per un mese l’esposizione della Sacra Sindone  

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Sacra_Sindone_4E’ stata inaugurata oggi presso il Museo Diocesano di Salerno l’esposizione della Sacra Sindone, in una delle più antiche e fedeli riproduzioni del Sacro Lino, datato 1665 ed appartiene alla Diocesi di Salerno. L’esposizione è stata fortemente voluta dal Direttore Don Luigi Aversa a da Sua Eccellenza Mons. Luigi Moretti. Per l’occasione è stata allestita la Cappella Santa Caterina del Museo, in cui la Sindone  stata adagiata in una teca appositamente realizzata per permettere la migliore fruizione possibile. Dopo l’ultima ed unica volta in cui è stata esposta risalente all’ottobre del 1978, la Sindone salernitana ritorna al pubblico e rimarrà in mostra per due mesi, dal 24 Marzo al 24 Maggio 2015, giorno di Pentecoste, insieme ad una sezione fotografica a cura di Emanuela Marinelli e dell’Associazione Amici Romani della sindone, per dare a tutti l’opportunità di ammirarla unitamente alle opere del Museo.

VIDEO

INTERVENTO MONSIGNOR LUIGI MORETTI

INTERVENTO DOMENICO REPICE

INTERVENTO PAOLO DI LAZZARO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. già la sindone di Torino è un lenzuolo medioevale che ha avvolto un corpo di uno sconosciuto condannato alla crocifissione ( forse), figuriamoci la copia dipinta che interesse può suscitare!
    se si leggono i vangeli si deduce che Gesù fu calato dalla croce avvolto in un lenzuolo e deposto nel sepolcro frettolosamente perchè il venerdì sera iniziava il sabato della parasceve per la preparazione della pasqua ebraica e il corpo non fu nemmeno preparato con gli oli e i profumi , cosa che dovevano fare le donne la domenica mattina successiva. Pertanto come poteva formarsi una figura ben impressa sul lenzuolo , senza sbavature e senza strisce di sangue. Inoltre , nei vangeli si parla di lenzuolo e sudario che avvolgeva il capo e anche di bende e non di lenzuolo , perciò , almeno il volto doveva essere impresso nel sudario e non nel lenzuolo sindonico.
    La chiesa si rassegni e non crei illusioni nei credenti creduloni.

  2. La Sacra Sindone rappresenta l’occasione per i credenti di rinsaldare la propria fede, di continuare il cammino che Gesù ha indicato ed accoglie “il bisogno di riscoprire la fecondità del silenzio in un mondo dove la confusione ed il frastuono impediscono all’uomo d’ascoltare la parola di Dio che invece è sempre alla sua ricerca” (Papa Giovanni Paolo II).
    Rappresenta, altresì soprattutto per i non credenti, la possibilità di una conversione, l’occasione per trovare il Cristo che invano hanno provato a cercare.

  3. chi ha fede è normale che sia irrazionale e credulone
    bussate e vi sarà aperto, chiedete e vi sarà dato
    milioni di persone lo fanno ma senza nessun risultato
    milioni di pecore smarrite che nessuno va a cercare
    e per concludere , la resurrezione è solo una leggenda priva di fondamento che serve solo a creare una aspettativa nel dopomorte e dare una speranza , ma solo questa, a chi ha fede
    la morte è l’inizio del nulla , questa è la verità
    il rispetto e l’amore per il prossimo è l’unica possibilità di riscatto per gli esseri umani e questo non ha bisogno di religioni o messia vari o di paure per un aldilà senza premio di vita eterna.

  4. 1. La resurrezione è un fatto storico!Del Prof Josh McDowell

    Prima della mia ricerca non sapevo che vi fosse una così ampia documentazione storica, letteraria e giuridica che attestasse la validità della resurrezione. Ecco le osservazioni di alcuni studiosi:

    Un professore di storia romana

    Il Prof. Thomas Arnold, autore dell’opera in tre volumi Storia di Roma e docente di storia moderna all’Università di Oxford, scrisse: “Per molti anni ho studiato la storia di altre epoche ed ho esaminato e valutato i documenti che la trattano: però non conosco ancora alcun fatto nella storia dell’umanità che sia testimoniato da prove migliori e più complete che possano soddisfare pienamente il ricercatore più imparziale.”

    Un critico testuale

    Uno studioso inglese, Brooke Foss Wescott, disse: “Se vengono presi in considerazione tutti i documenti, non è azzardato dire che non c’è nessun altro avvenimento storico meglio e più variamente documentato della resurrezione di Cristo. Solo il preconcetto che l’avvenimento dabba essere per forza falso può aver suggerito l’idea che le prove a suo favore fossero deboli.”

    Un professore di storia antica

    Paul L. Maier, professore di storia antica all’Università di Western Michigan, concluse che: “Se tutti i documenti venissero esaminati con cura ed onestà, secondo i normali criteri della ricerca storica, sarebbe legittimo concludere che la tomba nella quale Gesù fu sepolto era realmente vuota la mattina della prima Pasqua. Non è stato ancora scoperto un frammento di testimonianza nelle fonti storiche o archeologiche in grado di contraddire questa affermazione”.

    Un Primo Presidente della Corte Suprema inglese

    Lord Caldecote, magistrato supremo del sistema giudiziario inglese, ha scritto: “La mia fede fin dal principio si è fondata su ciò che secondo me era rivelato nella Bibbia. Quando, in particolare, giunsi al Nuovo Testamento, ai vangeli e agli altri scritti degli uomini che erano stati amici di Gesù Cristo, mi parvero documenti di assoluta autenticità, perché dimostravano la fondatezza dei fatti che esponevano…Quando ho affrontato il tema centrale del crestianesimo, cioè la resurrezione di Gesù Cristo, ed ho cercato di esaminarne la fondatezza, sono giunto alla conclusione che si trattava di una realtà al di sopra di ogni dubbio.”

    Un`autorità in campo giuridico

    Un uomo che aveva una notevole capacità nell’esaminare la validità delle prove era Simon Greenleaf, noto professore di Dritto all’Università di Harvard e autore della famosa opera in tre volumi “A treatise on the Law of Evidence”
    (Un trattato sui principi di accertamento delle prove), ancora oggi considerata tra le più importanti nel campo della letteratura giuridica.

    Anche Greenleaf esaminò il valore delle testimonianze storiche sulla resurezzione di Gesù Cristo applicandovi i principi che aveva formulato nella sua opera sull’accertamento delle prove. Greenleaf asserì che secondo le norme di validità delle prove usate nei tribunali, vi sono più pove riguardanti l’evento storico della resurrezione di Gesù Cristo, di quante ve ne siano su qualsiasi altro avvenimento della storia.

    Un procuratore generale

    John Singleton Copley, un inglese meglio conociuto come Lord Lyndhurst, è considerato un dei più grandi esperti giuridici della storia inglese. Egli fu procuratore generale del governo britannico, tre volte Gran Cancelliere d’Inghilterra e infine Sovrintendente all’Università di Cambridge. Nella sua vita ricoprì le più alte cariche mai conferite ad un giudice in Gran Bretagna. Quando morì, insieme ad altri documtenti personali, furono ritravati i suoi commenti sulla resurrezione, analizzata alla luce delle prove giuridiche e accompagnati da una nota esplicativa sulle ragioni per le quali era divenuto cristiano: “So molto bene cosa sia una prova, e vi dico che finora non ci sono mai state prove sufficienti per mettere in discussione il fatto della resurrezione.” Lord Darling, Primo Presidente della Corte Suprema d’Inghilterra, disse una volta: “Nessuna intelligente giuria al mondo potrebbe pronunciarsi contro la veridicità della resurrezione.”

    Un avvocato razionalista

    Frank Morrison, un avvocato cresciuto in un ambiente rigidamente razionalista, era dell’opinione che la resurrezione folle solo un’aggiunta alla storia di Cristo messa per renderla una “favola a lieto fine” che invece rovinava l’immacolata stora di Cristo. Così si sentì in dovere di scrivere un libro in cui presentare la sua “verità” su Gesù e smantellare una volta per tutte la mitica storia della resurrezione.

    Dopo aver studiatio i fatti, però giunse alla conclusione opposta. Il gran numero di prove lo indussero a concludere che Gesù era effettivamente risorto dai morti. Morrison, come era proposto, scrisse il suo libro, ma non esattamente quello che aveva progettato. Esso è intitolato “Who moved the stone?” (Chi spostò la pietra?) . Il primo capitolo ha un titolo eloquente: Il libro che non voleva essere scritto.

    Un genio letterario

    Lo studioso C.S.Lewis, Prof. di Letteratura Medioevale e Rinascimentale all’Università di Cambrige, scrivendo della propria conversione al cristianesimo, rivelò che era partito dal presupposto che i cristiani fossero nell’errore e che pertanto non avrebbe mai abbracciato il cristianesimo. Egli scrisse: “All’inizio del 1926 il più acceso ateo che abbia mai conosciuto era seduto accanto a me, viciono al camino, nella mia stanza. Diceva che le prove della storicità dei vangeli erano davvero sorprendenti, anzi le loro narrazioni sembravano proprio autentiche. “Peccato!” disse, “tutta quella storiella sul Dio morente sembra che sia realmente accaduta!”

    “Per comprendere il valore della sua affermazione, avreste dovuto conoscerlo. Se lui, il più cinico dei cinici, il più “duro” dei non era poi così sicuro delle sue affermazioni, allora a chi avrei potuto rivolgermi? Non c’era dunque altra via di scampo?”

    Dopo aver valutato attentamente le prove a favore del cristianesimo, Lewis concluse che le altre religioni non avevano conferme stroiche solide e dettagliate come il cristianesimo. La sua conoscenza della storia lo spinse ad ammettere che il Vangelo era un documento attendibile e non un mito. Finalmente, nonstante la sua forte opposizione al cristianesimo, il Prof. Lewis dovette compiere una scelta razionale:”Dovete immaginarmi solo, notte dopo notte, mentre sentivo l’irrefrenabile, continuo avvicinarsi di Colui che ho tanto cercato di non incontrare. Ciò che avevo tanto temuto, alla fine mi era capitato. Nel 1929 mi arresi, ed ammettendo che Dio era Dio, mi inginocchiai e pregai. Forse quella notte ero il convertito più depresso e riluttante di tutta l’Inghilterra.”

    Una delle principali ragioni per cui ho scritto questo libro è quella di presentare le prove stroriche che queste persone, ed innumerevoli altre come loro, hanno scoperto quando si sono trovate di fronte all’affermazione biblica: il terzo giorno la toma era vuota!

  5. Sappiamo benissimo che la Sacra Sindone non è un dato di fede, in quanto la nostra fede è fondata sulla risurrezione di Cristo e il fatto della risurrezione ha per fonte principale la testimonianza storica e sicura di tutti coloro che hanno visto Gesù crocifisso e sepolto e poi successivamente l’hanno visto risuscitato con lo stesso corpo glorificato. La Sindone viene vista come rimando all’atroce sofferenza di Cristo, ed è un grande aiuto al nostro cammino di fede e di amore, che è sempre e comunque vero, indipendentemente dall’autenticità o meno della Sindone.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.