“Io non pago il pizzo”, a Salerno campagna contro i crimini dell’usura

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

io_non_pago_il_pizzoGiovedì 2 aprile, alle ore 10.30, presso la Sala del Gonfalone del Palazzo di Città, alla presenza del Sindaco ff di Salerno Vincenzo Napoli, dell’Assessore comunale alle Politiche Sociali Nino Savastano e del Commissario Regionale Antiracket Franco Malvano, è stata presentata la campagna “Io non pago il pizzo” promossa dall’Amministrazione Comunale e dall’Associazione antiracket A.L.I.L.A.C.C.O.. La campagna, già avviata con l’istituzione di uno sportello (attivo presso il Settore Politiche Sociali del Comune di Salerno), che svolge attività di informazione, prevenzione e accompagnamento, prevede l’affissione sul territorio comunale di manifesti di sensibilizzazione allo strumento della denuncia dai crimini di usura ed estorsione e una costante attività di informazione nelle scuole.

“Bisogna convincere a denunciare, ma bisogna farlo dando un aiuto concreto e serio. Se un camorrista va in banca a chiedere un credito, la banca glielo concede, ma se va una vittima di usura, nonostante sia accompagnata dai Confidi, le banche si girano dall’altro lato”. A dirlo Franco Malvano (ex questore di Napoli) ed oggi Commissario Regionale Antiracket, durante la presentazione della  campagna. “Il fenomeno soprattutto dell’usura è forte anche nel Salernitano, a causa di questo momento di crisi, ma almeno qui si assiste ad una maggiore sensibilizzazione rispetto agli altri territori della regione. Nel salernitano – spiega – sono stati presentati tredici progetti, rispetto ai due nel Casertano, come se lì il fenomeno non esistesse, e ai dodici nel Napoletano. La camorra va combattuta con la sensibilità dei cittadini. Non basta lo sforzo di magistratura e forze dell’ordine. Occorre la vicinanza di una seria politica che deve assicurare il proprio sostegno. Nelle campagne elettorali si parla sempre di sicurezza poi la sicurezza diventa un argomento che sfugge dalle mani dei politici”. 

Per Amleto Frosi, presidente dell’associazione: “nel territorio della nostra provincia si assiste ad un turismo criminale. Il Salernitano viene colonizzato da una criminalità composta da napoletani e casalesi. Per questi ultimi, infatti, il nostro territorio viene definito più tranquillo soprattutto per il riciclaggio. Abbiamo una criminalità imprenditoriale che si sta insidiando. Il porto di Salerno, per il livello di traffici illeciti, supera addirittura Gioia Tauro e Napoli”. L’associazione dalla sua nascita, nel 1998, ha aiutato oltre duecento persone e si è costituita parte civile in oltre cinquanta processi.
“E’ molto importante – spiega – denunciare. Abbiamo attivato il numero verde 800-406600. Dal 2012, solo a Salerno abbiamo registrato che il fenomeno coinvolge soprattutto uomini (per il 90%) nella fascia d’età che va dai 41 ai 50 anni (il 36%) e che sono soprattutto commercianti, artigiani e imprenditori ad essere i più colpiti dal fenomeno del racket e dell’usura”. Secondo il sindaco facente funzioni di Salerno, Vincenzo Napoli: “Quella presentata oggi è una delle iniziative centrali della nostra amministrazione comunale. La nostra amministrazione, insieme all’associazione ALILACCO, è da sempre in prima linea contro l’usura”. “Dopo le festività pasquali – aggiunge l’assessore comunale alle Politiche Sociali, Nino Savastano – ci rivolgeremo al mondo della scuola e dell’università per sensibilizzare le giovani generazioni nel rispetto della legalità. È importante inculcare la cultura della legalità per contrastare questo preoccupante fenomeno”.
VIDEO INTERVISTA SINDACO DI SALERNO ENZO NAPOLI
VIDEO INTERVISTA FRANCO MALVANO
VIDEO INTERVENTO SINDACO DI SALERNO ENZO NAPOLI

VIDEO INTERVISTA ASSESSORE NINO SAVASTANO


VIDEO INTERVISTA AMLETO FROSI

OBIETTIVI 

– Costruire concreti percorsi di aiuto alle vittime dell’usura e dell’estorsione, anche attraverso azioni di mediazione sociale 
– Promuovere la cultura della cittadinanza attiva 
– Aumentare la sicurezza urbana 
– Interventi d’animazione sociale tesi alla costruzione di cittadinanza attiva nelle scuole, sui gruppi informali e sulle associazioni con l’obiettivo di sviluppare il senso di appartenenza e la partecipazione dei cittadini alla vita della comunità 
– Redazione partecipata/partecipativa a pubblicazione sui temi dell’usura e delle estorsioni e del valore delle pratiche di cittadinanza, con il coinvolgimento delle scuole, dei gruppi informali e delle associazioni 
– Attività di sensibilizzazione degli operatori economici (commercianti ed imprenditori) quali soggetti potenzialmente più esposti ai fenomeni dell’usura e dell’estorsione 
– Interventi d’educazione alla legalità nelle scuole con l’obiettivo di sviluppare le capacità critiche dei giovani sull’uso responsabile del denaro 
– Promozione della vicinanza alla Comunità dei Corpi e servizi di polizia locale, nonché la promozione di interscambio informativo tra forze dell’ordine e organismi associativi 
– Ostacolare i comportamenti di microcriminalità al fine di diminuirne la evoluzione in azioni di macrocriminalità, in quanto si ritiene la microcriminalità complementare, e non alternativa, alla macrocriminalità. 

Si ritiene che l’attività di aiuto, fondata sull’osservazione partecipante, può essere in grado di offrire un’esauriente base di “diagnosi locale” delle variabili spaziali, temporali e relazionali dell’insicurezza, e dunque dei fattori verso i quali indirizzare, su scala generale, degli interventi appropriati a cura delle componenti produttive. 

AZIONI 
Aiuto alle vittime 
L’azione di aiuto si articolerà nelle seguenti fasi: 

1. Primo contatto: telefonata della vittima al numero verde 800406600 
2. Primo ascolto: incontro degli operatori con gli utenti 
3. Denuncia con le forze dell’ordine, tutela sicurezza ed economica 
4. Processo con contestuale costituzione di parte civile anche dell’associazione 
5. Intervento di mediazione sociale e recupero del nucleo familiare della vittima 

Uso responsabile del denaro 
Educazione all’uso responsabile del denaro e alla cittadinanza 
attiva nelle scuole 

Le fasi dell’intervento sono: 

1. Formazione dei docenti 
2. Formazione degli alunni da parte dei docenti precedentemente formati 
3. Incontri con Esperti, a cui parteciperanno gli studenti, le famiglie e l’intera comunità territoriale 
4. Costruzione da parte dei docenti, degli alunni e della comunità di un percorso centrato sul “fare” concreto. 
5. Prevenzione alla ludopatia, intesa come rapporto del denaro con il gioco 
6. Elaborazione del periodico antiusura antiracket “Il NOdo” 

Sensibilizzazione degli Operatori Economici 
Coinvolgimento dei gruppi potenzialmente esposti 

L’intervento si basa sulla costruzione, mediante la metodologia dell’ascolto attivo, di un panel di testimoni privilegiati che si attivano insieme alla Casa della Solidarietà a sensibilizzare il territorio con convegni, affissione di manifesti, distribuzione del Kit informativo contenente un vademecum con le regole per non cadere nella trappola di estorsori ed usurai, leggi di riferimento in aiuto agli imprenditori che denunciano gli atti criminali ed un logo da esporre sulle vetrine dei negozi, contrassegnato dalla scritta “Io non pago il pizzo e denuncio chi me lo chiede” per incoraggiare le vittime a denunciare. 
In questo ambito è previsto come attività di sensibilizzazione e comunicazione anche la realizzazione di programmi televisivi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.