Pasqua sulla Salerno-Reggio Calabria: oltre un’ora per 18 km, il racconto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
traffico_autostrada_salerno_reggio_esodoSalerno Reggio-Calabria sotto le vacanze di Pasqua: un’ora e dodici minuti per fare 18 km. Ovvero velocità di crociera attorno ai 15 chilometri orari. E’ un vero e proprio viaggio della speranza quello che racconta per il Corriere della Sera Fabrizio Peronaci. Si è messo inautomobile giovedì 2 aprile. Di giovedì santo, giornata da “bollino rosso”prima del week end di Pasqua. Il viaggio a passo di lumaca Peronaci lo racconta così. Un inizio brillante, senza problemi. Poi arriva la A3…

Da Roma sud a Napoli sono bastate due ore e 5 minuti. Dall’innesto del raccordo a Salerno, 40 minuti. Da Pontecagnano a Sala Consilina, il paesone “sdraiato” sul fianco della montagna, una mezz’oretta. Sembra un sogno. Carreggiata sgombra, visibilità perfetta. Se va avanti così a Soverato (646 chilometri di solito percorribili in sei ore) ci si arriva a tempo di record. Macchè. È a Padula Buonabitacolo che squilla il primo allarme: «Mezzi pesanti uscita a Lagonegro Nord», dice un cartello. 

Passa qualche chilometro e la faccenda si complica: «Mezzi pesanti uscita a Lauria Nord», rettifica il successivo. Addirittura? Due percorsi alternativi per i Tir? Quale inferno ci attende? Come scegliere il migliore? L’Anas non lo precisa. Ma non c’è tempo di mettersi nei panni dei camionisti: il blocco di Laino Borgo, al km 153, preannunciato dal “tappo” di auto ferme in attesa di uscire per evitare di volare nel vuoto come il povero carpentiere di Bucarest, è arrivato. Rallento. Controllo l’ora: le 13,20. Il tempo stimato dall’Anas per il fuori programma è 25 minuti. «Si saranno tenuti larghi», penso, auspico, spero. Pia illusione. Dall’A3 si finisce subito, a passo d’uomo, sulla provinciale 133. La “Taverna delle ghiande”, sulla destra, mette appetito, però la coda invita a resistere, per evitare di fare notte. «Mangiamo dopo, coraggio!».

Una volta usciti dall’autostrada va anche peggio: «La strada scende tra querceti, casolari, caprette. Tutti in colonna. Venti minuti per risalire i tornanti e attraversare il borgo di Laino. Svolta a destra, sempre al ritmo di lumaca. E qui giunge la più tipica e italica delle sorprese: chissà quale ineffabile ingegnere della viabilità calabrese, infatti, ha deciso che proprio il Giovedì dell’Angelo debba essere rifatto il manto stradale. Il mezzo per l’asfaltatura e una decina di operai (ma non saranno troppi?) restringono la carreggiata al minimo, una macchina alla volta, e chi ha fretta si rilassi, per non dir di peggio. Nuovo bivio e ulteriore saliscendi: la provinciale 134 ora si inerpica verso Laino Castello, ma il guaio sono un paio di curve a gomito. Un camion nella direzione opposta, scendendo, si è incastrato e non riesce a proseguire. Ore 13,59: il traffico adesso è proprio fermo, paralizzato, con l’unica consolazione della vista sul lussureggiante scenario del Parco naturale del Pollino».

Risultato: sull’autostrada il viaggiatore torna solo alle 14:32, dopo aver percorso 18 km in 72 minuti. Un fondista ben allenato ci avrebbe messo di meno. Per non parlare di un ciclista. Buona Pasqua.

Fonte Blitz Quotidiano

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Percorso oggi lo stesso tratto;
    sapevo della deviazione e dei tempi di ritardo stimati in circa 20 minuti. All’uscita di Laino, chiedo alla polizia provinciale che e’ li’ a pattugliare e mi dicono che sono circa 20 km di deviazione e mi “rassicurano” del fatto che questa deviazione accompagnerà per parecchi mesi il mio percorso mensile (scendo in Calabria almeno una volta al mese), in quanto il cedimento del pilone non avrà una soluzione veloce (tra GIP che indaga sulla morte dello sfortunato operaio e controlli statici su questo ennesimo esempio di inefficienza e magna-magna Italiano).
    Diciamo che oggi sono stato fortunato, “solo” 40 minuti, + della meta’ ad auto spenta, in fila ad aspettare che un tir (non si capisce come si trovi li’ nonostante i posti di blocco agli ingressi) che, in un tornante non riesce a girare e blocca centinaia di auto in entrambe le direzioni.
    Che vergogna …..che “fiore all’occhiello” dei malaffari Italiani, l’opera incompiuta per eccellenza (costata finora circa 22,5 mln di euro a KM)
    e che mi fa’ ingrossare il fegato ogni volta che mi trovo a percorrerla, da ormai 15 anni, tutti i mesi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.