Soget, Cammarota: “Chi ha paura del Consiglio Comunale? ”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
avvocato_cammarota_salerno“Atto gravissimo quello della conferenza dei capigruppo di non ammettere all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale la richiesta formalizzata per iscritto sulla vicenda Soget”. Lo scrive in una nota

il consigliere comunale avvocato Antonio Cammarota. Eppure, la richiesta di Cammarota era stata sottoscritta anche da altri capigruppo, Celano e Zitarosa, così raggiungendo il numero necessario di tre, ed aveva un oggetto specifico, il caso Soget in riferimento al verbale della commissione bilancio del 3 Marzo 2015 dove, spiega Cammarota, “all’unanimità quindici consiglieri comunali avevano chiesto di discutere in consiglio comunale le criticità analiticamente accertate nel verbale”.

Ed invece, continua Cammarota, “l’atto pilatesco del presidente del Consiglio fa il pari con l’atteggiamento levantino e inadeguato del mediocre assessore al bilancio che, dopo aver fatto scadere per tanti i termini processuali per l’impugnazione in Commissione Tributaria e per cui c’era stato l’invito istituzionale della commissione a far presto, in una conferenza stampa non istituzionale ci ha raccontato cose inutili, contraddittorie, ingiuste”.

“Cose inutili, perché che l’istanza in autotutela si possa fare in carta semplice e in ogni tempo lo sanno anche i bambini; contraddittorie, perché chi ha acquistato dal Comune non paga mentre chi ha comprato su atti di pubblica fede senza responsabilità paga sanzioni e interessi per cinque anni; ingiuste, come negare la prescrizione per il 2008 su un cavillo contro altri orientamenti della Suprema Corte, per i quali la notifica di un atto sanzionatorio si perfeziona al destinatario e non vale il termine per il mittente se la spedizione postale è agli ultimi giorni”.

L’assessore invece non ha detto, afferma Cammarota, “che cosa scrivere nell’istanza di autotutela, altrimenti inutile dopo la scadenza dei termini processuali”; e “avrebbe potuto e dovuto farlo perché il Comune è titolare del credito e della sua interpretazione e così della sanzione, e per questo era intervenuta la Commissione bilancio all’unanimità, e per questo andava e andrà fatto il Consiglio Comunale, titolare dell’indirizzo politico e dei parametri con i quali le tasse vanno pagate e vengono stabilite le sanzioni, quelle che sono giuste e quelle che giuste non lo sono, anche se scaduti i termini del ricorso”.

Così, conclude Cammarota, “l’arroganza del potere usa le istituzioni per colpire i cittadini riparandosi dietro Soget, pagata per far soldi sui soldi che recupera con le sanzioni”. Ed ora? “la battaglia continua, nell’assise del 13 Aprile saranno presentate mozioni e ordini del giorno e vedremo chi ha paura del Consiglio Comunale, e sono allo studio azioni legali specifiche”; intanto, dopo le oltre mille sottoscrizioni già raccolte, continua la petizione popolare presso l’associazione La Nostra Libertà in via Petrone 69, “per mettere ognuno di fronte alle proprie responsabilità, ancora più paradossali perché da parte di un’amministrazione contro la propria città e i cittadini di Salerno”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Bravo Cammarota!! Grida a tutta Salerno e chiama per nome chi sono sti pagliacci della Amministrazione comunale.
    Tutta gente al servizio deluchiano, il quale predica bene e razzola male. Ora va’ cianciando dappertutto di voler risolvere bonariamente la situazione nella speranza di recuperare credito elettorale in Città, senza poi avallare concretamente niente di risolutivo.
    Non hanno più un soldo in cassa dopo averli buttati fuori dalla finestra per le loro megalomanie ed ora li vanno grattando con l’operazione Soget nelle tasche dei cittadini già con le pezze in fronte per anni di tributi e gabelle alle stelle.
    Il bello è che poi si lamenta della politica politicante dei suoi patetici avversari….invece lui si ispira la notte alla correttezza degli statisti Ateniesi verso i cittadini.
    RIDICOLO POLITICANTE!

  2. De Luca si è “sfiziato” i soldi comunale per la campagna elettorale alle regionali, ora devono pagare i fessi. Inoltre non parlateci più di città europea e balle varie, proprio stamattina a torrione sotto casa mia scippata una povera anziana, stava morendo di paura… De Luca ed il PD emblemi del fallimento del Sud.

  3. Bravo Cammarota, in questi giorni di festa il popolo si è distratto di questi fatti così gravi chel’amministrazione comunale di Salerno a perpetrato nei confronti della comunita’ . Ma come è possibile un tale comportamento contro i cittadini che stentano a sfamare i propri figli ? È una cosa vergognosa . Fare cassa a tutti i costi anche provando ad incassare tasse non dovute e prescritte , sarà sicuramente una mossa che non gioverà alle prossime elezioni a De Luca.
    questa volta non vi voterò !!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.