La Turchia blocca l’accesso ai social: stop a Twitter, YouTube e Facebook

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

twitter_facebook_salernoBloccato l’accesso in Turchia a Twitter, Facebook e YouTube e ad altre centinaia di siti. La decisione delle autorità, secondo quanto riferisce Hurriyet online, giunge dopo che i tre social media avevano pubblicato le foto del magistrato Mehmet Selim Kiraz, preso in ostaggio martedì scorso da due ‘brigatisti’ del Dhkp-C e poi ucciso nell’assalto delle teste di cuoio turche. Al Tribunale sarebbero giunte in proposito numerose denunce da parte di cittadini. Secondo Cnn Turchia, i servizi di Facebook stanno tornando alla normalità. 
I fatti si riferiscono a martedì 31 marzo quando, per vendicare Berkin Elvam (il quindicenne colpito alla testa ad un lacrimogeno nel giugno 2013 durante le proteste anti-governative di Gezi Park e morto dopo mesi di coma) un commando armato legato al DHKP-C, una formazione di matrice marxista-leninista, ha preso d’assalto la sede del palazzo di Giustizia a Caglayan, sul versante europeo di Istanbul, e preso in ostaggio il procuratore, Kiraz, responsabile delle indagini.

Nell’assalto delle teste di cuoio turche, sono morti i due terroristi. Poi, sotto i ferri, anche il giudice. Il commando armato chiedeva che la polizia riconoscesse pubblicamente la sua responsabilità nella morte del quindicenne. Il blocco dei social – ma in tutto 166 siti sono stati colpiti dall’ordine del tribunale – è una misura simile per ampiezza a quella presa un anno fa per impedire la diffusione delle denunce di corruzione contro il governo islamico-conservatore al potere. Allora la Turchia aveva temporaneamente bloccato Twitter e YouTube durante la campagna elettorale nel marzo 2014, all’indomani della pubblicazione sui siti social degli audio che testimoniano la presunta corruzione nell’entourage dell’allora primo ministro Tayyip Erdogan.

Una decisione, questa, che aveva provocato un’ondata di proteste ed era stata additata dalla comunità internazionale. La Turchia è il paese che presentato richieste di rimozione di contenuti da Twitter cinque volte di più di qualsiasi altro nella seconda metà del 2014, rivelano i dati pubblicati nel mese di febbraio dallo stesso microblog. L’anno scorso Ankara ha blindato la legge che permette alle autorità di bloccare i siti.

Fonte La Repubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.