Imu agricola: Coldiretti Campania lancia appello ai sindaci della Regione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Agricoltura“Facciamo appello al grande senso di responsabilità che i sindaci della Campania hanno più volte manifestato nei confronti dell’agricoltura. L’Imu sui terreni agricoli può essere applicata con l’aliquota minima”. Così Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale, ha rilanciato la battaglia che l’organizzazione sta portando avanti con il Governo attraverso il presidente Roberto Moncalvo. La novità è l’impegno del presidente Renzi ad intervenire sull’Imu sui terreni agricoli, confermando la scelta di esentare le imprese agricole professionali, come chiesto da Coldiretti.

“Attendiamo gesti concreti – sottolinea il presidente Masiello – soprattutto in Campania. La nostra regione ha vissuto momenti difficili che hanno colpito senza distinzioni. Il lavoro quotidiano degli agricoltori campani ha garantito, nonostante tutto, di mantenere livelli qualitativi di eccellenza. La solidarietà e la vicinanza delle amministrazioni locali può tradursi in un segnale tangibile di attenzione verso il primo settore”. In merito agli interventi previsti nel Def e nel Piano nazionale riforme, il direttore regionale di Coldiretti Campania, Simone Ciampoli, aggiunge:

“Abbiamo fatto il possibile per limitare al minimo i disagi per gli agricoltori, e un paio di buoni risultati li portiamo a casa. Una novità sostanziale è l’introduzione della detrazione di 200 euro nel 2015 nei Comuni riclassificati come non montani, e quindi soggetti alla nuova Imu. Inoltre, nei territori parzialmente montani resta l’esenzione per i coltivatori diretti e per gli imprenditori agricoli professionali. A questo proposito abbiamo chiesto al Governo, e giriamo lo stesso appello alle amministrazioni locali, di distinguere e agevolare chi utilizza i terreni agricoli per lavorare e produrre da chi ne fa attività di svago. In tal senso Coldiretti chiede ai Comuni di utilizzare l’aliquota più bassa, il 4,6 per mille”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.