Furore: nuovo appuntamento con gli spettacoli de “La Balconata Furitana”, recital di Lello Giulivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Lello_GiulivoManca davvero poco per il nuovo evento targato “Balconata Furitana”.  I possesori della card di Furorè e gli amanti della buona musica e dei percorsi artistici devono attendere sabato 11 aprile, alle ore 19 presso la chiesa di San Giacomo la Balconata Furitana riapre le porte allo spettacolo di Lello Giulivo: un recital “Come si canta a Napoli” di melodie classiche e struggenti. “In un’epoca in cui le nostre tradizioni si stanno perdendo e la poesia rimane come un vago cenno del nostro illustre passato, mi è sembrato opportuno, proprio perché in controtendenza, preparare uno spettacolo sulla “poetica napoletana” le parole dell’artista che si esibirà a Furore.

Grandi ed illustri autori di versi e di musiche hanno scritto tra la fine dell’800 e i primi del ‘900 quello che si può ritenere il più grande esempio poetico-musicale della nostra storia. Di Giacomo, Bovio, Viviani, De Filippo, rappresentano il piatto forte del nostro repertorio artistico napoletano. Questo spettacolo prevede un alternarsi di brani cantati e di liriche (piccoli monologhi e poesie) in una formula per me ormai congeniale che è quella del “Recital sciolto”, come a me piace definirlo. Se si vuole, un modo il mio per far riflettere sull’assenza ormai acclarata di nuovi grandi autori. La poesia muore e bisogna far qualcosa” continua l’artista.

Agli spettacoli sarà possibile accedere attraverso la sottoscrizione di un pass (la card di Balconata Furitana) che è possibile acquistare in loco. Il progetto Balconata Furitana, opera di Furoré, società di promozione e sviluppo del turismo culturale e dei beni culturali guidata da Simone Pedrelli Carpi, e dell’amministrazione comunale di Furore, retta dal sindaco Raffaele Ferraioli, unisce agli spettacoli e agli eventi anche la possibilità di visitare un Museo di Arte Sacra Contemporanea in Ceramica e la Galleria di Ceramica d’Arte.

“La scelta di eleggere la ceramica ad assoluta protagonista dell’esposizione, viene dalla precisa volontà di valorizzare una eccellenza del nostro territorio, che ad oggi meriterebbe un ruolo di traino nella  economia locale e nel turismo – dichiara l’architetto Deborah Napolitano, direttrice del Museo – Nella storia, la Campania e la Costiera, hanno rappresentato una meta ambita dei viaggiatori, non solo per le bellezze Paesaggistiche, non solo per la Storia, ma anche  per le eccellenti manifatture che si distinguevano per tipicità e qualità  sul territorio nazionale e avevano grande diffusione ed apprezzamento anche all’estero”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BIOGRAFIA LELLO GIULIVO  nasce a Napoli nel 1957, artista poliedrico (cantante, attore, mimo) muove i primi passi nel mondo dello spettacolo a diciassette anni, si esibisce come cantante folk e partecipa, due anni dopo, al recital e al disco di Massimo Ranieri “Macchie ‘e culore” per la regia teatrale e televisiva di Mauro Bolognini. Sono gli anni d’oro della N.C.C.P. (Nuova Compagnia di Canto Popolare) diretta da Roberto De Simone e della quale farà parte negli anni successivi fino al 1991. Nel ’79 è diretto da Roberto De Simone in “Festa di Piedigrotta” di Viviani, e nei successivi quindici anni è fra i protagonisti di quasi tutte le produzioni teatrali e musicali realizzate e dirette dal M° De Simone (La gatta Cenerentola, L’opera buffa del giovedì Santo, Eden Teatro, Agamennone, Messa di requiem per Pasolini, Mistero e processo a Giovanna D’Arco ecc.). Dal 1991 è protagonista in “Novecento Napoletano” con Marisa Laurito e poi in “Masaniello” diretto da Armando Pugliese, “Uomo e galantuomo” di Eduardo con Luca De Filippo, “Amore di tango” diretto da Lindsay Kemp. Varie sono le partecipazioni discografiche a cui ha preso parte: è fra gli interpreti della colonna sonora del film “Fontamara”di Ignazio Silone per la regia di Carlo Lizzani, con la N.C.C.P. realizza la colonna sonora del film “Sabato, domenica e lunedì” di Eduardo per la regia di Lina Wertmuller, il CD “Penziere mieje” poesie di Eduardo musicate dal M° Antonio Sinagra, e ancora il suo disco e concerto “Napolettango”. Diverse anche le sue esperienze cinematografiche: “Pacco, doppio pacco e contropaccotto” di Nanni Loi, “Mare Largo” di Ferdinado Vicentini Orgnani, “I vesuviani” di Pappi Corsicato, “Appassonate”di Tonino De Bernardi, “Incantesimo napoletano” di Luca Miniero e Paolo Genovesi e ancora “The Sopranos” per la regia di Tim Van Patten e “La passione di Cristo” diretto e prodotto da Mel Gibson.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.