Asl Salerno: Medicina narrativa, seminario sulla corretta interazione medico-paziente all’ospedale di Nocera

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ospedale_Nocera_Umberto_I_giornoIl direttore generale Antonio Squillante, in linea con la sua costante azione volta al miglioramento continuo della qualità, dell’appropriatezza, dell’efficacia e dell’equità nell’erogazione delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie a favore della cittadinanza, inaugura un importante Corso di formazione ECM in tema di Medicina narrativa (NBM- Narrative Based Medicine)). Il Corso si svolgerà i prossimi 20 e 21 aprile presso la “Sala Colella” del Presidio Ospedaliero “Umberto I” di Nocera Inferiore. L’evento, il cui responsabile scientifico è il dr. Francesco Panza, vedrà la partecipazione dei più importanti esperti nazionali ed internazionali del mondo accademico, scientifico ed istituzionale. Tra questi il direttore del Centro nazionale delle Malattie rare e della Medicina narrativa (CNMR) dell’Istituto Superiore di Sanità, qualificati professori dell’Università degli Studi della Magna Graecia di Catanzaro, dell’Università degli studi “Federico II” di Napoli, professionisti dell’ASL  Firenze, dell’USL 2 Umbria, esperti in Organizzazione sanitaria della ARS Regione Toscana e in Bio-Etica.

Parteciperanno, oltre all’Ordine dei Medici di Salerno, importanti Associazioni del Terzo Settore come AIMA (Associazione italiana Malati di Alzheimer), AIL (Associazione Italiana Lotta alla Leucemia e ai Mielomi), AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica). L’ASL Salerno, con l’applicazione operativa delle tecniche e degli strumenti metodologici della Medicina narrativa, intende riportare, de facto, il paziente in quanto persona, al centro del processo di cura. Con tale metodica è possibile raggiungere una serie di importanti risultati e tra questi: migliore prevenzione, diagnosi, terapia e riabilitazione; maggiore aderenza del paziente al trattamento; favorire il funzionamento del team di cura; trasmettere consapevolezza del ruolo professionale ed emotivo negli operatori sanitari e socio-sanitari; prevenzione del burn-out degli operatori edei care-giver; promozione ed implementazione dei PDTA; ottimizzazione delle risorse economiche; prevenzione dei contenziosi giuridici e della medicina difensiva e riduzione dei costi correlati. Le risorse, così risparmiate a breve e medio termine, potranno essere utilmente impiegate, dall’ASL Salerno, per l’acquisto di tecnologie avanzate e in investimenti strutturali a tutto vantaggio della popolazione assistita.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.