Gestivano il mercato della prostituzione sulla Litoranea: sgominata banda

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Conferenza_arresti_prostituzione_Carabiniero_Lombo_6A Salerno, Cava dé Tirreni, Pontecagnano, Battipaglia, Eboli, Montecorvino Rovella,  Pugliano e Calvanico i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Salerno e del ROS, avvalendosi dell’ausilio dei reparti dell’Arma territorialmentecompetenti, hanno eseguito una misura cautelare personaleemessa dal GIP presso il Tribunale di Salerno nei confronti di 15 indagati (8 in carcere, 1 agli arresti domiciliari e 6 obbligo di dimora), ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di “associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione” (4 indagati), “favoreggiamento e sfruttamento, in concorso, della prostituzione” (8 indagati), “lesioni personali aggravate e tentato sequestro di persona” (2 indagati) e “tentata estorsione” (2 indagati).

L’indagine – avviata il 4 ottobre del 2014 a seguito di una rapina perpetrata in località lido Lago a Battipaglia ai danni di una prostituta rumena alla quale era stata incendiata l’auto, seguita da una violenta aggressione nei confronti di una coppia di giovani del luogo appartati nelle vicinanza (con il ragazzo deceduto il 12 dicembre 2014 a causa delle gravi lesioni  riportate) – ha consentito di individuare due aggregati criminali che operavano sulla fascia costiera dei Comuni di Battipaglia ed Eboli , uno composto da cittadini rumeni  coadiuvati da due italiani e l’altro promosso ed organizzato da cittadini albanesi con il concorso di un italiano. Analoga attività di favoreggiamento della prostituzione, ancorché autonoma, è stata accertata nei confronti di un italiano nei confronti della donna rumena sua compagna convivente.

Conferenza_arresti_prostituzione_Carabiniero_Lombo_5“Al momento – ha detto in una conferenza stampa il procuratore della Repubblica di Salerno, Corrado Lembo – non possiamo affermare con certezza che si tratti di un episodio collegato alle due bande ma stiamo lavorando per appurare se ci siano, come crediamo, collegamenti diretti”. Nella zona di operazioni delle bande di albanesi e romeni sono avvenuti vari episodi di violenza inaudita. Il 3 settembre 2014, ad un altro giovane, che si era appartato con una donna nella zona della Spineta – ha aggiunto Lembo – è stata addirittura tagliata la lingua

Le investigazioni hanno consentito di stabilire che tutti gli indagati, in un clima di rispetto dei reciproci ruoli nel “controllo del territorio” favorivano e sfruttavano l’attività di prostituzione di diverse donne rumene (indicate nelle intercettazioni con l’appellativo di “pezza”, “cagna”, “maledetta”, “morta”), assicurando alle stesse “protezione” anche mediante il “supporto logistico” garantito dai tre italiani, dietro l’imposizione di un corrispettivo fissato nella metà di quanto ricavato da ciascuna di esse nell’esercizio del meretricio.

Conferenza_arresti_prostituzione_Carabiniero_Lombo_8Le donne, inoltre, venivano avviate alla prostituzione in settori territoriali ben delimitati e stabiliti per accordo tra gli stessi sfruttatori che si spartivano le zone. gli sfruttatori romeni gestivano il tratto di via Idrovora, mentre gli albanesi controllavano il tratto compreso tra contrada Spineta e il ponte della località Lido Lago. “Le due zone – ha detto il vicecomandante del Ros, Roberto Pugnetti – erano in mano alla criminalità straniera. Gli italiani avevano un ruolo logistico e provvedevano ad accompagnare le prostitute, a procurare bevande, cibo e profilattici, o assistenza in caso di soggetti che intimorivano le donne, oltre a segnalare la presenza in zona delle forze di polizia”. Alcuni degli sfruttatori utilizzavano i social network per pubblicizzare le “specialità” praticate.

LE FOTO

Salerno, Blitz anti prostituzione dei Carabinieri, intervento Procuratore Lembo

L’intervento del Colonnello Piermarini

Intervento Pugnetti del Comando Ros

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Questi si ammazzano a fare annunci che hanno arrestato, sgominato bande ecc, eppure ieri sera 15 aprile, faccio la litoranea da Salerno a Pontecagnano, con i miei bimbi pergiunta…. e lo spettacolo è sempre lo stesso, ore 20.00 prostitute mezze nude all’altezza di Hotel Mare e Hotel Blu Notte….mah?
    Ed io ancora una volta a dover spiegare perche’ queste stanno nude li fuori ai miei bambini….
    Solo propaganda ma il fenomeno, ahime’ non lo debellano!
    Saluti
    Vincenzo

  2. @Vincenzo. Giustamente, poche di queste sono costrette a fare questo mestiere come è stato spiegato nei commenti di FB.
    In più, he male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico, sporcizia e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con questa assurda “Meretriciofobia”.
    Ai bambini che si domandano cosa fanno quelle donne ferme ai bordi delle vie, si può dire benissimo che queste aspettano gli amici ed è vero!

  3. Da Bigotti il problema non lo vogliono affrontare.Penso che il fenomeno possa aumentare visto che attività di lavoro questo stato non è capace di offrirle.Ho solo qualche perplessità:Se lo dovessero regolamentare,anche li avremmo bisogno della raccomandazione.

  4. Caro francostar io sono una donna che vive vicino a hotel ancora,sulla litoranea… e vorrei vedere tua mamma ,tua moglio,tua sorella o peggio tua figlia che scendono a comprare il pane evengono fermate e chieste “quanto” solo xche camminano a piedi su quella strada…forse dopo non la chiami più “meretriciofobia”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.