Ravello, Villa Rufolo 2.0 sempre più all’avanguardia ed ecosostenibile: da oggi i rifiuti del parco diventano compost

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
villarufoloIn questi mesi Villa Rufolo è un cantiere a cielo aperto, dai giardini alle facciate, dalle sale superiori alla Torre, l’intero complesso è interessato da restauri e interventi migliorativi. La Fondazione Ravello e la sua progettualità, fra qualche mese consegneranno alla pubblica fruizione un monumento più moderno, totalmente fruibile e tecnologicamente all’avanguardia. Tra i tanti progetti messi in campo particolare attenzione si sta ponendo al risparmio energetico e all’ecosostenibilità. L’ultimo intervento, in ordine di tempo, è l’avvio del compostaggio per la trasformazione dei “rifiuti verdi” provenienti dal parco in compost. Tutti coloro che posseggono un giardino, anche piccolo, sanno bene quanti “rifiuti” esso produca e sanno anche quanto del tempo che dedicherebbero alle cure delle coltivazioni, deve essere speso invece per conferire alle isole ecologiche, o ai cassonetti, sacchi e sacchi di erba tagliata, rami, foglie, fiori secchi o estirpati per far posto ad altre colture. Se trasferiamo questa riflessione ad un parco come quello di Villa Rufolo ci si rende conto della grande quantità di materiale che viene prodotto e del lavoro che viene impiegato per il suo smaltimento. Ecco il perché della scelta di attivare il compostaggio. I giardinieri della Villa con la supervisione di Giuliano Bonanomi della Facoltà di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, hanno posizionato, nella zona retrostante i giardini, 4 contenitori da 2x3m avviando il processo che trasformerà, in circa 6 mesi, il materiale organico in compost, un terreno soffice, ben aerato e ricco di minerali, ottimo per le colture.

In vista dell’inaugurazione della Torre Maggiore, un altro piccolo intervento che dimostra la bontà della gestione targata Fondazione Ravello, che è stata capace con la sua progettualità di attrarre fondi, riqualificare una struttura che di fatto era abbandonata a se stessa e riconsegnare alla fruizione pubblica un bene culturale all’avanguardia.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.