Condanna De Luca: Ciarambino, “E’ incandidabile, nel M5S non ci sono indagati o condannati”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ciarambino_Salerno_M5S_3Alle dichiarazioni dei pentastellati salernitani si aggiunge anche quella di Valeria Ciarambino, candidata M5S alle Regionali per la presidenza della Campania: “Con le motivazioni depositate dal Tribunale di Salerno si rimarca sicuramente l’incandidabilità di De Luca e si smonta la ridicola tesi deluchiana secondo cui il suo era un reato linguistico. Tali Le motivazioni – spiega – sono racchiuse in oltre 140 pagine e non penso che per decretare un reato semantico i magistrati avrebbero avuto bisogno di tanto spazio. Si tratta, invece, di un dispositivo molto dettagliato e articolato che definisce di fatto la gravissima irregolarità che ha commesso De Luca che gli è costata la condanna in primo grado e che va contro il codice degli appalti”.

“Quello che lui aveva assegnato come compito al project manager è, invece, compito del Rup secondo il codice degli appalti, dunque una figura che lo Stato individua e per i quali definisce i requisiti che il project manager non aveva, non essendo neanche laureato. Dunque siamo di fronte ad un vero e proprio reato. Io chiedo che chi si candida all’interno delle istituzioni abbia il massimo rispetto per la legge dello Stato e la smetta di farsene beffa e gioco”. Secondo Ciarambino “’non abbiamo bisogno di indagati e condannati all’interno delle istituzioni e non lo dico io, ma lo diceva Borsellino, il quale asseriva che la magistratura deve accettare quello che si chiama certezza giuridica ma che poi altra cosa è l’onestà e l’irreprensibilità di un politico”.

“Diceva anche che i partiti devono avere il coraggio di mettere da parte le persone sulle quali esiste anche il minimo sospetto. Nel caso di De Luca – aggiunge la candidata – non parliamo di sospetto ma di una condanna in primo grado. Una persona responsabile che ami la legalità e le istituzioni, al suo posto, non si sarebbe candidato e soprattutto il Presidente del Consiglio e segretario del Pd dovrebbe avere la forza e il coraggio di mettere da parte personaggi del genere. Pare, invece, che nei partiti essere indagati o condannati sia una medaglia al valore che addirittura ponga in pole position per le candidature. Noi siamo un’altra cosa. Nel Movimento 5 Stelle non ci sono condannati e indagati”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.