Ravello: All’Auditorium Niemeyer l’Ensemble Barocco di Napoli e la voce di M. Grazia Schiavo con il concerto di “Sospiri e di tempeste”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ravello_AuditoriumA coronamento della giornata di sabato 25 aprile, che vedrà, dopo un lungo restauro, l’apertura al pubblico della Torre Maggiore di Villa Rufolo, la Fondazione Ravello presenta il concerto Di sospiri e di tempesteIl suono della natura nel barocco musicale: Vivaldi, Händel, Pergolesi. Sul palco dell’Auditorium Oscar Niemeyer di Ravello (ore 19) salirà l’Ensemble Barocco di Napoli affiancato dal soprano Maria Grazia Schiavo, interprete raffinata, dal grande spessore drammatico e dalle grandi doti interpretative. Un concerto in cui il ritmo vitale, il virtuosismo brillante e la mirabile cantabilità di Vivaldi si coniugherà alla vastità di invenzione e alla luminosa sonorità di Händel e alla dolcezza e alla malinconia di Pergolesi. L’evento, ad ingresso gratuito, si inserisce nel Progetto “Campania: dal Barocco al Contemporaneo” organizzato dall’Associazione Dissonanzen. www.ravellofestival.com. Per info 089.858422

 

Sabato 25 aprile
Auditorium Oscar Niemeyer, ore 19.00
DI SOSPIRI E DI TEMPESTE
Il suono della natura nel barocco musicale

Maria Grazia Schiavo, soprano
Ensemble Barocco di Napoli
Tommaso Rossi, flauto dolce e concertazione
Raffaele Di Donna, flauto dolce; Raffaele Tiseo e Marco Piantoni, violini
Rosario Di Meglio, viola; Manuela Albano, violoncello
Giorgio Sanvito, violone; Enrico Baiano, clavicembalo

Progetto “Campania: dal Barocco al Contemporaneo”
Fondazione Ravello in collaborazione con Associazione Dissonanzen

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Programma

Antonio Vivaldi (1678-1741)
Concerto in Do Maggiore per due flauti, archi e basso continuo RV. 533

Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736)
“Mentre dormi amor fomenti” da Olimpiade (1735)

Georg Friedrich Händel (1685-1757)
“Da tempeste il legno infranto” da Giulio Cesare (1724)

Antonio Vivaldi 
Concerto in Re Maggiore op.10 n.3 “Il Gardellino” (1728)

Giovanni Battista Pergolesi
“Lieto così talvolta” da Adriano in Siria (1734)

Antonio Vivaldi
“Anche il mar par che sommerga” da Bajazet (1735)

Georg Friedrich Händel
“Il volo così fido”, da Riccardo I (1727)

 

Nell’estetica barocca la musica è in grado non solo di descrivere il mondo della natura, ma anche l’intricata geografia interiore dell’animo umano. Con il programma Di sospiri e di tempeste attraverso alcuni capolavori vocali e strumentali di grandi autori quali Vivaldi, Händel, Pergolesi verrà raccontata proprio questa capacità “mimetica” della musica, un’attitudine descrittiva che comunemente si fa risalire alla musica di Antonio Vivaldi, di cui verrà eseguito il Concerto per flauto il Gardellino, ma che è presenza costante negli autori del Settecento, sia in ambito operistico che strumentale. Il flauto, arcaico portavoce della Natura, impegnato sia in qualità di solista che come strumento concertante a sostegno della voce umana sarà il protagonista musicale della serata. Gli strumenti a fiato sono, in questo senso, reali o potenziali protagonisti di questo ideale estetico e filosofico. Essi, in un certo senso, sono la natura, come insegna il mito di Pan e di Siringa narrato da Ovidio. Un rinato interesse per l’osservazione della natura, che riportasse al centro l’ambiente in cui è protagonista l’uomo, al posto di un pensiero metafisico di stampo aristotelico o addirittura dogmatico, ha portato, in musica, i compositori del primo Settecento a cercare quali effetti musicali e anche quali strumenti potessero restituire al meglio il suono della natura.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.