CGIL/FP Salerno: Insieme 25 aprile e 1 maggio, legame importante

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
de_angelis_cgilApparentemente, seppure ravvicinate dal calendario, le date del 25 aprile e del 1° maggio, sembrano essere lontane per significato e valori espressi. Tuttavia lo sono anche per la capacità di esprimere, assieme, il senso della società civile e i cardini costituenti che la determinano.

Senza dubbio un paese libero, le cui funzioni sono determinate da un atto costituente, quale può essere la stessa Costituzione e le leggi che ne discendono, non può prescindere, quando un conflitto bellico lo pone a repentaglio, mettere in campo la fermezza del principio della libertà quale primo fondamentale ed essenziale baluardo per l’avvio di una condizione di esistenza in vita quale stato e società civile.

Oggi, questa condizione, è possibile perché il nostro paese ha avuto un 25 aprile e, con esso, un atto di orgoglio determinato e forte che lo ha portato a onorare i valori della libertà e a ribellarsi alla crudeltà della prevaricazione verso gli altri popoli e il proprio.

Questo è l’orgoglio di cui ogni cittadino Italiano deve avere fierezza; per quanto i movimenti partigiani ebbero il coraggio di mettere in campo, di fronte a un avversario bene armato e con la spinta di un crudele, quanto insensato e fanatico obiettivo.

Un paese libero e con valori Costituzionali, come il nostro, nati dalla liberazione, pone quale suo primato assoluto e come legame indissolubile, tra gli strati sociali che lo compongono, il valore del lavoro che riceve la sua consacrazione mondiale nella giornata del 1° maggio e rispetto al quale, con rammarico profondo e con la convinzione di dover sollecitare un cambiamento di spinta, si pone l’osservazione che nella nostra Città l’occupazione giovanile è ai minimi storici per responsabilità di una politica che guarda alla conservazione di se stessa piuttosto che a innovare e creare nuove condizioni e opportunità di lavoro.

La pessima gestione dei fondi europei, spessa connotata di distrazioni inammissibili, sottrae opportunità e occasioni di lavoro. La farraginosità e le contraddizioni burocratiche generatrici di “mostri” amministrativi, allontanano sempre di più i giovani dalla ricerca del lavoro. Le banche chiedono garanzie che le normative occupazionali, in sostanza, non sono in grado di garantire.

Riteniamo che il legame tra il 25 aprile e il 1° maggio si ripropone in una forma fatta di connotati diversi ma con la riconferma di obiettivi immutabili. Liberare il paese dalle pastoie e dai cappi burocratici, che una politica dei politicanti ha connotato di pesantezze strumentali; solo in questo modo si potrà accedere a un primo maggio che abbia di nuovo come tema il lavoro, piuttosto che la disoccupazione e le problematiche per ottenerlo. La modernità di un paese è data dalla dinamica con cui riesce a creare le condizioni di lavoro e con esse sviluppo e nuove condizioni sociali di avanzamento.

Assistiamo invece, nel pubblico impiego, da anni al blocco del turnover e a ritocchi, con riforme in peggio delle pensioni, tanto da arrivare ad appesantire gli apparati pubblici con classi di lavoratori mal retribuiti e insoddisfatti e con prospettive di arretramento sempre più concrete.

L’esatta antitesi di come dovrebbe essere un paese che guarda alla modernità e allo sviluppo.

La CGIL/FP, non abbasserà la guardia e continuerà il suo impegno a determinare le condizioni di un cambiamento che pongano sempre di più e maggiore attenzione all’osmosi tra le date del 25 aprile, come liberazione verso la modernità e il 1° maggio come celebrazione e l’affermazione del valore autentico del lavoro, centralità di un paese moderno e socialmente giusto.

Lo scrive in una nota Angelo De Angelis Segretario Generale Cgil Funzione Pubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.