Salerno, omicidio Vassallo: indagato in tribunale per tentate estorsioni a mercato ittico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tribunale_Salerno_1Ha fatto ritorno a Salerno, dopo oltre un anno di assenza, Bruno Humberto Damiani De Paula, il “brasiliano”, unico indagato, con l’accusa di omicidio volontario aggravato dal metodo mafioso, per la morte di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore di Pollica ucciso con 9 colpi di pistola il 5 settembre del 2010.
    Dinanzi al presidente della 3a Sezione penale Anna Allegro, si è parlato delle tentate di estorsioni ai danni del Mercato Ittico di Salerno e del night club di Eboli Odissea. Ad aspettare il “brasiliano”, nel corridoio davanti l’aula, c’era il padre Giuseppe Damiani che ha accolto il figlio con gli occhi lucidi e un grande sorriso.

“Sono sicuro – ha detto – che mio figlio non c’entra nulla con la storia del sindaco Vassallo. Mio figlio ha affrontato bene tutti questi lunghi mesi di detenzione nel carcere di Bogotà in Colombia. È un ragazzo forte che non si abbatte mai. L’ho rivisto, dopo oltre un anno e mezzo, solo qualche giorno fa. La mamma, che sta in Brasile, arriverà in Italia il 20 maggio e finalmente anche lei potrà riabbracciarlo”.

Damiani, in jeans, camicia e maglione scuro, ha chiesto al padre solo dove fosse il fratello Stefano. “Lo sai – ha detto piano piano il padre rivolto al figlio nel gabbiotto – che deve lavorare, per questo non è qui”. Alla fine dell’udienza, con il consenso del pm, Damiani ha potuto scambiare due parole con il padre ed è tornato a chiedere del fratello. “La prossima settimana – gli ha detto salutandolo – dici a Stefano di venirmi a trovare nel giorno di colloquio e poi salutami tutti”.

Secondo il suo legale, l’avvocato Michele Sarno “Il mio assistito è sereno e desideroso solo di affrontare i processi per chiarire finalmente la sue situazioni pendenti. La tranquillità di Damiani deriva dal fatto che non ha commesso nulla e, dunque, non ha alcun tipo di problema”. Damiani attualmente si trova detenuto nel carcere di Secondigliano, dopo una detenzione nel carcere di Bogotà in Colombia. 

Fonte Ansa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.