Infermieri di Salerno: cerimonia premiazione miglior Laurea

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

infermieriSi è svolta sabato mattina presso l’Aula ‘Scozia’ dell’Azienda Universitaria Ospedaliera ‘San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona’ di Salerno, la Cerimonia di premiazione del ‘Primo premio di Laurea in Infermieristica’ fortemente voluta dal Collegio Ipasvi di Salerno. Alla presenza del Personale docente del Corso di laurea in Infermieristica dell’Università di Napoli Federico II e dei  Poli didattici S. Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona Salerno, Polla-Sant’Arsenio e Vallo della Lucania, sono state consegnate, in un clima di forte emozione, dieci Borse ad altrettanti meritevoli neo laureati. Si tratta di Francesca Vitolo, Margherita Simolo, Giuseppina Cariello, Sonia Iacuzzo, Marianna Mancini, Maria Cristina Piegari, Biagetta Itri, Vincenzo Russo, Angela Esposito, Mirko Capua.

La Cerimonia si è svolta in coincidenza del termine delle attività  didattiche dell’Anno Accademico 2013-2014 durante la quale, i docenti del Corso di Laurea in Infermieristica della Università  di Napoli Federico II, hanno salutato  studenti, dottori e tutto il Personale Medico del Comparto dell’A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona e delle altre Sedi distaccate. Si tratta di circa quindici anni di intensa e proficua collaborazione, formando e portando alla Laurea centinaia di studenti che si sono poi distinti per la loro preparazione in tutta  Italia e all’Estero. “La professionalità degli Infermieri salernitani è riconosciuta da tutti, ovunque: sono il nostro vanto”, esordisce Cosimo Cicia, presidente del Collegio Ipasvi Salerno e da poco coordinatore interregionale della Campania, Molise, Basilicata Ipasvi.

 “Un riconoscimento al nostro lavoro, al lavoro che da anni si svolge a Salerno. Lavoriamo per specializzare, preparare al meglio i nostri ragazzi che, spesso, però, sono costretti a lavorare lontani da casa. La nostra battaglia è lo sbocco, reale e veloce, del turn over senza sottovalutare, come ripeto spesso, la libera professione”, conclude Cicia. Presentati anche alcuni dati relativi ai laureati e ai tempi per trovare occupazione. Dal 2000 al 2015, gli infermieri laureati sono stati  1900.  Laurea nel 2013: il 45% ha trovato occupazione (anche tempo determinato o autonomo) dopo un anno. Laurea nel 2014: il 53% ha trovato occupazione (anche tempo determinato o autonomo)dopo un anno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.