La visione controcorrente di Pier Paolo Pasolini al Museo MOA di Eboli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
MOA_PasoliniA quarant’anni dalla sua morte il MOA celebra Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi scrittori e intellettuali italiani del ventesimo secolo e lo fa attraverso la proiezione di sei opere filmiche che scandalizzarono l’Italia e la scandalizzano tutt’ora. Il sesso, in tutte le sue sfumature e varianti, come materia preponderante per sviscerare un mondo sottaciuto, represso da una politica assolutistica e da pregiudizievoli dogmi religiosi. Attraverso pratiche sessuali occulte la politica, la chiesa e la cultura regnante operano al fine di mercificare l’istinto umano, mortificandolo e rendendolo incline al potere. La liberalizzazione dei costumi sessuali, che sono tabù per la borghesia cattolica come per la laica , voleva essere l’affermazione evidente di gridare un diritto avvertito come represso.

Nei suoi film documentario come Comizi d’amore parlerà col mondo di sotto, con gli “invertiti”. Ne trarrà un’analisi dissacrante e scomoda, un’esaltazione del sesso e dei piaceri veniali della vita come rottura degli schemi, come sberleffo alla chiesa falsamente puritana e ad uno Stato sempre più subdolo. Una lotta per la democratizzazione del diritto di esprimersi senza divieti e censure in un momento di mutazione antropologica sociale, prodotta dalla trasformazione neocapitalistica della società italiana. La sottocultura dei mass-media cancellava le antiche forme di vita della civiltà contadina e proletaria italiana, introducendo un’omologazione spersonalizzante, sostituendovi realtà falsificate e inautentiche.

L’innocenza dei corpi popolari (Pasolini si serviva di attori non professionisti, presi dalla strada), insieme con “l’arcaica, fosca, vitale violenza” del sesso, sembrava allo scrittore-regista l’ultimo baluardo per difendere l’autenticità minacciata. Pasolini ha sempre genialmente forzato i limiti del cinema, scegliendo corpi, luoghi e temi rifiutati dalle convenzioni dell’industria dello spettacolo e sperimentando nuove forme filmiche. Questa retrospettiva, voluta dal MOA (arricchita da alcuni rari documenti d’archivio) ripropone una parte essenziale dell’opera cinematografica pasoliniana e rappresenta ancora oggi una forte rottura degli schemi. Chi ama osare è il benvenuto!

Di seguito il programma

20\05 Comizi d’ amore

29\05 Teorema

3\06 Decameron

9\06 I racconti di Canterbury

16\06 Il fiore delle mille e una notte

24\06 Porcile

AdUp Eventi & Comunicazione

Via Istria 16, 84091 Battipaglia (SA), P.IVA\C.F.: 05191220655 tel\fax 0828.030791 mobile 329.8387166

www.adupcomunicazione.com info@adupcomunicazione.com

Orario Proiezioni: 17.30 ore 21.00

Abbonamento: 10€

costo singola visione: 3€

info point: 3924670491

 

Moa Museum of Operation Avalanche, Via S. Antonio n.5, Eboli (SA)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.