Calcioscommesse: Cantone chiede lo stop delle puntate sui Dilettanti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
calciatori_allenamento“Quello che è accaduto con gli sviluppi dell’indagine della Procura di Catanzaro sul calcioscommesse era, non dico scontato, ma assolutamente prevedibile. Subito dopo l’analoga inchiesta di Cremona assistemmo a una levata di scudi e si diffuse un generale sentimento di indignazione, cui però non seguirono azioni concrete e utili a creare gli anticorpi necessari ad un sistema malato”. Lo dice in una intervista al Mattino, Raffaele Cantone presidente dell’Autorità anticorruzione, che sulle scommesse avverte:
“Bisognerebbe vietare tutte quelle su società calcistiche dalla LegaPro in giù”. “Parliamo di un universo – spiega – nel quale il giro economico che si crea supera nettamente il fatturato stesso delle squadre. Le scommesse, per dirla tutta, qui fanno introitare soldi più di quanto non vengano guadagnati con gli stipendi: parliamo di calciatori giovani spesso sottopagati se non addirittura mai pagati. Corromperli, facendoli entrare nel cono d’ombra delle scommesse truccate, diventa facilissimo”.
Intanto il Codacons presenta una formale richiesta di “costituzione di parte offesa nel procedimento sul calcioscommesse aperto dalla Procura della Repubblica di Catanzaro”. Ne dà notizia, con un comunicato, l’associazione dei consumatori “che nella vicenda – si aggiunge – rappresenta gli utenti e i tifosi, evidentemente danneggiati dal fenomeno delle partite truccate”. “Ci costituiamo oggi parte offesa – afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – in rappresentanza della categoria dei tifosi italiani, soggetti lesi sul piano morale e patrimoniale dalle alterazioni delle partite e chiederemo un risarcimento danni milionario nei confronti dei responsabili di quella che è a tutti gli effetti una truffa a danno della collettività”.
Il Codacons annuncia anche la pubblicazione di un modulo sul suo sito “attraverso il quale – si afferma ancora nel comunicato – i tifosi delle squadre coinvolte nell’inchiesta della Procura potranno chiedere un indennizzo per gli incontri pilotati. Il danno subito da una moltitudine di soggetti è evidente: chi ha speso soldi per accedere agli stadi, per abbonamenti, trasferte, scommesse relative alle partite truccate, potrà chiedere un risarcimento ai responsabili degli illeciti, oltre che il danno sul piano morale, per la lesione della buona fede con cui un tifoso segue la propria squadra del cuore”
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.