Regionali, De Luca: «Sanità? Ha risanato la sorella». Caldoro: «Sei un cafone»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
20
Stampa
pronto_soccorso_salerno_inaugurazione_caldoro_de_luca_9_caldoro”Caldoro dice aver risanato la sanità in Campania. Diciamo che sia vero: ma allora perché c’è ancora il commissariamento. Ha risanato la sorella…”. Vincenzo De Luca, candidato del centrosinistra alla presidenza della Giunta regionale della Campania, alza il tono dello scontro con il presidente uscente Stefano Caldoro durante un incontro con i dirigenti della Cgil della Campania.

De Luca ha parlato dell’assistenza ai disabili e dei tempi di attesa per alcuni esami diagnostici: ”L’unico risparmio fatto è dovuto al fatto che sono andati via migliaia di operatori e non sono stati rimpiazzati”. ”Quando parla fa riferimento alle responsabilità di Bassolino, Iervolino, Pietro Badoglio e dei Borboni. Non parla mai delle sue”, ha attaccato duramente De Luca.

LA REPLICA DI CALDORO. “De Luca non risponde mai con i fatti e le carte, ma generalmente con questi atteggiamenti. Uso un suo termine: il cafone è lui”. Così Stefano Caldoro, ricandidato alla presidenza della Regione Campania, risponde alle affermazioni di candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Campania, Vincenzo De Luca, secondo cui il governatore uscente non ha risanato la sanità ma “la sorella”. “Devo utilizzare un termine che lui usa spesso – afferma – dicendo che i napoletani sono cafoni, che nell’Agro nocerino sarnese sono dei cafoni, che i casertani sono dei cafoni”. “Insomma ha dato del cafone un po’ a tutti – aggiunge – e uso il suo termine, il cafone è lui”. “Mi colpisce il fatto che se la prenda sempre con le donne – conclude – prima con una giovane ragazza ora con un’altra donna”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

20 COMMENTI

  1. Si deve solo vergognare, solo alcuni giorni fa disse: basta denigrare! Il lupo perde il pelo, non il vizio.
    L’ho scritto giá, il peggior nemico di De Luca é lui stesso!

  2. Mettiamola così…invece ammettetelo che De Luca è un cafone nato…la laurea in lettere e filosofia sai come la devi utilizzare…al cesso….Cafone…e questi sono i politici che ci rappresentano….continuatelo a votare….bravi de lecchini!!!!

  3. La foto è bellissima!
    Le loro facce parlano da sole…
    E noi dobbiamo farci governare da questi personaggi?

  4. MA IN REALTA’ HA RAGIONE: PERCHE’ ESISTE ANCORA UN COMMISSARIO? E’ COME SVENTOLARE CHE UNA CITTA’ E’ AMMINISTRATA DA UN SINDACO INVECE E’ COMMISSARIATA. IAT VENN E IAT A FATICA’

  5. Cosa ha fatto De Luca per il nostro mare e le nostre spiaggie?
    Cosa ha fatto Caldoro per Salerno e/o provincia?
    NIENTE!

  6. Bravo de luca sono mesi che la regione non paga i laboratori di analisi siamo a fine maggio e ci devono pagare ancora una miserabile settimana del mese di ottobre ma quale risanamento noi privati penalizzati, prima lo sconto e poi la riduzione delle tariffe del 50% come possiamo andare avanti? De luca tutelaci

  7. Cmq tutt o blocc de luca è nu trappan e poteva essere adulato solo in questo paesello di Salerno

  8. Chi utilizza in modo sottile le polemiche scatenate dai mass media su chi De Luca volesse alludere con la parola “cafone” evidentemente non ha argomenti da presentare all’elettorato in modo credibile…..il signorino con gli occhialini da demente cita testualmente che De Luca da’ del cafone a napoletani,agro nocerino e casertani facendo di un’erba un fascio e scatenando pericolose reazioni della gente vedi contestazione a De Luca in quel di nocera quando poi De Luca usa il sudetto termine “cafoni” quando allude a persone che vivono e hanno comportamenti poco inerenti al vivere in modo civile…compresi i salernitani…si vuole coprire 5 anni d’immobilismo con ultimissime operazioni di facciata e con annunci roboanti vedi riapertura ospedale agropoli…caldoro sta ultimando il pessimo lavoro di bassolino che con De Luca non c’entra niente….A TESTA ALTA CON DE LUCA.

  9. E non fate i finti perbenisti ma, da dove venite da Oxford?! Ma non facciamo i pagliacci. Vi scandalizzate, è il nostro dialetto, sono espressioni che ripetiamo centinaia di volte tutti, è il nostro modo di relazionare, ma fatemi il piacere…e poi, di fronte a delle simili affermazioni, a simili bugie, era l’unica reazione anche di rabbia, non è mai capitato a voi lord inglesi? A me sì

  10. Caro forza caldoro ,tu invece da dove vieni dal paesello dei leccaculi? Sappi che ognuno ha diritto di votare chi vuole ,infatti chi vota per il nulla e, chi vota per qualcuno che potrebbe fare qualcosa di concreto per la nostra regione

  11. 21 MAG – “Bè, la situazione della sanità campana non è messa bene. L’equilibrio economico-finanziario è stato perseguito massacrando il sistema e applicando le aliquote massime per le tassazioni aggiuntive, come per l’Irpef e l’Irap, e con l’assoluta mancanza di copertura di turn over. Insomma, al di là di Caldoro, brava persona, il giudizio è negativo”. Così Giuseppe Zuccatelli, attualmente presidente facente funzioni di Agenas (il nuovo presidente che deve sostituire il dimissionario Bissoni non c’è ancora) ed ex sub commissario ad acta della Campania negli anni scorsi al giornalista del Corriere del Mezzogiorno.

    “Il sistema sanitario campano presenta una tenuta territoriale molto problematica: abbiamo rilevato enormi criticità per far fronte a infarti e politraumi, così per i servizi destinati ai non autosufficienti, ai tossicodipendenti, agli ammalati cronici. Occorrono guardie attive 24 ore. Poi, gravi carenze riguardano l’attività di prevenzione, in particolare per i tumori della cervice uterina, del colon retto e della mammella. Insomma, su questi fronti siamo a livelli inaccettabili”, incalza nell’intervista Zuccatelli.

    “Dopo cinque anni di governo – prosegue il dirigente Agenas – non si può dire che la colpa è sempre del passato, quando poi la Campania resta fanalino di coda in Italia. Il direttore del Corriere del Mezzogiorno lo ha scritto nel suo editoriale molto bene: o si agisce, oppure è ovvio che le cose non cambiano da sole. Mancano undicimila unità all’intero comparto della sanità campana e non si può far finta di nulla. Se, per esempio, il primario della neurochirurgia del Cardarelli va in pensione non puoi non sostituirlo. Altrimenti crolla tutto”.

  12. Il mare, il mare… aggrappatevi alle cose serie e vere, la depurazione delle acque è esclusivo compito regionale. Informatevi invece di credere alle palle

  13. …e poi è iniziata anche la pulizia degli arenili, le acque salernitane tornano balneabili tutte e le spiagge vengono pulite da tutta l’immondizia che i “civili” salernitani (e non solo) hanno pensato bene di sversarvi. Così funzionava il piano boicottaggio eh?!.
    Finalmente possiamo dire che De Luca ha fatto qualcosa per il mare salernitano, può darsi che la finisci di lamentarti e te ne vai un po’ al mare

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.