Truffa con soldi migranti: diocesi Teggiano, fiducia nei pm

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
profughi_migranti_salerno_san_giusto_26La curia di Teggiano-Policastro in una nota commenta il coinvolgimento del direttore diocesano e regionale
della Caritas, don Vincenzo Federico, nell’inchiesta su fondi legati all’emergenza profughi.  “Sorpresa” e “piena fiducia nell’operato della magistratura” scrive la curia del Vallo di diano che aggiunge: “L’accoglienza dei migranti  ha trovato la nostra Caritas in prima linea in una missione affrontata senza scopo di lucro e con generosa dedizione.

La stessa diocesi ha impegnato risorse umane competenti e motivate da spirito di servizio, che si sono coinvolte con profondo senso di umanità e comprensione. Le iniziative di animazione hanno portato al coinvolgimento di famiglie, comunità ed enti locali e alla collaborazione con le istituzioni preposte all’accoglienza in totale trasparenza di comportamenti e di azioni. In questo modo, si è lavorato per l’inserimento di immigrati nel percorso lavorativo, attenti a promuoverne la tutela dei diritti”.

“Ciò che sta a cuore di tutti, ora, è che tale opera non sia semplicemente vanificata. Per questo, la diocesi – mentre esprime la propria vicinanza a don Vincenzo Federico – auspica che l’accertamento dei fatti avvenga nel più breve tempo possibile, per rispetto alla verità e a quanti si sono spesi nel servire persone che scappano dalla fame, dalla guerra e dalle persecuzioni, così come è nella tradizione della Chiesa”, conclude la nota.

”Da sempre ho profuso il mio impegno per cercare di alleviare le sofferenze di queste persone. Sull’inchiesta non mi esprimo, ho fiducia nei magistrati”. Lo dice, interpellato dall’ANSA, don Vincenzo Federico, il direttore della Caritas di Teggiano (Salerno) e responsabile della Caritas della Campania, indagato per peculato nell’ambito dell’inchiesta sulla truffa sui soldi destinati ai migranti.

Il parroco da anni si occupa di assistenza ai migranti. “Al momento – ha concluso don Vincenzo – affido qualsiasi dichiarazione al mio avvocato Renivaldo La Greca”. Il sacerdote, oltre ad essere delegato della Caritas diocesana, è reggente della parrocchia di Sant’Alfonso in Padula. E proprio il primo cittadino di Padula (Salerno), Paolo Imparato, esprime parole di conforto al sacerdote: “Sono convinto – dichiara il sindaco Imparato – che il nostro parroco sia estraneo a questa vicenda. Don Vincenzo deve rimanere sereno ed attendere l’esito dell’inchiesta della magistratura. La nostra comunità si stringe attorno a lui in questo particolare momento”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.