Truffa sui soldi dei migranti: Raffaele Cantone esterrefatto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
raffaele_cantone“C’è da rimanere esterrefatti. Se anche il mondo dell’impegno sociale fa registrare questi episodi è chiaro che il livello di diffusione del malaffare è tale che nessuno da solo ce la può fare nel contrasto alla corruzione”. Si esprime così Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione durante il seminario organizzato alla Federico II dal prof. Roberto Vona, al quale hanno partecipato il direttore de “Il Mattino” Alessandro Barbano ed il rettore dell’Università Federico II Gaetano Manfredi.

Un passaggio anche sulla nuova legge contro la corruzione: “La legge sulla corruzione è un bicchiere mezzo pieno. Si poteva fare di più, e si dovrà fare di più, ma in questo momento si rischiava di creare divisioni in Parlamento e non fare passare norme utili che ci sono in questa legge”. Durante la lezione dal titolo “La corruzione e lo sviluppo delle aziende criminali”,  il presidente dell’Anac si è soffermato sul ruolo dell’impresa e dell’imprenditore criminale. “Le organizzazioni mafiose non sono solo quelle che sparano ma sono ormai soprattutto quelle che gestiscono attività economiche lecite. Imprenditore criminale è quello che gestisce gli appalti per i clan. Il mafioso, come lo intendiamo tradizionalmente, può gestire anche dal 41bis i suoi affari, grazie a prestanome. Il modo più efficace per contrastare questo sistema è la repressione fiscale.”

Cantone si è soffermato sul tema dell’economia e dei beni confiscati alle organizzazioni criminali chiarendo come sempre più bisogna intervenire sulle disponibilità economiche delle mafie. “Lo stato ad oggi ha incamerato tantissimi beni confiscati alle mafie. Ma se non vengono riutilizzati, si fa un danno alla lotta alla mafia”. Ultimo passaggio del discorso di Cantone sugli “open data” e la trasparenza. “La battaglia alla corruzione ed alle mafie deve essere una battaglia culturale. Senza il concreto aiuto dei professionisti non ce la potremmo mai fare. Bisogna includere la parte migliore dei cittadini”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. La parte migliore dei cittadini,già ha pagato abbastanza e non può fare battaglie contro gli infiniti mulini a vento.Meravigliarsi di cosa è diventata questa società ormai non stupisce più nessuno.Questo modo di dire:” NUn ci à putim mai fà”,è stato già coniato dalla maggior parte della popolazione rispettosa delle regole.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.