Impresentabili: De Luca replica, “Denuncio la Bindi per diffamazione”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
51
Stampa
vincenzo_de_luca_nerovoso

La notizia che manda di traverso il pranzo a Vincenzo De Luca, candidato del Pd in Campania, arriva intorno alle 14:20. De Luca è all’hotel Vesuvio, noto albergo del lungomare partenopeo.

Con lui a tavola c’e’ il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, l’ultimo di una serie di esponenti del Pd e del governo giunti a Napoli per lanciare la volata finale all’ex sindaco di Salerno. Insieme avevano trascorso la mattinata parlando di emergenza lavoro e di quell’idea di applicare in Campania il piano che fece le fortune della ex Germania dell’Est.

La mazzata che si abbatte sull’ultima giornata di campagna elettorale del candidato Dem è annunciata da un cicalino sul telefono e arriva con un messaggio su Whats App che a De Luca viene girato da un suo collaboratore. Il pesce, un’ombrina al forno, rimane nel piatto. De Luca non nasconde la sua irritazione; il primo a raccoglierne lo sfogo è proprio Poletti.

“Certe cose non si fanno nell’ultima giornata di campagna elettorale”, gli dice il candidato governatore. Per poi mettere a fuoco quello che a suo dire è il vero obiettivo: “E’ un’aggressione a Renzi, è chiaro, ma io vado avanti”. La linea con Roma diventa rovente. Dal telefono di De Luca partono diverse telefonate. Ma non verso Renzi – dirà lui più tardi – pur facendo intendere che il dialogo col segretario del partito è fitto e quotidiano. De Luca raduna i suoi, il tempo di preparare la controffensiva.

Il suo ufficio stampa mette a punto una lunga nota in cui De Luca annuncia querela alla Bindi per diffamazione e la sfida a un dibattito pubblico “per sbugiardarla”.

LA DENUNCIA ALLA BINDI“Denuncio Rosy Bindi per diffamazione e la sfido ad un pubblico dibattito per sbugiardarla”. Questa la reazione del candidato governatore del centrosinistra Vincenzo De Luca appresa dal suo staff, dopo la presentazione della Commissione Antimafia della lista dei cosiddetti “impresentabili” nella quale figura anche il suo nome.

«Premesso che Tutti gli atti amministrativi in questione sono stati sollecitati dal Prefetto dell’epoca e dalle organizzazioni sindacali, nell’ambito della vertenza Ideal Standard.  Ho rinunciato alla prescrizione. Sono orgoglioso di aver preso decisioni urbanistiche per salvare 250 lavoratori dell’Ideal Standard, e rifarei tutti gli atti esattamente come 17 anni fa.

L’ipotesi di ‘concussione’ che mi riguarda è relativa ad oneri di urbanizzazione richiesti a vantaggio del Comune, e calcolati dall’ufficio tecnico. Io sfido la signora Bindi ad un dibattito pubblico, entro la mattinata di domani, per poterla sbugiardare, e dimostrare che l’unica impresentabile è lei, pia Donna di Potere, che ha utilizzato fra i suoi sponsor politici uno dei peggiori esponenti della clientela politica in Campania, massimo produttore del debito sanitario, di cui illustrerò opere e virtù, nel corso del confronto» – afferma Vincenzo De Luca in una nota..

DE LUCA: AGGRESSIONE VERA E’ A RENZI. ”Mi pare evidente che questa campagna di aggressione, che sarebbe stata eccessiva anche per Totò Riina, ha un solo obiettivo: cercare di mettere in difficoltà il Governo nazionale e Renzi. L’aggressione vera è al segretario del partito”. Lo dice, a Napoli, Vincenzo De Luca. E’ evidente – ha proseguito De Luca – che c’e’ un evidente uso strumentale della mia persona. Credo non ci voglia molto a capire che l’aggressione vera è al segretario del partito con l’obiettivo di metterlo in difficoltà per la scadenza delle Regionali”. De Luca ha parlato di una vera e propria “strategia della confusione”: “Ovviamente – la sua ricostruzione – queste aggressioni hanno diverse tappe. La Liguria ha avuto una formalizzazione con una scissione nel partito. Qui, invece, le cose che conoscete fino all’ultima esternazione della professoressa Bindi, ma è evidente che c’e’ un attacco violento e nazionale alla leadership di Renzi. E che queste sono vicende strumentali a quell’obiettivo”. “Comincio a pensare – conclude De Luca – di essere diventato importante. Sono partito come un modesto artigiano della politica e mi ritrovo al centro del mondo. Questa cosa comincia perfino a gratificarmi”.

LA VICENDA PER LA QUALE E’ STATO INSERITO NELLA LISTA. La vicenda per la quale Vincenzo De Luca è stato inserito nella lista dei cosiddetti “impresentabili” della Commissione Antimafia risale al 1998 e riguarda un’inchiesta della Procura di Salerno incentrata sulla richiesta di cassa integrazione per circa 200 operai dell’ex Ideal Standard. Secondo l’accusa, la cassa integrazione fu sollecitata dallo stesso De Luca in assenza dei presupposti di legge.

L’ALTRO FILONE DELL’INCHIESTA. Un altro filone dell’inchiesta è relativo alla richiesta degli oneri di urbanizzazione ad alcuni imprenditori interessati alla realizzazione di una struttura sempre nella zona orientale della città. Il rinvio a giudizio per De Luca e per altri 46 imputati è arrivato nel 2008. I reati contestati all’ex primo cittadino di Salerno sono di concussione (in relazione alla richiesta degli oneri di urbanizzazione) e di truffa (per la concessione della cassa integrazione).

DE LUCA HA RINUNCIATO ALLA PRESCRIZIONE. Lo stesso De Luca, che più volte nel corso degli anni ha commentato la vicenda, ha rinunciato alla prescrizione “relativamente ai delitti per i quali era maturato il relativo decorso”. La vicenda era venuta alla ribalta anche nel corso della scorsa campagna elettorale per le regionali del 2010, quando De Luca è stato già in corsa contro Caldoro. Cinque anni fa, sempre nel corso della campagna elettorale, De Luca commentò la vicenda ribadendo che lui rispondeva per “per una vertenza di lavoro, non per ladrocinio o camorra: i ladri e i camorristi – disse – stanno dall’altra parte”.

IN TV CON I GIORNALISTI CHE LO ATTENDONO DICE...  Alle 16:30 il candidato governatore è nella sede di un’emittente regionale per registrare un messaggio agli elettori di due minuti. E’ li’ che incontra i giornalisti. Vorrebbe rifarsi al comunicato nel frattempo diffuso ma poi non resiste alle sollecitazioni e si lascia andare: “Vorrei dire tante cose, ma e’ meglio che mi freno”. Qualcuno gli ricorda che la lista lo annovera come il capo degli impresentabili. Gli scappa un ghigno, cui fa posto l’ironia: “Sono effervescenze, flebilità, pinzellacchere direbbe Toto’, ma fatte nell’ultimo giorno di campagna elettorale sono anche cose che si possono definire in altro modo. Lasciamo perdere…”. E trova anche il tempo di sorridere quando rileva che gli impresentabili sono in maggioranza nella lista di Caldoro. “Allora sono in minoranza?”, chiede ai giornalisti.

A BAGNOLI SOSTENITORI ACCOLGONO DE LUCA AL GRIDO “FORZA VINCENZO”. Vincenzo de Luca al sui arrivo all’arenile di Bagnoli per la festa di chiusura della campagna elettorale è giunto accompagnato da Andrea Cozzolino, europarlamentare e suo principale rivale alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato presidente. Ad accoglierlo i suoi sostenitori che hanno gridato “Forza Vincenzo”, mentre dal palco suonavano le note di ‘A me mi piace o’ blues’ di Pino Daniele.

ANCHE GRIMALDI QUERELA COMMISSIONE ANTIMAFIA. Intanto anche Carmela Grimaldi, candidata per la lista Campania in Rete nella provincia di Salerno denuncerà per diffamazione i componenti della commissione Antimafia. Lo rendono noto i parlamentari Vincenzo D’Anna, Antonio Iervolino e Arturo Iannaccone, ispiratori della lista indicata come vicina alle posizioni di Nicola Cosentino che sostiene il candidato del centrosinistra Vincenzo De Luca.  Il nome della Grimaldi è stato inserito nell’elenco degli impresentabili divulgato oggi. La Grimaldi, “inquisita nella qualità di assistente sociale per aver, nell’esercizio della sua professione, assistito la moglie di un boss – riferiscono i tre parlamentari – è stata prosciolta con formula piena dal Tribunale di Salerno nell’anno 2014. La sentenza – concludono i tre parlamentari – sarà pubblicata in uno con un atto di querela per diffamazione ai componenti della Commissione Antimafia”.

GUARDA IL VIDEO DI DE LUCA A TV LUNA (DA YOUTUBE)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

51 COMMENTI

  1. La Bindi ha fatto il suo dovere nel rispetto della legge e degli elettori, é il segretario del PD, che pur di vincere, ha mentito dalle primarie ad oggi e ha appoggiato un un condannato, lui che dovrebbe rappresentare la legge e la legalitá, in quanto ha un ruolo istituzionale, la sta violando.
    Credo che noi cittadini dovremmo denunciare sia Renzi che De Luca per falso ideologico.
    Che De Luca é impresentabile si sapeva sin dall’inizio, é stato proprio il Procuratore di Salerno a inviare il “curriculum” processuale di De Luca, non dimentichiamo che oltre al processo del Sea Park ci sono altri in corso dove é imputato.
    De Luca per rispetto dei cittadini e per il codice etico di autoregolamentazione dei partiti non doveva candidarsi, la sua arroganza e megalomania l’ha portato a s……arsi a livello nazionale!
    Ora dice che vuole denunciare la Bindi per diffamazione, se avesse dignitá facesse non uno, ma mille passi indietro. Purtroppo in Italia é normale che i condannati, gli imputati e gli indagati si candidano alle elezioni, si parla di legalitá, rispetto delle leggi, é tutta una presa in giro, qui il clientelismo politico, i voti di scambio continueranno a farla da padrone a danno della legalitá, meritocrazia, uguaglianza, i nostri figli continueranno a lasciare l’italia, visto l’ereditá che gli stiamo lasciando.
    É tutto di una tristezza infinita, i padri della costituzione si staranno rivoltando nella tomba, si sta continuando a tradirla!

  2. fai bene De Luca

    Bindiiiii, non siete stati mai tanto legalisti neanche con chi ha ucciso GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO. Non vi siete mai accaniti tanto neanche con TOTO RIINA… Andate al diavolo vi PIEGATE ALLE BEGHE POLITICHE, è tutta una CORRUZIONE.
    PERCIò DE LUCA FA PAURA A TUTTI.

    BINDI HAI DELUSO UN\’ITALIA INTERA, VERGOGNA.

  3. è naturalmente una manovra interna al PD,cercano di far perdere le regionali per mettere in difficoltà Renzi; è povera gente che non merita considerazione,e mi sta convincendo a votare De Luca

  4. perchè non hai rinunciato per la prescrizione di Ostaglio??? Forse li non ti conveniva???

  5. Va beh allora ditelo se questi si scagliano anche contro la commissione antimafia facciamo le valige e cambiamo paese perchè quì è a rischio la democrazia. Cioè è come se un politico fosse condannato da un giudice e questi denunciasse il giudice. Ma come funziona ?

  6. Vendetta anti-renziana citano su un sito… rendiamoci conto quanto tengono a cuore le sorti dei cittadini questi politici…
    3 GIORNI ALL’ALBA
    DE LUCA GOVERNATORE

  7. io non sono triste, al massimo mi chiedo perchè una sera di tanti anni fa 4 genitori … non andarono a farsi un solitario….oggi avremmo una portaborse universitaria in meno in parlamento, e un’elettrice scostumata in meno nell’elettorato attivo.

  8. io non sono triste, al massimo mi chiedo perchè una sera di tanti anni fa 4 genitori … non andarono a farsi un solitario….oggi avremmo una portaborse universitaria in meno in parlamento, e un\’elettrice scostumata in meno nell\’elettorato attivo.

  9. La commissione antimafia con la Bindi all’interno e che ha contribuito in questo anni allo sfacelo di questo paese…ma mi faccia il piacere! ..lei ha letto…hanno rispolverato un processo del 1998 in cui de luca ha rinunciato alla prescrizione…apriamo gli occhi e non facciamoci fregare x l’ennesima volta, è tutto un gioco di potere perché hanno paura di una Campania più forte e che un domani possa aspirare a dire la sua in questo paese di ladri e sfaccendati che , non hanno mai pensato al bene dei cittadini, perché concentrati a difendere il proprio orticello…difendere solo la loro poltrona cioè il potere!

  10. fa paura a tutti…….. direbbe toto’… ma mi faccia il piacere……….. e’ solo un teppistello cafoncello peracottarello palazzinarello da due soldi……
    ma siete malati di mente e da rinchiudere in un ospedale criminale………

  11. Forza De luca fate i bravi voi Grillini voi FORZA ITALIA VERGOGNATEVI AVETE Paura di De LUCA CHE VI MANDA TUTTI A CASA!!!

  12. e la prima volta vederlo incazzato e uguale tanti che stanno la e a farsi fuori sono proprio fra di loro ma il commediande e il suo pinocchio di firenze e tutta na merdacciaaaaaaaaaaa

  13. Sei sono un guappetto di cartone tu e Caldorino e suoi 9 impresentabile di “PARTITO” altro che Liste civiche, vi dovete vergognare Forza Italia e Fratellastri d’Italia dell’elmo di Scipio

  14. Questo e i suoi nuovi amici di Caserta, che poi sono gli amici storici di Cosentino, presenti in liste di appoggio vogliono pure denunciare qualcuno per diffamazione?!?!
    Cos’è..?!?…. Il nuovo colmo dei colmi?!?!

  15. Che Delusione De Luca. Se avesse fatto un passo indietro considerati i contrasti con la legge Severino e il codice dell’antimafia e l’alleanza con i trasformisti avrebbe fatto più bella figura … Chi troppo vuole nulla stringe !!!

  16. Basta De Luca!!!! Non ti sopportiamo più….è ora che da “signore” ti alzi e rinunci a tutto. Insomma…RITIRATI CHE ORMAI “SEI ANDATO ALL’ACETO”

  17. Comunque rimanre il concetto di fondo che e’ questo” quando si metto fuori voci come questa della lista degli impresentabili a 2 gg dall elezione per forza c’e’ da pensare a male e cioe’ che sia una manovra per fottere De Luca. Se l’avessero presentata prima potevano forse anche essere piu credibili e magari ottenere il risultato che si sono prefissi. Ora qualcuno forse non votera’ De Luca perche’ impresentabile ma credo che molti invece che non volevano votare lo voteranno perche’ capiscono che dietro sono solo manovre politiche. La condanna poi sulla storia della nomina del project manager fa ridere. Ok vivo in USA e quindi forse ho meno occasioni per documentarmi, ma ad oggi non ho letto e sentito noente che spiegasse bene cosa De Luca avrebbe fatto e se questo gli ha prodotto arrichimento ha prodotto danno alla collettivita’ o ad un altro soggetto che aveva i titoli per essere nominato in quel posto.

  18. alla fine ho letto bene le i documenti e sembra chiaro anche a me che in questo caso De Luca abbia ragione,ha rinunciato volontariamente alla prescrizione,chiedo scusa

  19. E’ davvoro palese e sotto gli occhi di tutti che la Bindi usa il suo ruolo di presidente della commissione per regolare conti interni a partito, ma poi un’altra cosa, ma la commissione antimafia non si dovrebbe limnitare al giudizio solo sui candidati imputati o condannati per mafia? Che c’entra l’abuso d’ufficio per giunta senza danno patrimonaiale con i reati dimafia bah?

  20. A CAMPAGNA ELETTORALE FINITA E DOPO TANTA CATTIVERIA POSTATA E’ USCITA LA LISTA DELLA BINDI. LA BINDI HA FATTO SEMPLICEMENTE IL SUO DOVERE E IO PUR NON AVENDOLA MAI PARTICOLARMENTE AMATA DEBBO AMMETTERE CHE HA ADEMPIUTO APPIENO AL SUO COMPITO. CHE POI DE LUCA VOGLIA DENUNCIARLA PER DIFFAMAZIONE…FATTI SUOI. PERO’ CREDO ONESTAMENTE CHE LA BINDI MAI E POI MAI AVREBBE EMESSO UN GIUDIZIO – PERALTRO DELLO STESSO PARTITO – BASATO SUL NULLA. QUINDI NEL RISPETTO DI TUTTI CREDO CHE QUANTO DELIBERATO DALLA COMMISSIONE DELLA BINDI UN QUALCHE SUPPPOSTO VERITIERO LO ABBIA. DETTO QUESTO IL MIO VOTO DE LUCA NON LO AVREBBE AVUTO COMUNQUE….
    QUINDI NON CAMBIA NIENTE ALMENO PER IL SOTTOSCRITTO.
    UNA COSA NON HO MAI SOPPORTATO E’ CHI SI METTE SOPRA LA LEGGE. IO HO SEMPRE RIPETO SEMPRE RISPETTATO LA LEGGE E NON TOLLERERO’ MAI IL DOPPIOPESISMO CHE E’ PALESE IN TUTTA LA VICENDA DA PARTE DI RENZI E SOCI.

  21. Rita te passata a mano pa coscienz, forse non hai capito perchè la Bindi Ha fatto tutto questo,importante che De Luca sarà il Sindaco Della Campania.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.