Salerno: presentazione libro Matilde Serao “Parla una donna”, diario sulla Grande Guerra

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
locandina_libroSarà presentato il 12 giugno, alle ore 18,30 presso la libreria Imagine’s book di Corso Garibaldi a Salerno il libro di Matilde Serao “Parla una donna” per i tipi Edizioni “Il Grappolo” Sas di Mercato S. Severino, nella collana SOMMERSI&SALVATI ideata da Antonio Corbisiero per recuperare autori e testi dimenticati. L’introduzione al libro è della ricercatrice Nunzia Soglia che sarà presente all’evento. Interverrà il giornalista salernitano Paolo Romano. “La prima guerra mondiale segnò drammaticamente la storia del nostro Paese- dice Corbisiero– ma fornì anche una testimonianza del valore del popolo Italiano. All’approssimarsi del centenario del conflitto, ci sembra utile ristampare questo testo di Matilde Serao le cui pagine sono dettate dall’ammirazione per tale valore”.

Parla una donna celebra entusiasticamente le donne italiane attraversoesempi puntuali di virtù, di onestà, di pietà, di eroismo. Il libro, pubblicato in pieno conflitto mondiale, nella primavera del 1916, raccoglie gli scritti di guerra apparsi sul Giorno tra il maggio 1915 e il marzo 1916. Esso fu dedicato dalla Serao ai tre, dei suoi quattro figli, che erano in quel momento soldati: Antonio, caporale di Fanteria, Paolo, sottotenente del Genio, Vittorio, tenente di Fanteria, che «servono la Patria con fedeltà ed onore».

Dopo una ristampa datata 1921, il testo è rimasto pressoché avvolto nel silenzio. La Serao, madre di tre figli soldati, si identifica soprattutto con «quelle madri ostinate in una sublime speranza: e che non avendo notizie di un figlio da sei mesi, da un anno, da quindici mesi, seguitano a scrivere, ovunque, seguitano a dirigersi, a tutti, seguitano a mettere avvisi nei giornali esteri, per sapere qualcosa di uno scomparso. Attraverso prose di guerra, questa maestra di giornalismo, «la più grande pittrice di folle che abbia dato il nostro verismo» come la giudicò Momigliano, ha saputo cogliere l’intimo e vario travaglio della donna e soprattutto della madre italiana, ricomponendone gli elementi di identità allora prevalenti, «per un bisogno di proclamare tanta purezza di abnegazione, tanta altitudine spirituale».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.