Inchiesta Metropolis: In B vince chi non smantella. I dati degli ultimi 10 anni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Salernitana_Barletta_festa_promozione_86Il quotidiano Metropolis ha pubblicato una interessate inchiesta sugli ultimi 10 anni di serie B con un dato che deve far riflettere: lo zoccolo duro tra i cadetti funziona. Delle 40 neopromosse dalla vecchia serie C, ben 30 (cioè il 75%) non sono retrocesse dopo una sola stagione. Tre matricole su quattro, dunque, anche in cadetteria hanno tenuto alta l’asticella delle loro prestazioni, confermandosi in un campionato completamente diverso rispetto a quello affrontato in precedenza. C’è di più.

A far meglio sono state proprio quelle formazioni che hanno confermato uno “zoccolo duro” nonostante il salto dalla terza serie italiana. Il Frosinone di Roberto Stellone è soltanto l’ultimo esempio: i ciociari, con pochi innesti rispetto alla scorsa stagione, in maniera sorprendente sono riusciti ad ottenere il “doppio salto”.

Che non è un inedito: negli ultimi dieci anni, infatti, altre quattro squadre hanno saputo scalare l’Italia del calcio ottenendo due promozioni consecutive. Nel campionato 2006/’07 fu festa grande per Napoli e Genoa, “nobili decadute” del calcio nostrano che festeggiarono la serie A a braccetto senza passare per i playoff. Due stagioni dopo (2009/’10) lo stesso risultato fu ottenuto dal Cesena di Pierpaolo Bisoli, imitato l’anno seguente dal Novara di Attilio Tesser. Cinque promozioni che hanno lasciato il segno e che lasciano una grande speranza alle “matricole terribili”: a più di una neopromossa su dieci (per una percentuale del 12,5%), infatti, è riuscito il “doppio colpo”.

Un’impresa tentata e sfiorata da altre sei compagini che al primo colpo sono riuscite a centrare i playoff. Dal Mantova di Mimmo Di Carlo (sconfitto in finale dal Torino), fino a giungere all’eliminazione del Perugia di qualche settimana fa, un gruppo nutrito di squadre ha tentato (senza fortuna) l’assalto alla massima serie, venendo spesso beffate da formazioni più scaltre e navigate della categoria. In 19 (pari al 47,5 delle neopromosse), invece, hanno vissuto in campionato all’insegna di una certa tranquillità, riuscendo a sovvertire i pronostici della vigilia, scalando le gerarchie del torneo così da “sopravvivere” alla spada di Damocle della retrocessione: fra queste c’è anche la Salernitana targata Lombardi, che dopo l’avvio in panchina con Fabrizio Castori concluse la stagione indenne con Fabio Brini al timone.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.