Salerno: inchiesta sulle concessioni al Porto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
porto_masuccio_salerno_barcheLa Procura di Salerno – stando a quanto scrive il CorrieredelMezzogiorno.it – avrebbe aperto una inchiesta sulle concessioni demaniali rilasciate dall’autorità portuale. Nel mirino 64 concessioni. Al momento non ci sono indagati ma le verifiche riguardano l’occupazione degli spazi a mare sia per il porto commerciale che per il molo Manfredi e per Santa Teresa.

“Vanno benissimo tutte le inchieste sulle concessioni demaniali avviate dalla Procura ma altra cosa è utilizzare queste azioni legittime per fare la guerra agli operatori turistici.

In queste ore il combinato disposto delle Procura, dell’azione della Capitaneria e della autorità portuale rischia di danneggiare operatori, lavoratori e turisti”. Così in una nota Roberto Celano, consigliere comunale e componente dell’associazione Attiva Salerno.

“Le azioni legittime della Procura -aggiunge Celano – non possono essere utilizzate da terzi per creare danni. Nel porto di Salerno ci sono pontili e realtà gestite da associazioni e cooperative che offrono servizi fondamentali.

Serve a poco sgombrare strutture e ridurre assistenza senza un piano alternativo.

Temiamo, ma ci auguriamo di sbagliare, che questa guerra fatta nel porto di Salerno serva ad avvantaggiare privati”.

“Sono certo – continua il consigliere comunale di Salerno- Capitaneria ed Autorità portuale interverranno per garantire lavoratori e turisti.  Smantellare le strutture presenti, in piena estate , senza immaginare valide alternative rischia di essere solo un regalo a ‘certi privati’. Mi auguro, ma il dubbio è forte, che intervenga anche il Comune di Salerno. Nella città turistica si lavora per garantire tutti e non per aiutare gli amici”.

Per il coordinatore  di Forza Italia Raffaele Adinolfi “bisogna tenere insieme le due esigenze: il rispetto delle norme e la tutela dei diportisti salernitani che hanno scelto il porto commerciale”.

concessioni_spazi_rimossi_1LA SEGNALAZIONE DI UN LETTORE. In merito al vostro articolo sulle concessioni è giusto aggiungere che stamattina è stato rimosso il primo box che serviva da ricovero al personale che lavora al molo Manfredi come guardiania di una concessione. Al momento sono senza ricovero, e passeranno la notte senza potersi riparare da pioggia o altro. Di giorno saranno sotto il sole. Una situazione paradossale, da terzo mondo. A pagare sono sempre i lavoratori. Siamo in corrispondenza della stazione marittima, dove attraccano Msc e Costa.  Al box rimosso era collegato il defibrillatore automatico. Era collegato alla linea telefonica; in caso di emergenza scattava in automatico la chiamata al 118 e alla polizia. Ovviamente ora non è funzionante.

Un bel biglietto da visita

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Comune, Autorità Portuale, ambientalisti e procura, stanno distruggendo tutto il settore turismo ricettivo a Salerno . Sospendere o fermare un’attività commerciale stagionale significa far morire quelle imprese già precarie e che lavorano 3 mesi all’anno . Come sempre in Italia gli enti non sono al servizio dei cittadini e delle imprese ma per vessarli e farli fallire …

  2. Guardate che voi da ignoranti state accettando in maniera tacita da 20 anni il nepotismo e la strafot..tenza deluchiana in merito a leggi da rispettare e trasparenza nella pubblica amministrazione.. Tra l’altro queste inchieste sono all’ordine del giorno anche in altre città quindi non c’è nulla di strano se la procura decide di indagare. Evidentemente chi prima imponeva dei paletti agli inquirenti ora ha deciso di pulirsi un po’ la coscienza. Gli operatori turistici che si sentono danneggiati, se con le carte in regola non hanno nulla da temere, evince dalla situazione e dalle lamentele quindi che delle irregolarità di fondo ci sono.. staremo a vedere se questa volta la cricca deluchiana la farà franca per l’ennesima volta..a buon intenditore poche parole!

  3. Cito testualmente da Wikipedia:
    “… i grandi feudatari tendono ad esercitare sul territorio funzioni appartenenti allo Stato trasformando il feudo da istituzione privata in istituzione pubblica: amministrazione della giustizia, riscossione di dazi e gabelle, arruolamento di uomini per le campagne di guerra private.
    Nel contesto della società feudale i piccoli proprietari terrieri privati (proprietà allodiale) trovandosi spesso in gravi difficoltà economiche, mirano ad affidare la propria terra privata ad un feudatario del quale si dichiarano vassalli. “

  4. Come funziona basta fare una denuncia anonima o sotto forma di ambientalisti che all’inizio dell’estate si blocchi tutto, creando danni incendi alle imprese e disservizi ai turisti !!! Certo è importante verificare la regolarità delle procedure, autorizzazioni ecc… ma non si dovrebbero fare questi scoop solo per fare i titoloni sui giornali, perchè poi i danni economici che subiscono questi “pseudo imprenditori abusivi” chi li paga ? Io penso che questa volta voleranno denunce, querele e soprattutto richieste di RISARCIMENTO DANNI nei confronti di tutti…
    Gli enti e le istituzioni dovrebbero essere al servizio dei cittadini e delle imprese, in un paese civile.

  5. Oltre dumeila anni fà diceva Cesare e non si sbagliava “la legge si applica ai nemici e s’interpreta per i nemici…………….”, in realtà a Salerno è finita un’epoca!

  6. Quelle concessioni esistono da oltre trent’anni, cioè da quando erano rilasciate dalla capitaneria di porto e prima che inventassero i carrozzoni per trombati della politica chiamati “autorità portuali”. Come mai solo ora che è sorto un porto privato, semivuoto a causa dei costo troppo elevati e della zona degradata con il nulla intorno in cui esso sorge, nascono queste inchieste della procura? Evidentemente c’è qualcuno che, non certamente disinteressato e magari incoraggiato dal nostro grande ex sindaco, sta alimentando ad arte sospetti che si riveleranno una bolla di sapone come l’altra inchiesta sugli spazi occupati dai corpi morti fissati al di fuori dello specchio d’acqua concesso. Che paese che è questo e in che città viviamo, ove non si conosce neanche cosa voglia dire la parola “turismo”!!!!!!

  7. Sono completamente d’accordo con ” cittadino salernitano”, ha fatto un’attenta analisi di ciò che è accaduto e sta accadendo adesso nei porti di Salerno. Ah per tutti i falsi moralisti, non venite a dirmi che dopo 20 anni le concessioni vanno azzerate per dare spazio ad altri imprenditori perché a questi dico che un impiegato comunale , regionale , statale allora dopo 20 anni deve liberare il suo posto per dare spazio ad altri, perché non è giusto per chi è arrivato dopo” . Perfetto se c’è qualcuno disposto a non dormire più la notte e non avere più certezze , beh possiamo fare a cambio lavoro … Molte imprese ( tutte piccole ) hanno fatto investimenti nel porto che probabilmente non finiranno mai di pagare …

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.