La rivalità sfocia nell’idiozia: a Nocera bruciata bandiera a tifoso granata down

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
32
Stampa
andreagentile-1Quando la rivalità sportiva sfocia in idiozia con l’aggravante della vigliaccheria. Un inquietante segnale di degrado sociale e culturale, di autentica ignoranza quanto accaduto nelle ultime ore a Nocera Superiore. “Mi ha fatto male al cuore.” Così Andrea Gentile ha commentato un gesto balordo e stupido che lo ha visto, suo malgrado, protagonista. Andrea, un giovane Down di 40 anni, vive con sua mamma, una forte donna di 80 anni, a Nocera Superiore. Sono originari di Salerno. Ed Andrea è un tifosissimo della Salernitana. Allo stadio lo portava sin da bambino la sorella Maria. E di quella maglia si è innamorato. Figurarsi la sua gioia quando la Salernitana ha vinto il campionato ottenendo la promozione in serie B. Ed ha voluto rappresentare a tutti la sua emozione esponendo sul balcone di casa la bandiera granata. Peccato, però che qualche persona ottusa ha deciso di strappare quel simbolo che per Andrea vale tantissimo. Tutti dispiaciuti, in famiglia ma anche vicini di casa.

Dispiaciuti tanto che un vicino di casa propone ad Andrea di esporre un’altra bandiera ad un piano più alto, così speravano, che nessuno potesse fare di nuovo del male al giovane. Ma non è stato così, anzi è andata peggio perchè la bandiera è stata bruciata. I teppisti, pseudo tifosi, hanno utilizzato una lunga asta, con una spugna imbevuta di benzina. E le hanno dato fuoco. Due giorni prima uno di loro aveva avuto anche il tempo di minacciare l’anziana madre di Andrea invitandola a togliere quel simbolo di una squadra avversa. Il deciso no della donna è stato perentorio, perchè in quel modo si andava contro quanto di più desiderato dal figlio malato. Nonostante il suo handicap conosce a memoria diverse formazioni della Salernitana, in particolare quella che fu promossa in serie A.

Così come ricorda quella di Menichini. Il suo idolo è Marco Di Vaio. E giura che Calil resterà anche per il prossimo campionato. Una storia certamente non bella perchè ci si rende conto che l’idiozia umana non si ferma nemmeno davanti a chi non è stato fortunato e che considera la passione per il calcio quasi elemento essenziale della sua vita. E non raccontatelo alla mamma di Andrea che, forse, gli autori del gesto non sapevano che quella bandiera era stata esposta da un giovane Down. A quella donna non osate toccare Andrea, perchè è la sua vita.

Fonte Telenuova Pagani

GUARDA IL VIDEO DI TELENUOVA

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

32 COMMENTI

  1. chi fomenta odio si pone allo stesso livello di questi poveri idioti frustrati, Nocera e’ fatta anche di tanta gente perbene , dai Andrea ti aspettiamo allo stadio

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.