Troppe alghe, i turisti abbandonano la spiaggia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Agropoli_PortoInizio d’estate da dimenticare per alcune località ad Agropoli. Secondo quanto riporta Ilmattinoi.it la costruzione di una barriera per il ripascimento costiero e per limitare l’erosione avrebbe determinato cumuli di alghe e acque stagnanti tanto da scoraggiare bagnanti e turisti che volevano cercare un po’ di refrigerio nelle acque agropolesi. La situazione riguarda solo piccolo tratti del litorale agropolese ma la polemica è già esplosa tra i gestori degli stabilimenti balneari che sono pronti a clamorose azioni di protesta. L’amministrazione è già corsa ai ripari rimuovendo le alghe accumulate.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.