Cultura: a Mercato San Severino presentazione del restauro del Monumento Tomaso III Sanseverino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tommaso_San_SeverinoIl Giorno 26 Giugno, alle ore 18,00 nei locali del Convento francescano ( O.F.M.) di S. Antonio in Mercato San Severino sarà presentato il restauro del Monumento funebre di Tommaso III Sanseverino. Il Monumento costituisce un preziosissimo documento artistico per la conoscenza della scultura gotica napoletana della seconda metà del Trecento. Esso viene realizzato a pochi anni di distanza dal colossale Monumento di Roberto d’Angiò nella chiesa di Santa Chiara, opera dei fratelli fiorentini Pacio e Giovanni Bertini. Prima di essi di fondamentale importanza fu il soggiorno a Napoli, fra il 1326 ed il 1336, di Tino di Camaino, maestro senese al quale si deve la fioritura e la fondazione di una scultura gotica napoletana moderna. Il rientro in patria dei fratelli fiorentini, agli inizi degli anni cinquanta, privò l’arte napoletana di due fondamentali figure artistiche.

La loro eredità fu raccolta da scultori formatisi nella loro bottega nel cantiere del Monumento di Roberto d’Angiò. A questi va restituita la paternità anche del Monumento Sanseverino, la cui datazione si colloca subito dopo il 1358, anno di morte del dignitario della corte angioina. Tommaso III, infatti, non è un personaggio minore della corte, bensì uno degli esponenti più in vista ricoprendo la carica di Gran Conestabile, una specie di Comandante dell’Esercito,molto vicino al sovrano. Egli, come il re, era un gran devoto del fraticello di Assisi, e fu il fondatore del convento di S. Antonio, che ha sempre goduto della protezione del Casato dei Sanseverino. Per questo motivo alla sua morte, il Monumento funebre fu allocato nella chiesa del convento.

Probabili lavori in età moderna hanno stravolto la fisionomia dell’opera destinandogli una collocazione laterale, quasi nascosta, ed incassata nella parete a lato dell’altare maggiore. I lavori di restauro, durati diversi mesi, sono stati condotti dalla ditta Nova Ars con la Supervisione della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le province di Salerno ed Avellino ed interamente finanziati dai frati del convento. Durante l’intervento sono stati messi in luce i due fronti laterali con le figure dei santi, incassati e nascosti nelle pareti. E’ stata eseguita una attenta pulitura delle superfici che ha rivelato precedenti interventi con sostanze abrasive, i cui danni sono stati in alcuni casi rilevanti ed irreversibili.

Particolare attenzione è stata posta alle sculture che circondano la statua principale in alto, raffiguranti probabilmente figure della corte sanseverinese. Si tratta di tre statuine di donne in abbigliamento di rappresentanza, che rivelano particolari momenti della moda dell’epoca compresa l’acconciatura dei capelli. Inoltre c’è un blocco unico con le sculture di tre militi protesi verso il Gran Conestabile. Su questi gruppi sono state rilevate tracce di pitture che lasciano intendere la possibilità che in origine fossero dipinte, come si vede nel più tardo Monumento funebre della Regina Margherita di Durazzo ( 1414) nella Cattedrale di Salerno. Questi gruppi scultorei saranno esposti alla cittadinanza, per tutta la giornata del 26 Giugno, prima della loro definitiva collocazione alla sommità del Monumento.

La manifestazione avrà uno svolgimento istituzionale e scientifico con la partecipazione del Sindaco di Mercato Sanseverino, Dott. Giovanni Romano, dell’Arch. Francesca Casule, Soprintendente BEAP per le province di Salerno ed Avellino, e di Frà Mimmo Marcigliano, Padre Guardiano del convento di S. Antonio. La parte scientifica sarà esposta da Pasquale Natella, eminente studioso del casato Sanseverino, il quale illustrerà la figura di Tommaso III. Il dott. Antonio Braca, funzionario di zona storico dell’arte della Soprintendenza BEAP e responsabile del cantiere, delineerà i problemi del Monumento nel contesto della scultura gotica partenopea. Infine Maria Paola Bellifiore, restauratrice della Ditta Nova Ars, curatrice dell’intervento, presenterà alcuni aspetti dell’azione conservativa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.