Salernitana – Torrente, al via il nuovo corso granata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
TorrenteDire “aspettiamo prima di giudicare” è dire una cosa abbastanza scontata. E’ chiaro che bisogna aspettare e mettersi nel folto plotone di quelli che aspettano. Quelli che aspettano di conoscere gli obiettivi del club per la prossima Serie B, quelli che aspettano quanti e quali giovani la casa madre Lazio destinerà alla Salernitana in un campionato dove vince chi indovina i giovani migliori. Quelli che aspettano gli acquisti estivi e che soprattutto aspettano il ritorno del pallone quello giocato e non chiacchierato quello dei falsi scandali del calcioscommesse, quello dell’attacco a patron Lotito per la vicende Iodice o quello degli esoneri in differita. Vicende diverse tra loro, almeno l’ultima che rischiano di disperdere quel patrimonio di entusiasmo e di euforia che bisogna traferire sul prossino campionato di B e sulla Salernitana che verrà.

Non per questo, però, è vietato esprimere opinioni che poi sono semplici sensazioni: Vincenzo Torrente – tanto per cominciare – trova un ambiente carico e motivato e che al di là delle frasi di circostanza vuole vincere dopo anni trascorsi nelle retrovie del calcio che conta. Dai fasti della A ai due fallimenti in sei anni per poi ricominciare daccapo, dalla D alla B in quattro anni. La gente di Salerno vuole vincere, la piazza è ad altissima pressione e questo potrebbe costringere la proprietà a rivedere programmi, ambizioni ed obiettivi non ancora fissati. Salerno il campionato di B lo ha già vinto sugli spalti. I numeri dicono che quella granata è, numeri alla mano, quella che ha il potenziale di pubblico maggiore.

Numeri che emergono dal campionato di Lega Pro figurarsi in una serie B a vincere. Ecco perché Fabiani in primis ed ora Torrente hanno un ruolo tutt’altro che agevole e delicato perché adesso bisogna concretizzare il lavoro fatto da Lotito e Mezzaroma nei quattro anni precedenti. Questo è il momento della svolta per il club, per Salerno e per la Salernitana. Torrente è uno abituato a lavorare sotto pressione ma arriva, suo malgrado in una piazza mangia allenatori. Sei tecnici in cinque anni, Sei allenatori che si sono alternati alla corte di Lotito e Mezzaroma esonerati, come è accaduto con Menichini anche in presenza di contratto e risultati raggiunti. Torrente avrà bisogno di una società-chioccia e di una piazza paziente, pronta ad aspettarlo. E’ la scelta giusta? Aspetteremo. Poi giudicheremo…

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. dopo tanti anni leggo un commento giornalistico che trovo molto coerente ,questa è la strada giusta complimenti

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.