Bufera nel Calcio: a rischio l’inizio dei campionati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
FIGC_TavecchioIl calcio italiano, dopo l’ennesimo scandalo relativo alla presunta compravendita di partite da parte del Catania per evitare la retrocessione, è nel caos. Tante le questioni sul tavolo, dal fallimento del Parma alle scommesse, dalle retrocessioni, agli illeciti. Coinvolti tutti i tornei dalla Serie A ai Dilettanti: possibile uno slittamento dell’inizio dei campionati. Venerdì riunione Figc per i stabilire i criteri per i ripescaggi.

Il tempo stringe e la Figc deve prendere decisioni importanti. Naturalmente non può farlo da sola, perchè le vicende inevitabilmente coinvolgono anche la Procura Federale e i Tribunali amministrativi, visto che si va dall’illecito sportivo a quello amministrativo. Sono tante le questioni sul tavolo, l’ultima è quella relativa al Catania, che ha portato all’arresto del Presidente Pulvirenti e di altre sei persone, per la presunta combine di partite (almeno 5), per permettere al club etneo di mantenere la categoria. Oltre a questo ci sono le altre inchieste in corso, da Cremona-2, a Catanzaro 1 e 2, passando da quella di Napoli.

E ancora; dall’inchiesta bis su Mauri e Lazio-Genoa all’indagine sulla tentata estorsione di Lotito, di cui si attende il deferimento. In mezzo, le presunte combine del Teramo per salire in B. Senza dimenticare l’altro filone di Cremona su Colantuono e Zamagna, allora tecnico e d.s. dell’Atalanta. Insomma, l’estate per il calcio italiano si preannuncia rovente.

Fonte TgCom.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Visto Catania,Messina sicilia beddaaaaaa……Catania,Messina,Lecce,Reggina tutte portate in alto in serie A agli inizi degli anni 2000 perchè faceva felice lo Psico-Nano…..bastava il voto su Fuerza Alleati con La Nazione Azzurro Libertè ….ora che lo Psico-Nano è in discesa questi club sono ritornati in serie C, serie D, calcio scommesse……e non venite a dirci che calcio e politica non si accomunano, tutte le città che votavano quel personaggetto venivano premiate con la serie A….cosi come negli anni 70-80 tutte le città o province che avevano un massimo esponente politico a rappresentarli in Parlamento, addirittura presidente del Consiglio, benificiavano della serie A, chi nega o censura è bugiardo…..

  2. anche la CRETINAGGINE dovrebbe avere un limite. x la redazione:pubblicate altrimenti vi rendete CRETINI anche voi!!!!

  3. Se avessimo le palle e la voglia di cominciare a risanare il calcio si potrebbe usare questa opportunita’ per tagliare due squadre in serie b e decidere fin da subito di tagliarne altre 2 della A e della B per arrivare ad una situazione migliore con 18 squadre in A e 20 in B (meglio sarebbe 16 A e di 18 B). Meno squadre vuol dire meno eliminare da subito qualche squadra non in regola o non economicamente in grado di sostenere un campionato, piu’ spazio anche per la nazionale che obiettivamente e’ messa male.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.