Accoltellamento a Salerno, Tradizione Futuro: “Più sicurezza, basta con questo schifo”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Antonio_MolaTorna d’attualità la questione sicurezza nell’area di piazza Vittorio Veneto, nei pressi della stazione ferrovia. L’accoltellamento del parcheggiatore abusivo è l’ennesimo episodio che, secondo l’associazione Tradizione Futuro, conferma «la necessità di intervenire duramente in una zona ormai ostaggio di delinquenti».

«Lo stiamo denunciando da tempo, abbiamo da tempo raccolto le preoccupazioni di cittadini, residenti e commercianti, torniamo a ripeterlo: basta con questo schifo!» usa toni perentori Antonio Mola, responsabile dell’associazione, che aggiunge «l’accoltellamento della scorsa sera conferma tutte le nostre denunce e rilancia i nostri appelli caduti nel vuoto – ricorda Mola – Abbiamo chiesto di mobilitare in maniera costante la polizia urbana affinché, in raccordo con le altre forze dell’ordine ed attraverso lo strumento di una nuova e più efficace ordinanza sindacale ad hoc, “liberasse” il centro cittadino dal degrado e dall’insicurezza, ma non abbiamo ricevuto risposte.».
«Per questo, anticipiamo, che la sera del prossimo 10 luglio organizzeremo una ronda civica notturna: non per provocare, se non le istituzioni ad una maggiore attenzione ai problemi di sicurezza del centro cittadino, ma per denunciare e segnalare ogni situazione di disagio e insicurezza».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Piazza Vittorio Veneto: altra zona della città che l’amministrazione ha ceduto alla delinquenza dell’est Europa, così come ha ceduto il lungomare ai venditori extracomunitari. E questi si comportano da padroni inflessibili. Poi, se si presenta qualcuno che è più delinquente di loro e non cede al ricatto a cui i cittadini sono soggetti, ci deve scappare il morto? AMMINISTRAZIONE COMUNALE LATITANTE!!!!!

  2. Ma lo volete capire che l’ordine e la sicurezza pubblica spetta al QUESTORE ed al PREFETTO è cosi difficile comprenderlo ????

  3. In piazza ci sono costantemente una 20 di rumeni che non fanno niente dalla mattina alla sera, alcuni fanno i parcheggiatori abusivi altri si ubriacano e rimangono sporco davanti alla chiesa del sacro Gesù bottiglie vuote e cartacce la fanno da padrona. eppure la piazza dovrebbe essere il benvenuto agli stranieri che decidono di scegliere Salerno come loro meta invece gli accogliamo in mezzo alla sporchizzia .Per non parlare della traversa al lato della chiesa via Barella diventata una latrina a cielo aperto, si vede solo degrado degrado degrato, di recente si vede qualche pattuglia della polizia ferma a controllare ma guarda un po appena si assentano comincia questa guerra al parcheggio abusivo che comporta come ieri discussioni alterazioni e accoltellamenti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.