Scandalo calcio, Pulvirenti: “Ho pagato 100 mila euro a gara per salvare il Catania”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa

Pulvirenti_CataniaAntonino Pulvirenti ha ammesso “nel corso di un lungo interrogatorio di avere comprato le cinque partite al centro dell’inchiesta a partire da Varese-Catania”. Lo ha affermato il procuratore di Catania Giovanni Salvi: il presidente del club etneo ha lasciato il tribunale poco prima delle 13 senza rilasciare dichiarazioni. Salvi ha aggiunto che Pulvirenti ha ammesso “di aver comprato le partite a 100 mila euro l’una e di averlo fatto per salvare il Catania”.  Il procuratore ha poi precisato che il presidente del Catania “ha negato di avere fatto scommesse”.  In una nota pubblicata sul sito del Catania calcio, i legali di Pulvirenti spiegano che il loro assistito ha “ammesso di mavere avuto contatti” per “condizionare il risultato di alcuni incontri per salvare dalla retrocessione il Catania”, ma ritiene che i “contatti non abbiano avuto alcuna reale incidenza sull’esito degli incontri”.

Oggi a Catania erano in programma gli interrogatori garanzia. Prima di Pulvirenti erano stati ascoltati altri indagati eccellenti arrestati nell’ambito dell’inchiesta “I treni del calcio” condotta dalla locale procura su presunte partite comprate dal club siciliano nell’ultimo campionato cadetto per evitare di retrocedere in Serie C. Interrogati dal gip Fabio Di Giacomo, alla presenza del pm Andrea Sorrentino, il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, accompagnato dal suo legale, l’avvocato Giovanni Grasso, e l’amministratore delegato Pablo Cosentino. “Non so nulla di combine, sono estraneo a tutti i fatti che mi contestate, se lo avessi fatto sarei stato un folle e se lo ha fatto Pulvirenti è un folle lui”, ha detto Cosentino nell’interrogatorio al gip.

“Non conosco nessuno degli altri indagati – ha aggiunto – tranne Delli Carri col quale avevo rapporti di lavoro”. “Il giudice gli ha chiesto che opinione si è fatto e lui ha risposto che se è vero quello che c’è scritto è una follia”, ha detto Carmelo Peluso, legale di Cosentino. “Cosentino dice – ha riferito Peluso – che quello che è accaduto sarebbe stato incompatibile con il suo ruolo nel Catania calcio, il suo ruolo è stato quello di costruire una squadra che doveva essere all’altezza di vincere il campionato. Andare a corrompere per vincere le partite sarebbe stato come ammettere il suo fallimento. Cosentino ha un contratto con il Catania che scade domani mattina, si è già dimesso da ad del Catania e non ha più rapporti con la società e ha detto al giudice che il suo futuro, certamente, non sarà più a Catania”.

FORZE DELL’ORDINE PRESIDIANO TRIBUNALE DI CATANIA – Pulvirenti e Cosentino, insieme ad altri cinque indagati, sono agli arresti domiciliari per truffa e frode sportiva. Un ingente presidio delle forze dell’ordine, con polizia di Stato, Digos, reparto celere e carabinieri è disposto attorno al Tribunale di Catania dove si terranno gli interrogatori di garanzia. Il dispiegamento delle forze dell’ordine è stato attuato in via preventiva nel timore della presenza dei tifosi rossoazzurri e di loro possibili violente contestazioni nei confronti degli indagati. Ma, al momento, nessun ultrà è presente a Piazza Verga. Sabato scorso circa tremila tifosi del calcio Catania hanno sfilato nel centro della città scandendo slogan contro l’attuale proprietà e dirigenza.

Fonte LaRepubblica.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Si parla di LOTITO e della SALERNITANA accusando senza uno straccio di prova e poi esce Pulvirenti ammettendo porcherie su porcherie.VERGOGNA INFINITA SPECCHIO FEDELE DELLA SOCIETA’ IN CUI PURTROPPO VIVIAMO.
    ITALIA MIA CHE FINE HAI FATTO!!!!
    FORZA MAGICA SALERNITANA.
    verona-mandorlini SALERNO NON DIMENTICA.

  2. si parla eventualmente di lotito, che sta sempre in mezzo a tutto….ma assolutamente non della salernitana che piano piano o forse velocemente sara’ solo di MEZZAROMA….

  3. Vedi vedi….Catania,Messina,Reggio Calabria,Lecce….città feudi dello Psico-Nano degli anni 90-2000….poi glielo dici che in cambio della serie A gli hanno dato il voto e dicono che non è vero….ahhhh questo Sud, sempre a piegarsi per il Monarca per il Re……vamos vamos Arghientina…….c’è pure Pablo Cosentino è argentino e il cognome è molto famoso nell’Area Campania Nord, saranno lontani parenti ma le tradizioni non si trasdiscono HAPPY #Vamosaganar #Messi #Plata #Elpipita

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.