Note al museo: al MOA di Eboli Filippo Gatti in concerto e le semifinali di prove di rock

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
locandina_concorso_MOAAd Eboli torna la rassegna che riempie di musica le sale del Complesso Monumentale di Sant’Antonio: il MOA – Museum of Operation Avalanche ospita la seconda edizione di “Note al museo”, l’appuntamento estivo con la musica d’autore. Grande novità quest’anno: la rassegna musicale ingloba il contest per band emergenti “Prove di Rock”: grandi musicisti e giovani talenti si esibiranno sullo stesso palco, nella splendida cornice del Chiostro della Trinità. Si parte alle 20.30 con la prima delle semifinali di Prove di Rock (la seconda si terrà il 10 luglio, mentre la finale è prevista per il 29 luglio). A contendersi la possibilità di aggiudicarsi la produzione discografica completa di un EP saranno i The robins, Hyena ridens, Narvalo e Nubi di Osaka.

Sarà inoltre assegnato il Premio JOB “Gianfranco Naponiello” al miglior batterista della manifestazione da “Job Agency” in memoria dell’indimenticato batterista ebolitano. Prove di Rock nasce con l’intento di dare spazio e visibilità a tutti quei musicisti che navigano nell’underground della scena musicale locale, regionale e nazionale e che spesso non hanno la possibilità di registrare, produrre e promuovere la propria musica. Nell’ultimo decennio il concorso ha visto la partecipazione di moltissimi gruppi musicali che hanno avuto la possibilità di presentare i propri lavori e, nel caso dei vincitori, di registrarli in studio. Prove di Rock è promosso ed organizzato dall’associazione “Rocco Scotellaro – Ribellarsi si può”.

Si proseguirà poi con la rassegna “Note al Museo”: i primi ospiti della serata saranno i Sixtynine band, a seguire, alle 22.45, la guest Filippo Gatti, che si esibirà insieme a Fofò Bruno. Nel corso degli anni Filippo Gatti ha collaborato in qualità di autore, arrangiatore, musicista e produttore artistico con artisti quali 24 Grana, Andrea Rivera, Banco del Mutuo Soccorso, Bobo Rondelli, Bruno Lauzi, Collettivo Angelo Mai, Giulia Anania, Marina Rei, Raf, Riccardo Sinigallia, Vittorio Nocenzi e la poetessa Elisa Biagini.

“E’ importantissimo oggi nel 2015 coniugare arte, cultura, musica con il passato e con la storia. Il MOA è il luogo dove questo può avvenire. E’ un modo di far conoscere alle band di Prove di Rock e ai musicisti italiani la loro storia, il loro passato” commenta il direttore artistico del MOA, Luigi Nobile. Note al museo è organizzata da MO’ Art, Associazione Musicalmente, Monochrome records, O’ disc, con il supporto di Sophis. La serata sarà condotta da Arianna Grilli. L’ingresso è gratuito: anche quest’anno il MOA diventa fulcro delle attività artistiche e culturali di Eboli, elemento trainante dello sviluppo di una terra dai mille talenti che ha moltissime storie ancora da raccontare e musica da far vibrare.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.