I fatti del giorno: giovedì 9 luglio 2015

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Rassegna_fattiTSIPRAS, RIFORME SU PENSIONI E FISCO, MA TAGLIATE DEBITO
OGGI IL PIANO. A LUSSEMBURGO SI PARLA DI ACCOGLIENZA PROFUGHI

Incalzato dal Fondo Monetario che sollecita una risposta urgente
e il rispetto delle regole, Alexi Tsipras si appresta a
presentare oggi i dettagli del suo piano, dopo essersi detto
disponibile a intervenire su pensioni e fisco. In cambio chiede
un taglio al debito greco e aiuti per tre anni. Domani il
giudizio dell’ex Troika. Intanto a Lussemburgo l’Ue cercherà
un’intesa sulla ripartizione dei profughi in una riunione
informale dei ministri dell’Interno. Dalla Merkel, oggi a
Sarajevo, critiche alla decisione ungherese di erigere un muro
anti-migranti.
—.

COMPRAVENDITA SENATORI: BERLUSCONI CONDANNATO A TRE ANNI
PRODI, LESA DEMOCRAZIA; EX CAV, E’ STATO PROCESSO POLITICO

Silvio Berlusconi è stato condannato dal Tribunale di Napoli a
tre anni di reclusione per corruzione nel processo per la
compravendita dei senatori che avrebbe condotto alla caduta del
governo Prodi. Alla stessa pena è stato condannato anche Valter
Lavitola. “Una sentenza politica” commenta l’ex Cavaliere. Il
processo sarà comunque prescritto il 6 novembre, ma la difesa
punta comunque ad una assoluzione in appello.
—.

GIUNTA IMMUNITA’, SI’ AD ARRESTO. AZZOLLINI LASCIA
A FAVORE ANCHE LN. NCD E FI CONTRO. ORA VOTO AULA

La Giunta per le immunità del Senato ha accolto la richiesta dei
magistrati di Trani di mettere agli arresti domiciliari il
senatore di Ncd, Antonio Azzollini, coinvolto nel crac della
casa di cura Divina Provvidenza. Sette i voti contrari, 13 i
favorevoli, tra i quali anche quelli dei senatori della Lega
Nord. La decisione della Giunta dovrà ora passare al vaglio
dell’Aula.
—.

NOTTATA IN COMMISSIONE PER RIFORMA PA,OGGI VARO DDL SCUOLA
112 NUMERO UNICO EMERGENZE,ESUBERI PROVINCE VERSO REGIONI

La riforma della scuola sembra arrivata al traguardo nonostante
le proteste, e ora, spostata a settembre quella del Senato, si
stringe sul riassetto della Pubblica amministrazione. La
commissione Affari costituzionali della Camera ha proseguito i
lavori per tutta la notte con l’obiettivo di concludere oggi
l’esame degli articoli. Sì al 112 numero unico per le emergenze
e all’eventuale scioglimento della Forestale. Intanto il
ministro Madia conferma: gli esuberi delle Province andranno
alle Regioni, anche in quelle che non hanno deliberato in
merito. Oggi la Conferenza delle Regioni è al Quirinale.
—.

ISIS: LIBIA, ASSASSINATO CAPO INTELLIGENCE A MISURATA
IRAN, ANCORA OSTACOLI SUL NUCLEARE,OBAMA PARLA A NEGOZIATORI

Un’autobomba è esplosa ieri sera davanti alla moschea al Ayeb a
Misurata, in Libia, uccidendo il capo dei servizi segreti
militari del governo di Tripoli, el Taher Baloush. L’Isis ha
rivendicato l’attentato. Intanto, a Vienna, dove oggi scade il
termine fissato per un accordo sul nucleare iraniano, le
posizioni appaiono ancora lontane. Obama ha sollecitato i
negoziatori americani ad un accordo che rispecchi i requisiti
messi sul tavolo da Washington.
—.

NYSE IN TILT, SPETTRO CYBERATTACCO. MA È GUASTO TECNICO
PERSISTE TURBOLENZA SU MERCATI ASIATICI,IN CALO IN APERTURA

Wall Street ha chiuso con un ribasso dell’1,46% del Dow Jones al
termine di una seduta caratterizzata da un guasto tecnico di
tre ore e mezzo che ha fatto pensare ad un attacco informatico.
Sembra invece che sia stato solo un problema tecnico legato ad
un aggiornamento del software a causare lo stop degli scambi.
Nessun legame neanche con il guasto occorso al sistema della
United che ha fatto restare a terra 3.500 voli della compagnia
americana. Sempre ieri, un guasto ha interessato anche il sito
del Wall Street Journal. Persiste intanto la turbolenza sui
mercati asiatici. Aperture in ribasso.
—.

TROMBA D’ARIA NEL VENEZIANO,UN MORTO E UNA TRENTINA DI FERITI
CALDO IN ATTENUAZIONE SULLA PENISOLA, POSSIBILI TEMPORALI

Un anziano è morto e una trentina di persone sono rimaste ferite
a causa di una tromba d’aria che ha devastato un’ampia area
della provincia di Venezia, tra i Comuni di Dolo e Mira. Alcuni
abitanti della zona hanno dovuto lasciare le loro case,
gravemente danneggiate. Per domani si prevede l’arrivo sulla
penisola di una nuova perturbazione destinata ad attenuare
l’ondata di calore in atto da giorni ma anche a portare con sè,
in alcuni casi, violenti temporali. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.