Calcio&Business: Campionato di Serie B, “quale break even point”!

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
sanges_1Le società di serie B, al termine della propria stagione sportiva, determinano, una perdita d’esercizio pari a 3,36 mln di euro. Il risultato netto aggregato dei club di serie B, quantifica una perdita d’esercizio totale pari a a 74 mln di euro (valore esercizio precedente 61 mln di euro). Fonte Report Calcio 2015. Sulla base dei dati aziendali di Report Calcio 2015, le “governace delle societa’ di calcio di serie B”,  al fine di evitare ai soci dei club di riferimento,  ricapitalizzazioni per recuperare le perdite di esercizio, devono attivare progetti di bilancio in sintonia con la normativa del “fair play finanziario”. In tale ottica, progetti di marketing, merchandising ed azionariato popolare possono essere le strategie aziendali vincenti per mettere in “fuori gioco” il calcio austerity della serie B.

La “situazione economica” delle società della serie cadetta evidenzia come il “costo del lavoro” risulta essere aumentato del 6,2% (da 8,1 mln di euro a 8,6 mln di euro medi per club),  in considerazione dell’aumento dei ricavi, “l’incidenza del costo del del lavoro” è diminuito dall’85% all’80%. Sul fronte ricavi diminuiscono i “ricavi della gestione caratteristica” ( ricavi da stadio e ricavi da sponsor- 33%, ricavi da diritti tv – 41%) , mentre sono  aumentati: del 29% i “ricavi da plusvalenze” derivanti dalla cessione dei calciatori , e del 23% i “ricavi da contributo in conto esercizio”. La situazione finanziaria rileva invece che l’indebitamento totale medio per club è aumentato in un anno del 40% (da 17,5 mln di euro a 24,5 mln di euro).

A seguito di una crisi di liquidità risultano essere aumentati in un anno : del 165% i debiti commerciali (da 2,6 mln di euro a 7 mln di euro), del 14% i debiti finanziari (da 4,9 mln di euro a 5,6 mln di euro), del 15% i debiti tributari (da 3,9 mln di euro a 4,5 mln di euro). Il “patrimonio netto” medio per club ritorna essere pari al valore di due anni precedenti pari ad euro 3,1 milioni di euro, “l’indice di liquidita’” diminuisce dal 20% al 12% , “ l’indice di indebitamento” diminuisce da 10,8 mln di euro a 8,6 mln di euro. Secondo un’inchiesta della Gazzetta dello Sport , nell’ultimo periodo le società di calcio di massima serie sono state “ricapitalizzate” per un valore totale di 2.500 miliardi di euro.

L’ideale classifica della “ricapitalizzazione” risulta essere la seguente: Inter (1.160 mln di euro), Milan (593), Juventus (225), Sampdoria (181), Fiorentina (165), Genoa (64), Palermo (59), Udinese (20), Napoli 16) In tempo di crisi economica“moduli e schemi aziendali”, devono confrontarsi anche con il “monitoraggio” dei “ricavi da botteghino”che in tema di recessione,  possono determinare valori inferiori a quelli delle passate stagioni, e “ricavi da sponsorizzazione” che stanno diminuendo a causa della crisi delle aziende sponsor. La gestione delle società di calcio, al pari di ogni altra azienda , deve essere finalizzata a determinare il giusto “equilibrio economico finanziario”, calcolando un corretto “break even point” (BEP), tra i costi e ricavi aziendali.

Tale “equilibrio” economico, prevede che il valore dei costi non deve superare il valore dei ricavi. In tema di azienda calcio, invece tale equilibrio viene sempre “ribaltato”, in quanto il valore di bilancio relativamente alla voce di costo di salari e stipendi calciatori ed allenatori, risulta essere sempre pari all’80-85% del valore dei  ricavi aziendali. Break evet point e azionariato popolare , per vincere la sfida al calcio austerity !!!

Antonio Sanges  – Dottore Commercialista

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Per una corretta informazione …la definizione giusta è Break Even Point (non Event) 😉

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.