Giffoni, Mark Ruffalo: «Ho sempre sognato di essere Hulk, Brando e Mastroianni»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
giffoni_ruffolo_hulckHulk abbraccia Giffoni. Entusiasta, accompagnato dalla moglie Sunrise Coigney, Mark Ruffalo, il 47enne attore di “The Avengers”, la serie di film Marvel in cui interpreta Hulk, dichiara subito chi sono i suoi eroi: “Da bambino sognavo di essere Hulk – esordisce- E poi Marlon Brando e Jerry  Lewis.

Quando ero ragazzino mia nonna ci mandava a letto presto ma poi veniva da me e mi diceva se volevo andare a vedermi un film in televisione con lei. Una notte mi vidi ‘Un tram che si chiama Desiderio’ e appena comparve Brando esclamai ‘Io voglio essere come lui, voglio fare quel film!'”.

Ad ispirarlo anche gli italiani Marcello Mastroianni, Federico Fellini, Lina Wertmuller, Paolo Sorrentino con La Grande bellezza e Il Postino di Michael Radford con protagonista Massimo Troisi.

La parte di Hulk gli ha cambiato la vita: “Mi sono anche meravigliato quando mi hanno offerto la parte di Hulk. Non so se faremo altri film su di lui, dipenderà tutto dal pubblico”. Recentemente ha recitato in ‘The Normal Heart’, film ispirato alla storia vera di Larry Kramer, scrittore omosessuale. “La sentenza della Corte Suprema che ha dato il via libera in Usa ai matrimoni gay è stata molto importante – commenta – sono stato felice anche se ci siamo arrivati tardi”. Tra i progetti futuri, Spotlight, definito “un film importante, che spero abbia il successo che meriti”.

La chiusura è su Giffoni e, ancora, sull’Italia: “L’amore innocente che questi ragazzi hanno per il cinema è fantastico. Non mi aspettavo questa accoglienza ma non sono sorpreso perché conosco il calore delle mie tradizioni. E’ vero quello che diceva Francois Truffaut, questo è il festival più necessario”. A proposito del tema del Gff 2015, “per me carpe diem è stato lanciarmi nel vuoto senza rete per diventare attore, anche quando trovavo chi non credeva in me, chi rifiutava di darmi le parti e chi diceva che non avevo chance perché sembravo troppo italiano ma non ero italiano e non parlavo neanche italiano”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.