Mafia: operazione Dia in Campania, Lazio e Sicilia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
sequestro_dia_salernoOltre 200 uomini della Direzione Investigativa Antimafia, supportati dalle forze di polizia territoriali, sono impegnati, sin dalle prime ore del mattino, nell’esecuzione di ordini di custodia cautelare in Campania, Lazio e Sicilia nei confronti di numerosi soggetti per i reati di associazione mafiosa, estorsione e altri gravi delitti. Sequestrati beni per un ingente valore.

Le ordinanze di custodia cautelate a Napoli, Salerno, Palermo, Caltanissetta, Catania e Bologna prende spunto dalle precedenti «sud pontino» e «store» gia’ condotte dalla Direzione Investigativa Antimafia, ha consentito di scoprire la gestione monopolistica ad opera dei «clan» Casalesi e Mallardo con quelli appartenenti a «cosa nostra» catanese, negli approvvigionamenti di prodotti ortofrutticoli e nell’imposizione dei servizi di trasporto da e per i maggiori mercati del centro e del sud Italia.

 Sono state eseguite diverse perquisizioni e un decreto di sequestro preventivo riguardante compendi aziendali di 10 societa’ di trasporto, per un valore di circa 100 milioni di euro.
Il Centro Operativo Dia di Roma, coadiuvato dalle articolazioni Dia di Napoli, Salerno, Palermo, Caltanissetta, Catania e Bologna sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Dda, nei confronti di 20 persone, ritenute responsabili dei reati di associazione mafiosa, illecita concorrenza con minaccia o violenza, estorsione ed altro. L’operazione, che prende spunto dalle precedenti ‘Sud Pontino’ e ‘STORE’ già condotte dalla Dia ha svelato – si sottolinea – la gestione monopolistica, operata dai clan Casalesi e Mallardo con quelli appartenenti a Cosa nostra catanese, negli approvvigionamenti di prodotti ortofrutticoli e nell’imposizione dei connessi servizi di trasporto da e per i maggiori mercati del centro e del sud Italia. Si stanno, altresì, eseguendo diverse perquisizioni e un decreto di sequestro preventivo riguardante compendi aziendali di 10 società di trasporto per un valore di circa 100 milioni di euro.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.