Annuncio choc: c’è un altra Terra nell’Universo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
pianeta_terra_heartSi preannuncia come una scoperta clamorosa, quella anticipata oggi dalla Nasa: gli scienziati dell’agenzia spaziale Usa avrebbero scoperto “qualcosa che le persone avrebbero sognato per migliaia di anni, un’altra Terra“.

A ore è attesa una conferenza stampa per illustrare la ricerca. La Nasa ne ha dato notizia sul proprio sito, anticipando una scoperta del telescopio spaziale Keplero. Si ipotizza che l’annuncio potrebbe essere relativo alla scoperta di un nuovo pianeta simile alla Terra.

L’agenzia spaziale comunica: “Il primo pianeta extrasolare in orbita intorno ad un’altra stella come il nostro Sole è stato scoperto nel 1995. Pianeti extrasolari, soprattutto piccoli mondi della stessa dimensione della Terra, appena 21 anni fa appartenevano al regno della fantascienza. Oggi, migliaia di scoperte più tardi, gli astronomi sono sul punto di trovare qualcosa che tutte le persone hanno sognato per migliaia di anni: un’altra Terra”. Fonte Il Giornale.it

LA NUOVA TERRA SI CHIAMA KEPLER 452B
«Abbiamo scoperto il pianeta più vicino gemello o almeno cugino della Terra», ha precisato Grunsfeld. Si tratta di ‘Kepler 452-b’ – questo il nome dato dagli astrofisici – e si trova a 1.400 anni luce da noi, eppure orbita attorno alla sua stella ogni 385 giorni. Quasi come la terra. Ad individuarlo è stato il mitico telescopio ‘Kepler’ lanciato in orbita nel 2009 proprio con lo scopo di individuare stelle lontane, simili al sole, con i loro possibili pianeti.

Nonostante un guasto nel 2013 abbia mandato Kepler in pensione anticipata, le centinaia di miliardi di dati che ha raccolto continuano ad essere analizzati dai laboratori a terra della Nasa con l’aiuto anche del telescopio Hubble: ecco allora che Kepler ha portato all’identificazione non solo di circa 5.000 ‘candidatì pianeti, ma di una dozzina di questi – tra cui ‘452-b’ – con i loro sistemi solari simili alla Terra. ‘Kepler 452-b’ – è stato spiegato durante il briefing della Nasa – è di dimensioni una volta e mezza la terra e riceve dalla sua stella energia doppia della nostra, il che fa presumere la possibile esistenza di piante e quindi del processo di fotosintesi che sostiene la vita.

«Questo pianeta ha sei miliardi di anni ed è la cosa più vicina ad un posto che qualcun altro potrebbe chiamare ‘casà, è il primo pianeta potenzialmente abitabile che abbiamo individuato, ha trascorso sei miliardi di anni nella zona abitabile della sua stella, più della terra», ha detto Jon Jenkins, capo analista del telescopio Kepler. «Possiamo pensare a ‘452-b’ come un cugino più vecchio della terra, che ci dà l’opportunità di osservare come il nostro pianeta potrebbe evolversi». Nel 2017 – ha annunciato Grunsfeld – la Nasa lancerà un nuovo telescopio con l’unico scopo di studiare i pianeti vicini con similitudini alla terra.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.