Campania: De Luca in Consiglio presenta la sua squadra di Governo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
de_luca_regione_campania_2015-(3) ”Ho scelto nella totale autonomia delle funzioni del presidente e sulla base di una valutazione personale delle competenze dei componenti”. Con queste parole Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha presentato la sua Giunta al Consiglio regionale della Campania.Tra gli ordini del giorno della seduta in corso il gradimento del Consiglio alla nuova squadra di governo.

Sono dieci i gruppi che si sono costituiti in Consiglio regionale. La comunicazione all’aula è stata data dal presidente del parlamentino campano, Rosa D’Amelio. Fanno parte del Pd: il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, Mario Casillo, capogruppo, Tommaso Amabile, Vincenza Amato, Rosa D’Amelio, Gianluca Daniele, Stefano Graziano, Antonio Marciano, Nicola Marrazzo, Erasmo Mortaruolo, Gennaro Oliviero, Francesco Picarone, Loredana Raia, Raffaele Topo, Antonella Ciaramella. Capogruppo di Forza Italia è Armando Cesaro. Fanno parte del gruppo: Flora Beneduce, Maria Grazia Di Scala, Monica Paolino, Emanno Russo, Michele Schiano di Visconti, Gianpiero Zinzi. Il Movimento Cinque Stelle conta su Valeria Ciarambino, capogruppo, Vincenzo Viglione, Maria Muscarà, Luigi Cirillo, Tommaso Malerba, Gennaro Saiello, Michele Cammarano, Capogruppo di Campania Libera-Psi-Davvero Verdi è Francesco Emilio Borrelli. Gli altri componenti sono: Luigi Bosco, Tommaso Casillo, Aniello Fiore, Vincenzo Maraia.

Fanno parte del gruppo De Luca presidente in rete: Carmine De Pascale, capogruppo, Luca Cascone, Carlo Iannace, Alfonso Longobardi e Alfonso Piscitelli. Centro democratico-Scelta Civica conta su Giovanni Zannini e Vincenzo Alaia. Due i consiglieri dell’Udc: Maurizio Petracca e Maria Ricchiuti. Per Fdi-An ci sono Alberico Gambino che è capogruppo e Luciano Passariello. Per Caldoro presidente ci sono Carmine Mocerino, capogruppo, Stefano Caldoro e Massimo Grimaldi. Infine, il gruppo misto è costituito da Franco Moxedano (Idv) e Pasquale Sommese (Ncd).
IL CONSIGLIO REGIONALE

Nella seduta consiliare tenutasi  nel pomeriggio di venerdì, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha comunicato, ai sensi dell’art. 46 comma 3 dello Statuto della Regione Campania, la Giunta al Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Rosa D’Amelio: il Vice presidente Fulvio Bonavitacola, con deleghe all’Ambiente e all’Urbanistica; Serena Angioli, assessore ai Fondi europei; Lidia D’Alessio, con delega al Bilancio; Valeria Fascione, assessore alla Internazionalizzazione, Start up – Innovazione, Lucia Fortini, assessore alla Scuola e Politiche Sociali; Amedeo Lepore, assessore alle Attività Produttive; Chiara Marciani, assessore alla Formazione e alle Pari Opportunità, Sonia Palmeri, assessore alle Risorse Umane e al Lavoro.

Si è, dunque, aperto il dibattito sul gradimento previsto dall’art. 48 dello Statuto, con gli interventi del capogruppo di De Luca Presidente in Rete, Luca Cascone, che ha sottolineato “l’alto profilo della Giunta e le sue straordinarie potenzialità volte a dare slancio alla nostra regione e a intraprendere la via dello sviluppo e dell’occupazione”, degli esponenti dell’opposizione di centrodestra Flora Beneduce (FI) che ha sollecitato l’esecutivo regionale  “a dare le risposte che la nostra regione attende sulle grandi problematiche come la sanità e i trasporti, soffermandosi sull’area della costiera sorrentina,  ma anche sull’agricoltura che potrebbe essere volano per lo sviluppo imprenditoriale e occupazionale” e Alberico Gambino, capogruppo di FdI, che si è soffermato su varie problematiche, “dall’ambiente, al lavoro, ai trasporti, con particolare riferimento alle risposte tanto attese dai settori della gestione idrica, sul quale è necessario avviare un’ indagine sulla gestione della Gori, e del dramma dell’ambiente e dei consorzi di bacino, dove si consuma devastazione ambientale e dramma occupazionale”.

“Siamo la Regione che ha gravissime percentuali di povertà, economica e culturale, e di disoccupazione – ha sottolineato il consigliere Antonio Marciano. Questore alle finanze – che ha evidenziato “la necessità di dare impulso all’economia e al lavoro e di essere vicini alla popolazione e ai loro problemi. Basta pensare a quella grande percentuale di cittadini che ha deciso di astenersi dal voto perché non crede nella politica e nelle istituzioni – ha aggiunto l’esponente del Pd – che ha evidenziato “l’importanza di stare tra la gente e a contatto con i problemi di tutti, ad esempio nel settore dei trasporti, non commettere gli errori del passato in cui la politica si è chiusa nei palazzi”. “Non ci piace una Giunta che mortifica i partito, la politica e gli eletti  – ha evidenziato il capogruppo di Caldoro Presidente Carmine Mocerino – , difendere gli eletti non è difendere la casta ma coloro che rappresentano il consenso popolare e che hanno girato e vissuto i territori con i loro problemi. Ci aspettiamo, dunque, ampio spazio alla politica e risposte determinate nei settori fondamentali che toccano la vita dei cittadini campani, come la sanità e i trasporti”.

“E’ sbagliato guardare al passato sottolineando gli errori delle precedenti amministrazioni – ha rimarcato il capogruppo di Campania Libera/Psi/Davvero Verdi Francesco Borrelli –  che ha aggiunto: “con il Presidente De Luca abbiamo siglato un patto politico basato su scelte politiche capaci di guardare al futuro e di ridare speranza alla nostra regione. Si è data una svolta a certi meccanismi che basavano tutto sulla rivendicazione delle “poltrone” e si è data vita ad una proposta politica vera basata su valori e su strategie per il bene comune”.

“Non diamo fiducia e gradimento alla Giunta a priori, valuteremo i fatti – ha detto la capogruppo del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino -;  lavoreremo per informare e coinvolgere i cittadini che voi vorreste tenere lontani da questi palazzi. Non si è iniziato con il piede giusto. Basta pensare a quanto accaduto con la composizione dell’Ufficio di Presidenza, dalla quale il Movimento 5 Stelle è stato escluso, e alla procedura d’urgenza per approvare  una variazione di bilancio prima ancora che la Commissione Bilancio fosse insediata. La Giunta si ispira al principio di “un uomo solo al comando”.

E’ una Giunta debole, composta da fiduciari del Presidente, il quale ha tenuto per sé le deleghe fondamentali. Se non si fida lui della sua Giunta, perché dovremmo fidarci noi?”. Tornando sul tema della variazione di bilancio finalizzata a finanziare il fondo per le disabilità, la Ciarambino ha ricordato che “il tema della disabilità è stato sollevato dal nostro Movimento, ma non consentiremo che, dietro alla bandiera di un tema socialmente importante, si annidino provvedimenti di oscuro contenuto”. La leader regionale del M5S si è soffermata, inoltre, sulla proposta di legge presentata per garantire l’acqua pubblica, per la quale hanno chiesto la procedura di urgenza. Inoltre, il reddito di cittadinanza “fondamentale in una regione in cui c’è il 23% di famiglie povere, per questo presenteremo una proposta di legge sulla quale siamo pronti a confrontarci con tutti”.

L’auspicio di buon lavoro alla Giunta regionale è stato rivolto dal consigliere di Centro democratico/Scelta Civica Giovanni Zannini che ha evidenziato l’alto livello della Giunta e la forte impronta politica impressa dal Presidente De Luca sui settori fondamentali del lavoro, dell’ambiente, dello sviluppo del territorio e si è soffermato sulla sensibilità politica dimostrata sul tema della disabilità attraverso una pronta e concreta variazione di bilancio portata all’attenzione della Commissione Bilancio.

“Costruire un nuovo modo di intendere la politica che punta sui grandi progetti e su una visione politica di ampio di respiro è l’obiettivo fondamentale di questa maggioranza e sarà il principio ispiratore di questa Giunta che è di alto profilo – ha sottolineato il Vice presidente Vicario del Consiglio regionale Tommaso Casillo – ; mi ha molto colpito sentire che, in campagna elettorale, avremmo fatto ricorso o menzogne laddove, invece, il nostro linguaggio e la nostra politica sono stati improntati solo ed esclusivamente alla verità” . L’esponente del Psi ha, dunque, rimarcato che “si sono le basi e i presupposti per dare a questo Consiglio e a questa legislatura una forte impronta riformista capace di dare vita all’attività legislativa e di dare slancio alle competenze regionali orientandole allo sviluppo e alla crescita del territorio”.

Per il consigliere Tommaso Amabile (Pd) “è stato verificato sul campo da tempo che c’è una profonda svolta nella visione politica con cui il Presidente De Luca ha approcciato ai problemi della nostra Campania e credo che, insieme con la sua squadra di governo, saprà ascoltare i territori e dare le risposte più determinate ed efficaci”. Il consigliere democrat si è poi soffermato sulla legge sulla gestione del servizio idrico integrato approvata nella precedente legislatura evidenziando le criticità di questa norma .

“Credo che il gradimento alla Giunta non ha senso perché il esso è stato espresso dai cittadini nei confronti del Presidente De Luca e l’azione dell’esecutivo saprà essere all’altezza di tanta autorevolezza e fiducia – ha detto il consigliere Nicola Marrazzo (Pd) –; c’è un cambio di passo politico e culturale come testimoniato dalla nitidezza del comportamento del vice presidente Bonavitacola che ha prontamente rassegnato le proprie dimissioni da parlamentare per incompatibilità”.

Il consigliere di FdI Luciano Passariello si è soffermato sulla variazione di Bilancio,  oggetto, oggi, dei lavori della competente Commissione, e del Consiglio, in caso di approvazione da parte del competenze organismo consiliare, precisando che “non è vero che l’opposizione di centrodestra si è soffermata sui cavilli, anzi, ha rivendicato più risorse per le disabilità ma anche il rispetto delle regole che, in un’Istituzione, sono fondamentali e funzionali alla democrazia. Non vi permettiamo, dunque, che di sostenere che siamo contro le disabilità, semplicemente abbiamo chiesto il rispetto del Regolamento a tutela di tutti e la possibilità di presentare emendamenti nel rispetto delle prerogative consiliari”.

Sul tema della variazione di bilancio è intervenuto anche il presidente della Commissione bilancio Franco Picarone (Pd) per spiegare che “il provvedimento è stato rinviato alla prossima settimana con l’auspicio che un tema tanto importante possa essere approvato nel rispetto delle regole certamente ma soprattutto per dare risposte ai problemi dei cittadini e  ridurre la distanza dalla politica”.

“Siamo qui a discutere da tre ore su una comunicazione di un minuto – ha evidenziato il consigliere Francesco Moxedano (Idv, misto) – mentre si è bloccato l’iter di un’importante variazione di bilancio a beneficio dei disabili per questioni regolamentari e per opporsi al taglio delle risorse del Consiglio regionale. Un comportamento incompresibile anche da parte del Movimento 5 Stelle che ha proposto il provvedimento sulla disabilità”.

A replicare il consigliere Tommaso Malerba che ha sottolineato: “su questo provvedimento abbiamo chiesto chiarezza sulle fonti di finanziamento e sui destinatari delle risorse, come è giusto che sia quando si gestiscono risorse pubbliche, tenuto conto del ritardo con cui sono giunti gli atti”. Sul tema anche l’assessore D’Alessio che, ribadendo quanto spiegato oggi in Commissione, ha evidenziato le fonti di reperimento delle risorse per la variazione di bilancio da destinare al fondo delle disabilità e ha rimarcato la forte volontà politica della Giunta a tutela delle fasce deboli.

Passando al punto successivo dell’ordine del giorno, il Consiglio ha approvato all’unanimità la convalida degli eletti.

Per quanto riguarda la variazione di bilancio per rifinanziare il fondo delle disabilità, la Presidente D’Amelio ha spiegato che, essendo state sollevate in Commissione pregiudiziali regolamentari, il provvedimento sarà esaminato dalla Commissione la prossima settimana (mercoledì 29 luglio alle ore 15,00 – il termine per gli emendamenti è fissato alle ore 12,00 dello stesso giorno) e seguirà l’iter della procedura d’urgenza richiesta dall’esecutivo. Dopo l’approvazione, all’unanimità, di un ordine del giorno per impegnare la Giunta a porre in essere tutte le iniziative urgenti per risolvere in tempi brevissimi il problema della realizzazione dell’allaccio alla rete idrica comunale dell’impianto attinente la casa circondariale FR Uccella di Santa Maria Capua Vetere, i lavori del Consiglio si sono conclusi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.