Salerno Mobilità, si accende lo scontro tra i sindacati e l’Amministratore Unico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
piazza_concordia_salerno_mobilitaLe dichiarazioni dell’Amministratore Unico di Salerno Mobilità sullo sciopero di sabato 25 Luglio p.v., non sono corrette ne dal punto di visto tecnico ne da quello etico/politico. E’  necessario ribadire ancora una volta che gli atti di indirizzo del Comune sul contenimento delle spese delle partecipate non sono perentori e lasciano importanti margini di autonomia aziendali.

Infatti, basti pensare che in altre Società controllate dallo stesso Comune di Salerno, senza violare alcuna legge in vigore, sono stati  riconosciuti gli aumenti contrattuali lasciando, oltretutto, inalterata la contrattazione di secondo livello. E’, pertanto, del tutto evidente che il fatto di non aver voluto corrispondere gli emolumenti ai lavoratori non è altro che il frutto di una sbagliata scelta aziendale. Del resto, qualora  fosse stata applicata rigidamente la spending review, l’azienda non avrebbe potuto assumere un dirigente o fare promozioni, mortificando così numerosi dipendenti che da anni, pur svolgendo  mansioni superiori, non si vedono riconosciuti il parametro adeguato.

L’Amministratore Unico, con le sue affermazioni, dà prova inoltre di non conoscere approfonditamente il percorso che ha portato al passaggio dalle Cooperative alla Salerno Mobilità,  dove, si informi, non sono mancate rinunce e forti sacrifici da parte dei lavoratori. Rinunce e sacrifici stessi senza i quali, molto probabilmente, non sarebbe nata l’azienda e, conseguentemente, non ci sarebbe stata l’opportunità per essere nominato al vertice della stessa. Un posto, questo si, che parrebbe ben pagato ma difficilmente accessibile ai tanti giovani laureati disoccupati della nostra terra. Chi pensa di poter  trattare il personale della Salerno Mobilità come figli di un Dio minore  commette, a nostro giudizio, un grave errore. Ad ogni modo, anche alla luce della recente pronuncia della Consulta che ha dichiarato illegittimo il blocco degli stipendi, continuiamo ad auspicare in un ripensamento da parte dell’azienda atto a  ricomporre la vertenza

FILT CGIL              FIT CISL             UILT                    CISALTERZIARIO

D’Alessio            S. Galdi             G. Scarano                     G. Giudice

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Più che un azienda,. una carovana di voti pro De Luca…e il PD fannullone reso realtà… e vogliono pure l’aumento…

  2. U figlio e peggio do padre. U sinnaco ca ce sta nun cummanna manc a casa soja. Operaio, cittadino, che te cririvi, cachera?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.