Ombrelloni e sdraio abusive su spiaggia Calanca di Camerota, l’Adiconsum Cisl denuncia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
spiaggia_calanca_camerotaOmbrelloni e sdraio abusive sulla spiaggia Calanca di Camerota, l’amministrazione comunale corre ai ripari dopo le denunce dell’Adiconsum Cisl. Ma dall’associazione dei consumatori promettono ancora battaglia.

Sul caso, infatti, il coordinatore Antonio Galatro ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania.

“Considerata anche l’incursione sulla spiaggia di agenti della polizia locale e dei militari della Capitaneria di porto che hanno provveduto sulla spiaggia libera a sequestrare ombrelloni e sdraio e valutata la nuova documentazione fotografica che si riferisce al “subito dopo sequestro” è spontaneo chiedersi come mai non sono stati sequestrati gli ombrelloni e le sdraio appartenenti agli stabilimenti balneari che non rispettano il limite dei 5 metri di bagnasciuga”, ha detto Galatro.

“Come mai non sono stati sequestrati i pedalò (circa nove) “parcheggiati” sul bagnasciuga? Come mai non sono stati sequestrati ombrelloni e sdraio sull’area del cosiddetto “Vallone”? Come mai è stata controllata, con relativo sequestro di materiali, solo la spiaggia libera e non sono stati operati i sequestri anche per gli stabilimenti balneari?”.

Dalle foto scattate dopo il blitz, avvenuto il 24 luglio scorso, quindi, secondo l’Adiconsum Cisl,  gli stabilimenti balneari continuerebbero a non rispettare alcun limite e la parte del “Vallone” continuerebbe a essere ingombrata da ombrelloni e sdraio.

“Nonostante le precedenti segnalazioni e denunce, sembra non sia stato fatto nulla”, ha continuato Galatro. “Pare che sia stata elevata solo qualche multa ai proprietari degli stabilimenti senza che, però, sia stato “sistemato lo stato dei luoghi” così come previsto dalle norme. Per questo l’Adiconsum di Salerno, chiede ai magistrati del Tribunale di Vallo della Lucania di accertare la veridicità dei fatti denunciati e, nel caso, punisca i responsabili delle violazioni segnalate. Va anche fatto rispettare il limite dei 5 metri di bagnasciuga, affinché risulti libero da pedalò e da quant’altro impedisca il passaggio o l’accesso sulla battigia”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. sono stato in vacanze nei primi 15 di luglio, a Marina di Camerota, nel lido ***** che ha la gestione di tutta la spiaggia della Calanca, senza concorrenza, con prezzi esorbitanti rispetto all’anno scorso, e un ombrellone vicino all’altro, senza discesa a mare, *****

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.