Crisi ortofrutta, Coldiretti Campania: “Basta speculazioni su consumatori e produttori”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Coldiretti_Ortofrutta_Salerno“C’è chi specula sulla qualità del cibo e sul lavoro degli agricoltori. I consumatori pagano 5 volte più di quanto viene corrisposto ai produttori”. Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania, lancia da Expo Milano l’allarme sulla crisi dell’ortofrutta, che colpisce tutta l’Italia e la Campania in particolare, già costretta a subire danni ingiusti.Dal campo alla tavola i prezzi della frutta moltiplicano fino al 500 per cento, come le pesche pagate al produttore 0,30 euro e rivendute nei supermercati a 1,80 euro.

“Abbiamo voluto rappresentare con forza – spiega Masiello – il ricatto a cui sono sottoposti i nostri agricoltori. La concorrenza sleale e la mancanza di trasparenza schiaccia i prezzi nei campi, costringendo a vendere perfino soťto i costi di produzione. Al contempo sulla tavola i consumatori portano frutta estera di bassa qualità e sapendo poco o nulla dell’origine. Come ad esempio che viene raccolta acerba e fatta maturare durante il trasporto. Un danno doppio, che deprezza la qualità e le proprietà organolettiche del cibo oltre al valore del territorio. C’è lo spazio per offrire prodotti italiani a prezzi più bassi di quelli attuali. Bisogna accorciare la filiera e dare al consumatore la massima trasparenza per una scelta consapevole e senza inganni”.

L’appello del presidente Masiello chiude la due giorni tra Napoli, Salerno e Milano, con la Coldiretti Campania impegnata a far sentire la sua voce. Prima con la donazione di pesche alla mensa della Caritas napoletana. Poi con la distribuzione di frutta ai turisti al molo salernitano. E in contemporanea con la partecipazione alla giornata nazionale dell’orto frutta, con centinaia di agricoltori da tutta Italia presso il padiglione Coldiretti ad Expo. Il presidente Masiello e il direttore Ciampoli hanno rappresentato al ministro Martina, presente all’evento, le difficoltà del territorio campano.In questo contesto una vera rivoluzione è in atto grazie al progetto “Scendipianta” di Fai, “Firmato dagli agricoltori italiani”, che accorcia la filiera riducendo gli attuali 4-5 passaggi dal produttore alla vendita.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.