Salerno: 25enne colta da malore si salva grazie alla buona sanità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
croce_bianca_SalernoLa Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria vuole raccontarvi la storia di A. M., giovane sportiva di 25 anni, che è la testimonianza che esiste anche una sanità che funziona.

La donna si trovava all’interno di un bar di Baronissi, dove aveva iniziato a lavorare. La invitano a partecipare al karaoke. Sulle prime note, il suo cuore smette di funzionare in maniera efficiente e si accascia al suolo. La soccorre la madre, ivi presente, che mette in atto manovre rianimatorie rudimentali ma efficaci.

Nel frattempo, viene allertato il 118. L’ambulanza arriva sul posto. Il monitor registra una fibrillazione ventricolare. Il medico rianimatore procede all’intubazione oro-tracheale e allo shock elettrico. Il cuore riprende a battere sia pure in maniera inefficiente, dopo quasi 30 minuti di disperate manovre rianimatorie.

La paziente viene trasportata  presso la Rianimazione dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio, Ruggi D’Aragona di Salerno, diretta dal dott Aldo Cirillo. Le sue condizioni cliniche sono disperate. La giovane donna è in grave shock cariogeno ed insufficienza respiratoria che non sembra rispondere neanche alla ventilazione meccanica. Il Rianimatore, dott Nicola Tino, avanza l’ipotesi di una assistenza cardiopolmonare, detta ECMO.

Pertanto, A. M. viene trasferita presso la Struttura Complessa di Cardiochirurgia, diretta dal Responsabile FF dott Severino Iesu. I medici cardiochirurghi e rianimatori, tra cui Antonello Panza, Mario Colombino, Emanuele Fiore e Massimo Simeone, le impiantano un sistema di assistenza cardiaca meccanica, in aggiunta ad una adeguata terapia farmacologica. La paziente, progressivamente, migliora. Riprendono lo stato di coscienza e il respiro autonomo.

A distanza di 36 ore dall’evento, A. M. viene estubata e svezzata dall’assistenza meccanica.

Il miracolo è stato reso possibile da una catena sanitaria efficiente nella tempistica e nelle modalità assistenziali.

Una giovane donna ritorna alla vita, una sanità efficiente: una storia da raccontare.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. ….ma io non capisco dov’è l’eccezionalità???? Nel fatto che una volta tanto il paziente non è morto??? Onore a chi svolge il proprio lavoro… Ma dovrebbe essere la normalità non l’eccezionalità… Le strutture sono fatte (con i nostri soldi) proprio x evitare ciò, non strumentalizzate tutto… Siete solo delle iene che giocano con le disgrazie degli altri…

    Un grande in bocca al lupo x la ragazza….

  2. Questi tagli sono sacrosanti perché lo volete capire che non ha senso continuare ad avere carrozzoni che non hanno nulla di eccellenza solo a mangiare soldi. E poi la sanità soprattutto nella nostra regione è una zavorra che trascina verso il basso. E’ inutile avere diecimila ospedali che insieme non ne fanno uno di livello alto

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.