Sud:Svimez;De Luca,serve rapporto per situazione drammatica?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
de_luca_regione_campania_2015-(4)‘Il rapporto Svimez non fa che fotografare una realtà che conosciamo in profondità. C’era bisogno di questo rapporto per sapere che la situazione del Sud è drammatica?”.

Lo scrive sulla sua pagina Facebook il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca dopo averne parlato anche a LIRATV nel corso del consueto appuntamento del venerdì. ”Adesso comincerà la solita liturgia – dice – quindi per due o tre giorni sentiremo qualche lamentela e qualche voce preoccupata nel dibattito pubblico, e poi, come sempre, il Sud cadrà nel dimenticatoio”.

”Nel corso degli anni, il Sud è scomparso dell’agenda politica del nostro Paese per molteplici motivi – sottolinea – tra cui le emergenze che hanno tolto alle nostre terre credibilità e prestigio, a partire dai rifiuti fino alla gestione scellerata dei fondi europei, totalmente buttati a mare”.

”Il Sud rischia un declino storico – conclude – e per evitarlo dobbiamo partire dalla consapevolezza del problema e dall’introduzione di alcuni elementi di svolta radicale: dall’uso dei fondi europei alle riforme necessarie (al Sud i problemi generali pesano due volte), per poi proporre una classe dirigente che abbia dignità e capacità di proporsi come nuovo ceto politico, e aprire una battaglia con il governo nazionale per strappare investimenti nelle aziende pubbliche del Mezzogiorno”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Che il sud è in stato comatoso perenne è, sicuramente, colpa dei politici ed amministratori meridionali degli ultimi 20 anni: De Luca compreso ed è stato anche premiato. Poveri noi meridionali…

  2. Il rapporto Svimez ha confermato quello che si sapeva da sempre, è una tristezza apprendere che non è cambiato nulla che anzi è peggiorato, siamo al di sotto della Grecia.
    La colpa è dei politici che hanno sempre speculato sul Sud, la Cassa per il Mezzogiorno fu lo strumento per i politici di fare scempio dei fondi stanziati per il sud per i propri interessi, il terremoto del 1980 per fare arricchire i tanti politici e speculatori dell’epoca, oggi si è saputo attraverso le intercettazioni telefoniche dell’imprenditore che rideva al pensiero dell’arricchimento dopo il terremoto dell’Aquila, chissá quanti hanno riso al terremoto dell’Irpinia?
    Cosa è cambiato da allora? Nulla, anzi è peggiorato.
    la questione meridionale c’é sempre stata, dai tempi della venuta dei Savoia, Tommaso di Lampedusa nel Gattopardo scrisse, vanno via i Gattopardi, sono venute le iene.
    Quante iene si sono succedute da allora!
    De Luca parla di nuova classe dirigente che abbia la capacita e la dignitá di formare la nuova classe politica, chi sarebbe la nuova classe dirigente lui, i figli e la sua corte?

  3. certo che non ci voleva il rapporto Svimez per rendersi conto della situazione devastante.I rappresentanti politici locali insieme con i compari centrali nulla hanno fatto dinanzi alle continue chiusure e fallimenti e bancarotte fraudelente di attività industriali e commerciali.Se a questo aggiungiamo il letargo dei cittadini che continuano a suffragare questi malfattori,il risultato non può che peggiorare.

  4. Per RITA SUPPOSTE UNIPLUS MAALOX E UN RITIRO SPIRITUALE PRESSO I FRATI TRAPPISTI “FRATELLO ROCORDATI CHE DEVI MORIRE” AHAHAHAHAH

  5. X gianni56, all’imbecillita e all’ignoranza non c’è mai fine.
    Argomenta se sei capace, altrimenti taci che fai più bella figura!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.