Fisciano: interrogazione di Cirielli sull’area contaminata da amianto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Edmondo_Cirielli_Parlamento“Ho presentato un’interrogazione parlamentare ai ministri Galletti e Lorenzin sull’area contaminata da amianto nel territorio di Fisciano, per sapere quali sono le iniziative assunte o che saranno assunte a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato salernitano di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale. La maxi inchiesta della procura di Nocera Inferiore – spiega – sarebbe partita da un sequestro del gennaio 2014, a ridosso di un fondo di proprietà di un noto imprenditore, e tra i rifiuti smaltiti molti sono stati classificati pericolosi: si tratterebbe di manufatti in cemento, contenenti una matrice di amianto, tutti dispersi sul fondo; le indagini hanno evidenziato che tali materiali provengono da un’azienda di Avellino presso cui le fibre di amianto venivano isolate dalle carrozze ferroviarie per poi essere incapsulate in cubi di cemento e molti di questi blocchi sarebbero stati depositati anche su un terreno di Fisciano, appartenente a privati”.

“Nel 2006 la stessa azienda – aggiunge – dichiarò il fallimento e, nell’ambito di una ricognizione per inquinamento ambientale sull’intera area, il tribunale conferì incarico a due noti professionisti per bonificare quel terreno; dalle relazioni peritali, emerse che quei cubi di cemento-amianto potevano restare lì, ma con l’integrazione di una segnaletica di pericolo che ne indicasse la presenza, motivo per cui l’iter di bonifica venne interrotto; successivamente, però, una nuova consulenza della procura, con il supporto dell’Asl Sa2, avrebbe disegnato un quadro del tutto differente, decisamente più drammatico, posto che quei rifiuti erano un «grave ed imminente pericolo» e la stessa procedura indicata dai periti risultò «inadeguata»”.

“L’indagine – sottolinea Cirielli – mira adesso a stabilire l’esistenza di un eventuale disastro ambientale, con diversi profili attenzionati: dai proprietari dell’area ai periti del tribunale, colpevoli di aver redatto una falsa perizia; di recente, a Mercato San Severino, un’ordinanza ha imposto il censimento dei materiali contenenti amianto, nella consapevolezza che è indispensabile monitorare tutte le eventuali e possibili fonti di inquinamento, attraverso un’azione preventiva, per salvaguardare la salute pubblica; tale consapevolezza, invece, nonostante la situazione generale desti preoccupazione, non sembra essere maturata negli ambienti comunali di Fisciano”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.