Notte di San Lorenzo: “Riaccendiamo le stelle, spegniamo gli sprechi energetici”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
notte_stelle_cadentiIn occasione della notte di San Lorenzo, uno degli eventi astronomici più celebrati al mondo, in cui è possibile osservare ad occhio nudo lo sciame delle perseidi, l’associazione UPI lancia la campagna “Riaccendiamo le stelle, spegniamo gli sprechi energetici”. L’evento astronomico, meglio conosciuto come la notte delle stelle cadenti, ha inizio nella notte del 9 agosto e si protrae fino al 13 agosto e secondo UPI Green,  il Dipartimento di Ecologia e Green Economy dell’Università Popolare, rischia di essere oscurato, soprattutto nelle grandi città, a causa del sempre più crescente inquinamento luminoso.

La tradizionale visione delle stelle cadenti, particolarmente più intensa nel mese di agosto, viene storicamente collegata al fenomeno del martirio di San Lorenzo, la cui ricorrenza  si celebra il 10 agosto. Il fenomeno della visione dello sciame è tuttavia attivo per diversi giorni con un picco di visibilità ricadente tra il 12 e 13 agosto. Le osservazioni vanno fatte in un luogo buio poiché la luce artificiale interferisce sulla visione delle scie luminose, rivolgendo lo sguardo in direzione nord/est poco sopra la linea dell’orizzonte.

Purtroppo – sostengono da UPI – l’inquinamento luminoso è in continuo aumento, soprattutto nelle città, ostacolando di fatto la visione delle stelle. Ed è proprio in questa occasione che l’associazione UPI, coordinata  del Dipartimento di Ecologia e Green Economy, UPI Green, ha deciso di lanciare la campagna“Riaccendiamo le stelle, spegniamo gli sprechi energetici” con l’obiettivo di stimolare le amministrazioni pubbliche alla riduzione dell’inquinamento ottico e luminoso nonché all’eliminazione degli sprechi energetici  degli impianti di illuminazione esterna di ogni tipo. In occasione della Giornata nazionale contro l’inquinamento luminoso che si terrà il 10 ottobre 2015 verrà fatto il punto sulle adesioni delle amministrazioni che si impegneranno a ridurre l’inquinamento luminoso nei propri comuni.

Inoltre, sottolineano da UPI, con questa iniziativa “riaccendiamo le stelle, spegniamo gli sprechi energetici” vogliamo, inoltre, sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dell’inquinamento luminoso e nella salvaguardia dell’ambiente naturale con i suoi bioritmi. Sarà possibile segnalare zone del proprio comune in cui il cielo è offuscato da illuminazioni pubbliche irregolari inviando una e.mail a riaccendiamolestelle@upinterculturale.org  oppure collegandosi alla pagina web www.upinterculturale.org/riaccendiamo-le-stelleo al profilo facebook www.facebook.com/riaccendiamolestelle.

Riduciamo l’inquinamento luminoso, riduciamo gli sprechi energetici e riaccendiamo le stelle.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.