Ucciso da un masso in discoteca, lacrime e rabbia ai funerali di Crescenzo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ciclome_ragazzo_mortoOggi amici e parenti hanno salutano per l’ultima volta Crescenzo Della Ragione, a quasi una settimana dalla sua morte. Il giovane di 27 anni schiacciato da un masso alla discoteca Il Ciclope è stato restituito ai suoi familiari solo ieri sera, dopo l’autopsia effettuata all’Ospedale di Vallo della Lucania dal medico legale Adamo Maiese. Il referto parla di schiacciamento del torace e sfondamento del cranio, con la rottura della spina dorsale e di un femore, oltre che di un polmone perforato. E’ probabile, inoltre, che Crescenzo stesse camminando quando il masso staccatosi dal costone che sovrasta il Ciclope gli è caduto addosso. Stava cercando riparo, insieme ad un amico e al cugino, perché aveva iniziato a piovere.

Sulla tragedia di lunedì notte c’è un’inchiesta che il procuratore capo del tribunale di Vallo, Giancarlo Grippo, continua a dire essere solo agli inizi, il che potrebbe voler dire che sarà ricercata la verità, fino in fondo, non solo sul caso specifico ma anche sulla gestione e la manutenzione di quei costoni di roccia, su quanto contenuto nelle autorizzazioni e nelle prescrizioni alla discoteca il Ciclope, su quanto fatto o non fatto dagli enti pubblici interessati. Gli indagati, al momento, restano quattro: il sindaco di Camerota, il proprietario del locale e due tecnici incaricati dei controlli. Le indagini puntano a fare luce anche sulle relazioni periodiche inviate all’autorità di bacino, sul comportamento tenuto dagli addetti alla sorveglianza la sera della tragedia e sul divieto, pare, di apertura in caso di pioggia.

Durante i funerali il vescovo di Aversa Angelo Spinillo ha detto:  “Non possiamo non porci domande per quello che è accaduto al povero Crescenzo e non pensare, pur senza voler esprimere giudizi, che l’uomo quando si allontana dalla vita e persegue soli l’interesse rischia di far del male a se stesso e ai suo fratelli”. Sulla bara la maglia dell’Inter di cui Crescenzo era tifosissimo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.