Lavoro nero nei campi, Cgil: “E’ tratta esseri umani”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
bandiera_cgilApprendiamo con soddisfazione dell’operazione di contrasto al caporalato compiuta dai Carabinieri di Montecorvino Pugliano questa mattina alle prime luci dell’alba, che ha portato al fermo di un uomo di nazionalità marocchina e di otto suoi connazionali.

Stiamo denunciando da anni il fenomeno e di quanto sia diventato pericoloso con la nascita del caporalato etnico che aggiunge un’aggravante a questa attività criminosa, quella cioè di una vera e propria tratta di esseri umani che spesso, attraverso il sequestro dei documenti, si trasforma in riduzione in schiavitù.

L’abbiamo ripetuto nel convegno/denuncia non più tardi di due mesi fa, alla presenza del Prefetto e del Questore, oltre che alle forze dell’ordine e delle istituzioni preposte al controllo. In quella occasione abbiamo anche evidenziato nel dettaglio le modalità criminali di ogni singola etnia, e quella dei marocchini aveva proprio le caratteristiche riscontrate nell’azione dei carabinieri.

Gran parte del lavoro agricolo della Piana del Sele è in mano a circa un centinaio di caporali, in prevalenza marocchini e rumeni. Circa 10.000 braccianti stranieri sono sfruttati con orari che spesso superano le dieci ore giornaliere e con un salario di 25-30 euro. Il lavoro nero raggiunge un tasso che supera il 60% e che aumenta in maniera considerevole nei periodi delle grandi raccolte.

Riteniamo che la repressione sia uno degli strumenti vincenti per il contrasto all’odioso fenomeno del caporalato e auspichiamo che altri interventi si ripetano con lo stesso successo, ma ad esso va però affiancato un intervento istituzionale che punti a ripristinare una forma di collocamento pubblico in agricoltura che garantisca una gestione limpida del mercato del lavoro.

L’impegno deve vedere coinvolta tutta la comunità per recuperare alla legalità un territorio che, soprattutto nel settore dell’agricoltura, sembra diventato terra di nessuno.

 

 

Giovanna Basile                                                             Anselmo Botte

          Segretario Generale FLAI-CGIL                                  Segretario CGIL Salerno

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.