Salerno: in migliaia all’alzata del Panno in onore di San Matteo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
23
Stampa
alzata_del_panno_san_mateo_salernoTanta gente  ha partecipato all’alzata del Panno che precede di un mese i festeggiamenti per San Matteo. Alle 19 la santa messa nella cripta è stata celebrata per la prima volta da don Michele Pecoraro. Poi  nel quadriportico del Duomo si è svolta  la tradizionale alzata del Panno in un clima di grande serenità dopo l’incontro in mattinata tra il Vescovo Moretti e i Portatori delle Statue per  definire gli ultimi dettagli sulla processione per il Santo Patrono di Salerno che si terrà tra un mese .

“Faremo una grande processione” ha detto qualche portatore all’uscita dal palazzo arcivescovile. Poco dopo è arrivata una nota congiunta, Vescovo – Portatori relativa all’incontro. Nella nota si fa riferimento anche al nodo più controverso, l’ingresso al Comune. A tal proposito questo è ciò che accadrà quando la processione transiterà dinanzi a Palazzo di Città:  “Dinanzi al Comune ogni statua si posizionerà (fronte all’ingresso) in fila, una accanto all’altra; la paranza di San Matteo si collocherà accanto alle altre in corrispondenza dell’arco principale del porticato, per una sosta al fine di permettere l’ingresso del Vescovo con il Braccio di San Matteo, con il quale Sua Eccellenza impartirà la benedizione del Palazzo Comunale, dinanzi alla vetrata raffigurante l’effigie del Santo Patrono” 

 

ECCO IL VERBALE DELL’INCONTRO TRA IL VESCOVO ED I PORTATORI

VERBALE INCONTRO DEL 21 AGOSTO 2015

 

L’anno 2015, il giorno 21 del mese di agosto, alle ore 11:00, in Salerno, presso la sede Arcivescovile, si sono riuniti in rappresentanza della Curia Metropolitana di Salerno S.E. l’Arcivescovo, il Vicario Generale ed il Parroco della Cattedrale ed in rappresentanza dei Portatori delle Statue della Processione di San Matteo i Capi Paranza e il Consiglio Direttivo, per determinare sull’argomento di seguito riportato:

Processione di San Matteo 2015: programma iniziative religiose e definizione del percorso e dei relativi aspetti organizzativi”.

 

A TAL FINE PREMESSO CHE

 

–        a seguito degli episodi accaduti nel corso della processione dello scorso anno, le parti sopra citate hanno avviato un percorso congiunto – fatto di chiarimenti e condivisione di intenti – al fine di una riconciliazione vera e di un profondo rinnovamento dello spirito che accompagna lo svolgimento di questo importante appuntamento che vede, tra l’altro, il coinvolgimento dell’intera comunità salernitana;

–        da tale percorso, caratterizzato da numerose riunioni tra referenti della Curia e rappresentanti dei portatori, scaturirà: da un lato un documento ufficiale “Atto Fondativo del Gruppo dei Portatori di San Matteo”, la cui bozza è già pienamente condivisa, che disciplinerà la vita delle paranze, i comportamenti dei portatori e le regole da seguire e rappresenterà il quadro normativo di riferimento per il corretto espletamento del servizio di portatore; dall’altro lato il perfezionamento di tutti i passaggi e tutti i movimenti da compiere durante il tragitto della processione stessa.

 

SI DECIDE

 

  • di riportare di seguito i prossimi appuntamenti ai quali tutti i portatori e le loro famiglie dovranno partecipare con devozione e fede autentica: 21 agosto “Alzata del Panno di S. Matteo”; “Omaggio floreale a piazza Flavio Gioia”; 21 settembre “S. Messa – Pontificale”; date ancora da definirsi: “Incontro riservato con S.E. l’Arcivescovo” e, alla presenza di S.E., il Vicario Generale ed il Parroco della Cattedrale, un “Pellegrinaggio” oltre ad “Incontri della Statua di San Matteo con i cittadini di altri rioni della città”.

 

  • di svolgere la processione del prossimo 21 settembre, previo coordinamento dell’intero corteo da parte di referenti e prelati individuati preliminarmente dalla Curia Arcivescovile, come di seguito riportato (ad ogni buon fine si allega al presente verbale la “Planimetria” riportante l’intero tragitto da percorrere per le vie cittadine):
  • i portatori delle paranze, a mano, preleveranno le statue dei Santi Gaio, Fortunato, Ante, Gregorio VII, Giuseppe e Matteo dall’interno della Cattedrale portandole nell’atrio del Duomo (sotto le arcate d’ingresso) ove sarà recitata la preghiera del portatore e sarà impartita la benedizione ai simulacri, schierati uno di fianco all’altro, che dovranno poi uscire in processione;
  • terminata la benedizione, nell’ordine suddetto, i Santi usciranno sulla balaustra delle scale d’ingresso del Duomo ed effettueranno una rotazione completa (planimetria, lett. A);
  • dopo la discesa delle scale del Duomo le paranze passeranno a spalla ed il corteo completo, anche con l’inserimento di n. 3 bande musicali, proseguirà per via Duomo e via dei Mercanti fino a giungere a piazza Sedile di Portanova;
  • ogni paranza che arriva nella piazza effettuerà, sulle braccia, una rotazione completa e si posizionerà (fronte alla banca e spalle al mare) in fila, una accanto all’altra, per una sosta al fine di pregare per i malati e gli infermi: S.E. l’Arcivescovo reciterà una preghiera ed impartirà una benedizione (planimetria, lett. B);
  • si ripartirà e, percorrendo il Corso V. Emanuele, si giungerà all’incrocio con via de Principati ove ogni paranza effettuerà, sulle braccia, una rotazione completa (planimetria, lett. C);
  • il corteo scenderà per via A. Cilento e all’incrocio con Corso G. Garibaldi ogni paranza effettuerà, sulle braccia, una rotazione completa (planimetria, lett. D);
  • la processione proseguirà compatta per Corso G. Garibaldi e via Roma, fino all’altezza del palazzo della Provincia ove, di fronte alla via G. Vigorito, girerà a sinistra verso piazza Cavour;
  • tutto il corteo entrerà e passerà in piazza Cavour (lato Lungomare) e le Statue saranno appoggiate, per effettuare una sosta, sulle transenne già predisposte dall’organizzazione; tale situazione consentirà ai portatori di riposarsi e ristorarsi con dell’acqua offerta dal chiosco preparato dal Comune di Salerno. Successivamente S.E. l’Arcivescovo reciterà una preghiera ed impartirà una benedizione per tutti i lavoratori, gente del mare e profughi (planimetria, lett. E);
  • una volta ricompattato, il corteo rientrerà, per la traversa di fronte via Duomo, su via Roma per proseguire a sinistra fino all’ingresso principale di Palazzo di Città;
  • dinanzi al Comune ogni statua si posizionerà (fronte all’ingresso) in fila, una accanto all’altra; la paranza di San Matteo si collocherà accanto alle altre in corrispondenza dell’arco principale del porticato, per una sosta al fine di permettere l’ingresso del Vescovo con il Braccio di San Matteo, con il quale Sua Eccellenza impartirà la benedizione del Palazzo Comunale, dinanzi alla vetrata raffigurante l’effigie del Santo Patrono (planimetria, lett. F);
  • la processione ripartirà, superando Piazza Amendola e parte della Villa Comunale, rientrando per Largo Ragno, alla volta della Chiesa dell’Annunziata ove, rivolgendo le Statue verso l’ingresso, il Parroco provvederà ad incensarle (planimetria, lett. G);
  • si proseguirà per via Portacatena fino a Largo Sedile del Campo ove ogni paranza effettuerà, sulle braccia, una rotazione completa (planimetria, lett. H);
  • infine si percorrerà il tratto conclusivo del percorso per il centro storico (via da Procida, Dogana Vecchia, dei Mercanti) per ritornare su via Duomo fin sotto le scale d’ingresso della Cattedrale;
  • in tale ultima fase le paranze saranno nuovamente riportate a mano ed effettueranno la consueta corsa per le scale fino a giungere sulla balaustra ove ogni paranza effettuerà, sulle braccia, una rotazione completa (planimetria, lett. I);
  • successivamente tutti i Santi rientreranno nell’atrio del Duomo e le paranze saranno appoggiate su transenne già predisposte. Solo San Matteo rimarrà a mano (o eventualmente su transenne se predisposte) sulla balaustra, facendo da sfondo a S.E. l’Arcivescovo ed al Parroco della Cattedrale che reciteranno preghiere, benedizione e saluti.

 

Al termine i Santi verranno accompagnati dai portatori all’interno del Duomo e posizionati sugli scanni predisposti nella navata laterale.

Si precisa che su tutto il percorso sarà predisposto un impianto di amplificazione con un sistema Wi-Fi di altoparlanti.

 

Alle ore 12:00, non essendovi altri argomenti su cui discutere, la seduta si è sciolta.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

23 COMMENTI

  1. Oggi Moretti glielo rispiega di nuovo anche con i disegnini e questi manovrati e pretestuosi continueranno a mugugnare.
    Stasera teneteli fuori dalla Cattedrale perché questi imbecilli sono capaci di presentarsi con gli striscioni ed i bengala a fare il solito cabaret.

  2. …Infatti, io stamattina commentavo semplicemente che il tizio inquadrato di spalle a destra, è un noto facinoroso ULTRA’ granata, ben conosciuto dalle forze dell’ordine… con quale faccia, fa il portatore nel nome di un sacramento? si prega di pubblicare Redazione – grazie

  3. Confermo, la maggior parte di questi loschi ceffi, sono ultras della Salernitana della maggiore specie e spesso violenti … e dovrebbero vergognarsi di mischiare sacro col profano nel nome del Santo Patrono …

  4. E mazzamma ra gente quelli ke portano a San Matteo è sempre risaputo…i Maccarun a copp e a puma rosa a sott!

  5. Stravolgeranno planimetria lett. F
    Toglietegliele dalle mani, questi faranno di testa loro.

  6. Concordo coi primi commenti (quello di spalle a destra lo conoscono tutti….). Inoltre perché i portatori sono vestiti con una tunica color granata e non bianca con le 3 strisce del comune (bianca = purezza)? A significare uno strettissimo legame tra San Matteo e la Salernitana???
    Nann capit nu beeeeeep!!!!! Ditelo a questi “ragazzi per bene”!!!!!

  7. ….che città di santi…ma tutti questi commenti sono dei signori che vanno in chiesa in giacca e cravatta…la domenica con le mogli in pelliccia…che li trovi nei dibattiti televisivi a fare i filosofi …e non entrano nel merito di nulla se non sputare sentenze… oppure si nasconde altro dietro di voi….

  8. Azzzz a sentire questi ,Salerno è una città colma di persone cattolicissime ,vergini,ed affini…

  9. E se il Monsignore si facesse la processione solo coni i puri senza-peccato di questa città… sarebbe una processione lunghissima con tutte le anime protese verso il cielo in attesa della beatificazione.Io sono un peccatore ,quindi non ci sarò.

  10. Trovo veramente incredibile che una processione religiosa debba scatenare tante polemiche pretestuose.Perchè profanare II sacro?quale relazione tra politica,tifoseria e evento religioso?Mi viene in mente il fastoso e pacchiano funerale del boss romano,un evento dal significato inquietante e vergognoso.Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio.Io,pur essendo credente,cancellerei del tutto le processioni,pratiche che avevano un ruolo e un significato nei secoli scorsi e non ai nostri giorni.Chi vuole venerare un santo può farlo facilmente in forma personale.Mi chiedo quale piacere abbiano i Santi nell’essere sballottolati da fedeli(!?) che pesso bestemmiano proprio durante la processione.Anche una certa stampa locale ha le sue colpe.Sobrietà,serietà e rigore non bastano mai.

  11. Hai centrato perfettamente l’argomento.
    Quello che da’ fastidio è vedere i portatori ( devoti e fedeli timorati di Dio) voler decidere cosa fare strumentalizzando pretestuosamente tradizioni popolari per squallidi e personali gesti di personale gratitudine.
    Se vai a vedere chi sono, cosa fanno e dove lavorano, ti puoi rendere conto di cosa parliamo.

  12. O voi che scrivete figli delle chiancarelle la vostra firma è tangibile….quindi di che parlate…siete opportunisti…quindi il nulla… o voi nemici di salerno…che non sapete nulla di salerno…

  13. Il finto buonismo della gente è allucinante.leggendo i commenti sopratutto i primi tre mi rendo conto della pochezza e della ipocrisia celata dietro una presunta fede vs il Santo Patrono.c’ è chi dice e parla di bengala e cabaret,chi giudica a livello personale un portatore solo per essere rappresentante della tifoseria granata,chi accosta il colore dei portatori della paranza di San Matteo solo esclusivamente ai granata mah essere portatori si tramanda in padre in figlio e gli stessi con devozione al loro impegno e al sentimento verso la celebrazione del 21-09 antepongono la fede a tutto il resto.
    Ricordo il 21-09-1997 all’ Arechi si giocava Salernitana -Reggiana e quei facinorosi o imbecilli come vengono appellati da quella mente eccelsa che ha scritto hanno abbandonato la Curva per essere alla processione ma di cosa vogliamo parlare.Ciascuno vive la fede e la devozione a San Matteo secondo il proprio modo ma non per questo devono essere giudicati come persona
    comunque ad ogni modo il mio personale pensiero va a voi per quello che avete fatto, fate e farete
    ONORE A VOI

  14. Il finto buonismo della gente è allucinante.leggendo i commenti sopratutto i primi tre mi rendo conto della pochezza e della ipocrisia celata dietro una presunta fede vs il Santo Patrono.c\’ è chi dice e parla di bengala e cabaret,chi giudica a livello personale un portatore solo per essere rappresentante della tifoseria granata,chi accosta il colore dei portatori della paranza di San Matteo solo esclusivamente ai granata mah essere portatori si tramanda in padre in figlio e gli stessi con devozione al loro impegno e al sentimento verso la celebrazione del 21-09 antepongono la fede a tutto il resto.
    Ricordo il 21-09-1997 all\’ Arechi si giocava Salernitana -Reggiana e quei facinorosi o imbecilli come vengono appellati da quella mente eccelsa che ha scritto hanno abbandonato la Curva per essere alla processione ma di cosa vogliamo parlare.Ciascuno vive la fede e la devozione a San Matteo secondo il proprio modo ma non per questo devono essere giudicati come persona
    comunque ad ogni modo il mio personale pensiero va a voi per quello che avete fatto, fate e farete
    ONORE A VOI

  15. Per il solito…..sei e siete nemici di salerno….voi fanta filosofi fanta teologi….fanta critici…fanta moralisti…fanta vergini…fanta moralizzatori…figli opportunisti….della giacca cravatta e delle pellice della domenica mattina…in alcune chiese del centro storico…siete il veleno di salerno….nemici eterni di salerno…

  16. Caro Vescovo fai capire ai PortatoriR che come amano S. Matteo devono amare anche SALERNO !!!!! In che Modo Amare SALERNO ? ESSERE CIVILI !!!!! Per Esempio non mettere le macchine in dpppia fila non buttate materassi o lavatrici ecc…..in qualsiasi posto .ecc…..Ma Soprattutto esseri CIVILI PERCHÉ SALERNO HA BISOGNO DI RECUPERARE LE BUONE MANIERE BUON SENSO EEDUCAZIONE ,CULTURA .in tutti i campi
    PER DIVENTARE la migliore citta D ITALIA

  17. Accidenti, mai sentito un pirito lungo da diversi giorni. Sei veramente una solida realtà. Compimenti!!!

  18. i portaori tanto che sono devoti e cattolici professanti che….. vorrei chidergli di recitare il salve regina o il pater nostro…. alltrimenti sono solo dei pusillanimi……

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.