Bagnante ferito da razza velenosa, ricoverato al Pronto Soccorso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
razza_marina_salernoUn giovane si è ferito mentre tentava di evitare che un pesce razza pungesse con il suo aculeo alcuni bambini in riva al mare su una spiaggia tra Pontecagnano e Battipaglia. L’animale ha però colpito il giovane ad un braccio iniettandogli il veleno. Dopo alcuni minuti il ragazzo non si sentiva più il braccio ed è stato costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso dell’ospedale Ruggi di Salerno. L’uomo è stato tenuto in osservazione: la razza è infatti un pesce che contiene veleno ed il braccio si è immediatamente gonfiato ma senza l’interessamento dei tendini come si temeva in un promo momento. Consultato anche un centro sulle specie marine del Nord per trattare nel migliore dei modi il paziente che non sembra aver subito particolari conseguenze dalla puntura di questo esemplare di Pteroplatytrygon violaceus, o trigone pelagico, specie niente affatto di casa nelle acque del Golfo di Salerno.

Appartenente alla categoria dei pesci cartilaginei, o condroitti, assieme a torpedini, aquile di mare, mante e squali, il trigone pelagico è un animale gregario. Muove il corpo piatto ed elegante grazie alla presenza di due ampie “ali” laterali. Si nutre di polpi, seppie, calamari ma anche di acciughe e organismi planctonici, che divora attraverso la bocca posta ventralmente, e non in punta di muso come per i pesci ossei (con uno scheletro completamente ossificato). Questa specie è ovivipara, dà alla luce 4-5 piccoli lunghi appena 10-12 cm, che sono alimentati con una secrezione uterina. Non attacca l’uomo, ma se minacciata si difende con l’aculeo seghettato posto alla base della coda, che può rilasciare un veleno dagli effetti tutt’altro che piacevoli, anche se per fortuna non mortali.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. È diventato impossibile fare il bagno nella nostra zona. L’acqua è sempre torbida, piena di alghe e schiuma. Inquinanti organici ed inorganici hanno fatto morire tanti pesci, centinaia di gabbiani sguazza no allegramente alla ricerca dei rifiuti e scambiano allegramente sui bagnanti. Topi e cani randagi sulle spiagge, ultimamente hanno trovato anche un piccolo squalo morto, questo mancava alla collezione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.